8

Quando la collezione ti sommerge casa...


Io ne sono certo: le collezioni uccidono!

C'è chi colleziona libri rari...
C'è chi colleziona francobolli...
C'è chi colleziona cartoline...
C'è chi colleziona monete...

E c'è anche chi colleziona mariti (o mogli, a seconda del sesso, ovviamente)...

In tutti i casi però, le collezioni sono cose che fanno veramente male e che possono rovinare un'intera esistenza!

Si comincia da piccoli...
Le prime cose che ti regalano - quasi tutti - sono quei giocattolini morbidi che quando premi sul pancino eseguono un'odiosa nenia mortale...
A due anni sarai sommerso di questi aggeggi, e a 20 te ne ritroverai ancora qualche esemplare nascosto in qualche angolo buio della casa, pronto ad assalirti con la melodia malefica quando meno te lo aspetti!!

Verso i cinque anni, comincerai a collezionare:
a)- figurine di qualsiasi puttanata tu abbia visto in tv (cartoni animati, film, telefilm, calciatori)
b)- pupazzi di ogni sorta(per lui), Barbie e Sbrodoline (per lei)
c)- macchinine e trenini (per lui), casa di Barbie e accessori della Sbrodolina (per lei)
d)- armi giocattolo di ogni tipo (per lui), minicucine, miniaspirapolveri et similia (per lei)

...e con questi oggetti ci camperai finchè non crescerai (più o meno, c'è gente che in realtà ci campa ancora)!

La pubertà è un periodo pericoloso...
Dopo essere passati per il periodo "telematico" (dove l'iniziazione videoludica è un passaggio obbligato per tutti), i maschi cominciano a collezionare (oltre a caterve di fumetti e libri assolutamente inutili) giornalettini simpatici con tante belle donnine sopra...

A questo punto, verso i 15/16 anni si possono intraprendere solamente due strade: o si perde interesse per il collezionismo, o si è votati eternamente a esso.

E purtroppo a questa scelta non si scampa...

Immagino però che i bambini e gli adoloscenti di oggi abbiano abitudini collezionistiche un pò diverse dalle mie (anche perchè è già tutto molto diverso rispetto a 10 anni fa)...

Dal canto mio, sono un fanatico collezionista di:
- pupazzi
- libri
- film
- fumetti


Di pupazzi ne ho fin sopra al soffitto...E ho ancora conservati tutti quelli di quando ero bambino. Figura, tra l'altro, l'intera collezione de "I cavalieri dello Zodiaco", la maggior parte del set base dei "Masters", e tantissimissimi pupazzi dei set dei vari personaggi Marvel e Dc...

Sui film, ho un piccolo blockbuster a casa...Una volta provai a catalogare le videocassette originali, ma dopo la 250° lasciai perdere...
- per fortuna che oggi ci sono i dvd, che ingombrano poco -

Per quanto riguarda i fumetti...Beh, per quello magari ci si fa un post a parte!! :D


Avviso: Mozzilla Firefox boicotta questo blog e non rispetta le mie indicazioni!! Perciò se vedete questo post senza la visualizzazione sintetica, è colpa sua, non mia!!!

Continua a farti del male...
8

Quando compri un libro a caso...


Tralasciando l'immagine di Bisio (che però è spettacolare), oggi vi pongo un quesito...
Avete mai provato a comperare un libro a caso?
Io non l'avevo mai fatto, fino alla scorsa settimana...
La cosa curiosa è che il libro che ho acquistato si sta rivelando come il più piacevole (se non il più bello) tra quelli letti dall'inizio dell'anno.

In genere, quando decido di acquistare un libro, lo faccio perchè:
a)- conosco bene l'autore e ne sono estimatore
b)- ho letto un'ottima recensione
c)- mi interessa la trama
d)- mi incuriosiscono i temi trattati
e)- è un classico (che costa poco)
f)- ne parlano tutti: fammi vedere di che si tratta! (ma qua cerco sempre prima l'ebook)

Poi, dopo un'attenta valutazione, vado in libreria a "botta sicura" e mi piglio il libro che ho scelto.

Continua a farti del male...
11

...storia di una scan



Avete mai provato ad editare la scan di un manga?
Per chi non lo sapesse, si definisce "scan" la scansionatura di questo o quel fumetto...
Io fino a ieri non l'avevo mai fatto!
Mi sono divertito, ma sinceramente è stata una faticaccia...

Domanda
Come si fa a trasformare una scan da così:



A così:



Tralasciando il dettaglio che ci vuole quasi una giornata intera, i procedimenti sono molteplici,!

Innanzi tutto, si deve procedere alla pulitura della scan. Quella originale è troppo "grezza" e magari può non andare bene. In genere, le prime scan sono sempre di pessima qualità e quindi il lavoro da fare è veramente ostico, complicato, ma soprattutto, prolungato.

Poi bisogna avere una bella traduzione. E se si hanno le scan in giapponese - ma non si conosce la lingua - sono "volatili per diabetici" (devo tradurre?)
Se c'è una simpatica trasposizione in inglese, si traduce quella e si è a posto...
Se poi c'è qualche persona di buona volontà, che il giapponese lo sa ed è disposta a darti una mano (chi ha urlato "Deborah"?) è ancora meglio...

Dopo aver ottenuto una traduzione "decente", si passa all'editing...
Questa fase del lavoro è probabilmente la più divertente, ma ci vuole un bel pò di tempo per cancellare i kanji giapponese e riempire i baloon con i dialoghi.
Inoltre, bisogna sempre adattatare il testo...

L'ultimo lavor(acci)o è la revisione...Capita sempre che ci siano sbavature o piccoli sbagli...Ed è (forse) la parte più delicata dell'intero lavoro, dove, se non si sta attenti, si manda tutto a donnine...

In definitiva: divertente, è divertente...
Si impara ad "usicchiare" Fotosciòp e si vede un fumetto che prende vita...
Ma se non si ha a disposizione un'intera serata da dedicare al lavoro, state sicuri che questo non fa per voi!!

Ps: se qualche editor di qualche casa fumettistica passasse di qua e vedesse QUESTO LAVORO, può anche chiamarmi per propormi un posto di lavoro!

Io non mi offendo mica eh!!

Continua a farti del male...
6

Watchmen

Chi vigila sui vigilanti?


Premessa
Dicono (anzi, è sicuro che sia così), che Watchmen sia la graphic novel più bella di tutti i tempi. Oggettivamente sono d'accordo. Soggettivamente, no.
Per quanto sia indiscutibilmente un capolavoro, Watchmen l'ho trovato di una pesantezza unica, un polpettone strabiliante, certo, ma pur sempre un polpettone. Quindi difficile da digerire.

Ritornando sul personale, preferisco di gran lunga graphic novel come 300, V x Vendetta e Batman: il ritorno del Cavaliere Oscuro.

Per il film invece è tutto il discorso inverso. A livello personale l'ho (paradossalmente) apprezzato di più. Ma se mi mettessi per un attimo nei panni di chi non ha letto il fumetto, comincerebbero i problemi.

La scelta del regista rimanere fedele - troppo fedele - alla grapich novel secondo me è controproducente.

Escludendo la colonna sonora e i favolosi brani anni '70/80, per quanto i titoli iniziali siano superbi, secondo me sono fuorvianti e contribuiscono a confondere lo spettatore che dell'argomento non sa una cippa.

Chi non sa un tubo di Watchmen, farà fatica a seguire la prima mezz'ora del film e probabilmente penserà: "Ma che diavolo sto vedendo? Ho buttato solo soldi. Quasi quasi me ne esco dalla sala".

Se non avessi letto il fumetto, farei fatica a capire il contesto storico in cui è ambientato il film. Solo dopo mezz'ora si spiega che i fatti narrati avvengono in una realtà "alternativa", dove gli USA hanno vinto la guerra del Vietnam grazie al dottor Manhattan, Nixon non è mai stato incriminato per il Watergate ed è stato eletto per ben 4 volte Presidente.

Non sarebbe stato meglio utilizzare un paio di minuti all'inizio per fare una bella introduzione sul contesto storico?

Per quanto riguarda il finale, ho sentito gridare allo scandalo e la maggior parte degli amanti del fumetto probabilmente l'hanno trovato inaccettabile.
Personalmente, (nel fumetto) il polipone "alieno" che devasta New York non l'ho proprio digerito. Anzi, quando l'ho letto mi sono cadute le braccia. E' vero che il fumetto è vecchiotto e la trovata di mostri, alieni et similia erano un clichè onnipresenti nella narrativa di genere - non a caso il mostro tentacolare in una scena distrugge un cinema dove stanno proiettando "Ultimatum alla Terra" - però io l'ho trovata davvero una brutt(issim)a idea.

Il regista, optando per una "soluzione finale tecnologica" si è tenuto al passo coi tempi (nostri), eliminandoci il piovrone alieno. Forse, dal punto di vista meramente cinematografico, il piovrone sarebbe stato anche più "scenico". Ma io ho preferito di più questo finale in cui Voidt costruisce questa bomba che ricrea gli effetti di un'esplosione generata dal dr. Manhattan. Tanto alla fine, Manhattan la Terra la lascia lo stesso, quindi...

Nel complesso, come ho scritto prima, il film mi è piaciuto.
Le 2 ore e mezza di lunghezza della pellicola ci stanno tutte (e se non sbaglio - qua mi appello a Paolone - il film è anche tagliato e ne dura 4).

Gli attori sono tutti azzeccati.
Il Comico e Rorshach sono una spanna sopra gli altri e sono - forse - i due personaggi meglio caratterizzati dell'intero film.
I costumi ridisegnati mi sono piaciuti molto e il dr. Manhattan in computer grafica con l'alone blu/metano è grandioso.

Film consigliato per gli amanti del genere...Ma sconsigliato per quelli che pensano sia il solito film/fumettone sui supereroi.

Buona visione! :D

Continua a farti del male...
14

He Man e i Dominatori dell'Universo

Tempo fa avevo cominciato a parlare dei cartoni animati che hanno "rovinato" la mia infanzia. Se Holly e Benji è stato sicuramente il primo, He Man e i Dominatori dell'Universo si aggiudica tranquillamente il secondo posto.

Concepito da Enzo Paolo Turchi e Raffaella Carrà in una notte di passione, primo di due fratelli (il secondo è Pavel Nedved), Adam viene adottato dal re e dalla regina di Eternia, un pianeta dove convivono maghetti alla Erri Potta e villaggi futuristici alla Bleid Ranner.


La famiglia di Adam



Perennemente vestito con un abitino rosa/gaio, un giorno, per caso, Adam solleva la sua spada al cielo e urla: "Per la forza di Greiscull! La forza è con meee"Investito da lampi, bagliori, fulmini e dalla Municipale, di fronte a un castello a forma di teschio apparso all'improvviso e di fronte al suo animale domestico (una tigre verde che si trasforma in Sherekàn con tanto di armatura), Adam prende le sembianze del celeberrimo "Lui-Uomo".


Adam trasformato in "Lui-Uomo"



Coadiuvato da bonazze, elfi, nani, Orki, Edward Cullen antidiluviani, ma soprattutto da Massimo Dapporto, Adam/"Lui-Uomo" combatterà per la pace di Eternia contro le forze demoniache di Skeletor (composte da tipacci altamente rinomati per il loro Q.I. poco sopra la mediocrità).

Man at Arms, alias Massimo Dapporto


Skeletor, nemico giurato di "Lui-Uomo"



Ciò che mi ha rovinato di questo prodotto, non è tanto il cartone in sè quanto l'infinita serie di giocattoli, pupazzi e mostri ad esso correlati.Da bambino ce li avevo tutti - Castello di Greyskull compreso -

He-Man mi ha rovinato per sempre, poichè mi ha inculcato la passione/mania per le action figures (traducasi: pupazzi).

Il che non è una cosa posita, data la mia "veneranda" età!

Continua a farti del male...
13

American Gods


American Gods è un romanzo semplice e allo stesso tempo complesso.
American Gods è un romanzo che tiene incollato il lettore dall'inizio alla fine.
American Gods è un romanzo che andava (e va) assolutamente letto.

La Trama
Shadow esce di prigione dopo tre anni e viene contattato da Mr. Wednesday, un signore enigmatico che gli offre un lavoro. Insieme gireranno l'America in lungo e in largo e Shadow scoprirà che il suo datore di lavoro altri non è che Odino, il quale sta cercando di riunire tutti gli Dei antichi e dimenticati per muovere guerra alle nuove divinità (la tecnologia, il denaro, ecc).

Ciò che mi è piaciuto di questo libro, più che la trama in sè (piuttosto prevedibile dalla seconda parte in poi) sono state le sotto trame e le sottostorie correlate ai vari personaggi secondari che appaiono mano mano.

Sono presenti tutta una serie di divinità che, dimenticate dai loro fedeli, sono costrette a condurre una vita normale.
Odino è un truffatore.
Thot e Anubi hanno una impresa di pompe funebri.
Horus è impazzito e vive solo sottoforma di falco.
Bilquis fa la prostituta.
Chernobog vive con la pensione.
E così via.

Il romanzo contiene una quantità impressionante di racconti e aneddoti.
Spettacolare la rapina di Wednesday alla banca.
D'antologia i racconti sulle truffe del violino e del vescovo.
Bellissimi i resoconti del signor Ibis (Thot) sugli arrivi in America degli emigranti, che portavano con sè le loro divinità.

E' un libro che gli amanti del fantasy e del fantastico non possono assolutamente perdere.
Consigliatissimo!

Ps: acquistato il primo numero di "The Sandman", scritto da Gaiman. So che è un capolavoro, quindi appena ho un pò di tempo, me lo leggo.

Continua a farti del male...
3

Ho deciso che a Marzo vi parlo...

A Marzo vi parlerò di tutto e di più...
A Marzo vi parlerò di libri e fumetti...
A Marzo vi parlerò di film e telefilm...
A Marzo vi parlerò di spettacolo e cultura...
A Marzo vi parlerò di musica e intrattenimento...
A Marzo vi parlerò di internet e cazzeggio...
A Marzo vi parlerò di un sacco di cose diverse...

Ma a Marzo - questo Marzo - state sicuri che non parlerò di Politica...

...altrimenti vi appallate troppo e non mi venite più a trovare! :P

Continua a farti del male...
 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro