8

Pan di Francesco Dimitri


Premessa
Io penso che quando si scrive di qualcosa che si è letto (fumetti, libri) o visto (film, telefilm), per quanto oggettivi si cerchi di essere si finisce sempre per sfociare nella soggettività.
E allora, se dovessi tener conto del canone oggettivo, potrei benissimo dire che "Pan" di Francesco Dimitri è un buon libro. Di contro, se parlassi dal punto di vista soggettivo, direi (anzi dico) che Pan è sì un buon libro, ma sotto certi aspetti è anche un pessimo libro...

La Trama
Nella Roma di oggi accadono cose strane.
Si sente odore di bosco e odore di salsedine che non dovrebbero esserci...
Ci sono murales sparsi per Roma, che ritraggono tutti la stessa isola e figure in volo...
Si sente molto spesso un suono di un flauto in mezzo al traffico...
E ci sono bambini armati, pronti a uccidere, che lasciano un messaggio: "Dì loro che sta tornando"...

Ma chi è che sta tornando?
Ovviamente, si tratta di Peter Pan.
Un Peter Pan che non è il fanciullo odioso spensierato del libro di Barrie, ma che è il Pan della mitologia classica, il fauno caprino signore di Arcadia, reincarnato un'ultima volta per battersi contro il suo nemico di sempre, Capitan Uncino (il quale, a sua volta, non è Capitan Uncino ma Grayface, ovvero la divinità che incarna tutto ciò resta quando le altre divinità scompaiono).

Le due divinità in lotta sono l'una l'antitesi dell'altra.
Da una parte c'è Pan, il dio giocondo, amante delle feste e della libertà, colui che ama l'anarchia e la frenesia generata da essa (e della quale si nutre, assieme alla paura).

Dall'altra c'è Greyface, il censore, colui che aspira all'ordine più assoluto, alla repressione della fantasia e degli istinti, che fa della morale, del controllo e del rispetto delle leggi il suo cavallo di battaglia.

In mezzo a questa guerra, loro malgrado, saranno coinvolti i veri protagonisti del romanzo: i fratelli Cavaterra (Angela, in arte "La Meravigliosa Wendy", prestigiatrice squattrinata; Giovanni, laureando in sociologia; Michele, futuro sciamano cittadino) e alcuni loro amici (su tutti, Giada, amica di Angela; Luisa, la ragazza di Giovanni).

Cosa non mi è piaciuto
E qui (soggettivamente parlando) cominciano i punti deboli del romanzo. I
personaggi. Personaggi senza un minimo di carattere che fanno cose irrazionali, sfaccettature nemmeno poco velate dell'autore (basta leggere la biografia in terza di copertina e visitare il suo sito per capire cosa possa piacergli).

E quindi, Angela è una nerd amante dei giochi di ruolo e del fantastico (come l'autore).
Giovanni è uno studioso di sociologia che punta a scoprire il fantastico nella realtà (come l'autore).
Michele è un nerd appassionato di fumetti (come l'autore).

Per carità, può sembrare una critica poco costruttiva, ma a me sono sembrati tutti personaggi artefatti e poco credibili.
Senza rivelare troppo della trama, i personaggi principali vivranno delle peripezie che, sfortunatamente, li priverà di persone importanti nella loro vita (leggasi: muoiono tutti i parenti e amici più stretti) e sembra quasi che ai personaggi non importi nulla (leggasi: non gliene frega niente proprio)...
Addirittura, una tizia assassina e sventra il tipaccio che un secondo prima l'ha stuprata, e un paio d'ore dopo canta e balla sulla spiaggia dell' Isola che Non C'è.

E ancora: il mondo ideato da Dimitri si basa secondo tre Aspetti della realtà chiamati "La Carne", "L'incanto" e "Il Sogno". Se La Carne è il nostro mondo, e il Sogno quello onirico del sogno (per l'appunto), si capisce ben poco di come si faccia a raggiungere l'altro aspetto, quello dell'Incanto (dov'è presente l'Isola che non c'è e dove Michele può visualizzare tutti gli spiriti e le Entità).
Di punto in bianco i personaggi passano da un aspetto all'altro, senza che l'autore, tramite qualcuno dei personaggi, ci dia una spiegazione plausibile del perchè sia possibile farlo.

Soprassedendo al come e perchè siano presenti divinità nella nostra epoca (Gaiman e Evangelisti sono molto più bravi a dare spiegazioni del genere nei loro romanzi, quando parlano di divinità ancora esistenti grazie al potere intrinseco del pensiero e della parola di cui alcune divinità si nutrono), non mi è piaciuto affatto lo stile della scrittura.
Personalmente, penso che il libro trasudi di presunzione da parte dell'autore (è come se ad ogni pagina mi avesse voluto dire: "Guarda come sono figo, guarda come so scrivere bene!"), quando invece l'ho trovato carente, approssimativo e abbozzato nelle descrizioni e nelle spiegazioni di ciò che succede nella maggior parte delle azioni. Alcune scene, più che descrizioni, mi sono sembrate appunti.

Cosa mi è piaciuto.
L'idea. L'idea di partenza di Dimitri è spettacolare. Una revisione del genere di un classico della letteratura come Peter Pan, scritta secondo certi canoni che spaziano dal fantastico all'horror non è davvero niente male.
Se il libro fosse stato più approfondito in certi aspetti, forse sarebbe stato davvero un piccolo capolavoro.
In giro, leggendo pareri e recensioni su Pan e Dimitri, ho sentito gridare al miracolo. Ho letto che ad oggi, Dimitri è il più grande esperto del fantastico e non si lesinavano paragoni con Neil Gaiman (povero Gaiman).

Non è per cattiveria, beninteso...

Di brutture letterarie "fantastiche" in Italia ce ne sono e i 3/4 della narrativa di genere sarebbe meglio darla alle fiamme. Questo Pan rappresenta certamente una bella novità e una bella idea, nulla da dire su questo.
Però, se è davvero "il meglio" di quello che ci possiamo permettere e di quello che riusciamo a inventarci, allora, ahimè, stiamo veramente rovinati...

Perdonate la prolissità...In genere sono molto più "ermetico"!! :D

Continua a farti del male...
7

Toda gioia, toda monnezza!!



Pensate che questa foto sia stata scattata durante "l'emergenza rifiuti" di quest'estate a Napoli? Sbagliato! Questa è una foto scattata venerdì, 24 Aprile nell'altolocatissimo quartiere del Vomero.
Il perchè è presto detto: quando sentite nanetti che dicono di aver sgomberato Napoli dai rifiuti, tranquillizzatevi, perchè i rifiuti a Napoli ci sono sempre...

Certo, non siamo più ai livelli di strade intasate da chilometri e chilometri di spazzatura, ma "vedute" come quelle della foto sono quasi sempre la normalità, anche al centro storico.
Come dicevo prima, la spazzatura qui non se n'è mai andata...
Evidentemente, e mi rattristo nello scriverlo, Napoli e Munnezza sono un'accoppiata indissolubile!

Basta farsi una passeggiata nell'interland napoletano per rendersi conto poi che la situazione, da quelle parti, non è mai cambiata...
Là, la spazzatura regna ancora sovrana per chilometri e chilometri, si continuano a bruciare cassonetti, a incendiare rifiuti e sversare materiali tossico/nocivi nelle campagne...

Di contro, devo dire che esistono anche zone franche.
Il consiglio comunale del mio quartiere (Bagnoli) effettua dal settembre scorso una raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta (come avviene nei comuni civili e civilizzati ormai da anni)...
Dalle strade sono stati completamente eliminati i cassonetti della spazzatura, da quasi un anno cammino in una Bagnoli pulita e ben curata (vi assicuro che in passato Bagnoli era veramente un'indecenza) e il ritiro della spazzatura differenziata avviene regolarmente...

Speriamo continuino così! Di tanto in tanto, qualcosa funziona anche da queste parti! - per fortuna!

E da voi la fanno la raccolta differenziata?

Continua a farti del male...
10

Ai eit Fairfocs!!



Il Tempo vola...e Voli anche tu, Peter! Frase celeberrima di Capitan Uncino sul ritorno di Peter Pan nel film "Hook".

Il tempo vola davvero...Ha ragione il buon vecchio Capitan Uncino (sono nella fase di lettura di Pan, quindi un rimando al peterpanesco era d'obbligo!)!!
Mica mi ero accorto che fosse già passata una settimana dall'ultimo post!
- lo so che già stavate pregando le vostre divinità, sacrificando agnelli sugli altari, immolando fratellini e sorelline e pregando dal fenicio all'aramaico affinchè tornassi presto! -


In questa settimana mi sarebbe piaciuto parlare (scrivere) di tante cose...

Avrei voluto parlare di Berlusconi (che è tanto che non compare in un post)!
Avrei voluto parlare di "Shooting Silvio" (quindi sempre di Berlusconi)!
Avrei voluto parlare di Kings, ma Tanabrus mi ha bruciato sul tempo!
Avrei voluto parlare di altre mille mila cose diverse...

...invece sono costretto a (s)parlare di Mozzilla Firefox!!

Perdonatemi lo sfogo ma...
...IO LO ODIO, FIREFOX!!!!
Non l'ho mai sopportato e mai lo sopporterò!
Indubbiamente è il browser web più veloce del mondo, ha estensioni scaricabili bellissime e formidabili, una personalizzazione che Explorer si sogna di notte...ma io proprio lo schifo! E poi mi boicotta il blog...
Non so se avete notato (i visualizzatori di firefox sicuramente), ma da qualche tempo a questa parte, il dannato browser volpesco non mi effettua la visualizzazione sintetica dei post...

E io ADORO la visualizzazione sintetica dei post, perchè rende il blog più ordinato, non mostra post chilometrici e fa immediatamente capire agli utenti se l'articolo possa interessare oppur no...

Se qualche genio del Pc, passando di qui per caso, sapesse qualcosa al riguardo...bhe, è pregato di fare un fischio!

Continua a farti del male...
10

Bilanciotto letterario


Ed eccovi un piccolo resoconto delle attività di lettura del Buta nel trimestre Gennaio/Marzo...
- sento già un coro dissonante e dissidente di "Ma che ce fregaaaa, ma che ce 'mportaaaa" -

Magari qualcuno può trovarci qualche idea di lettura...Hai visto mai...

Libri
Tortuga di Valerio Evangelisti: uno spaccato realistico di vita pirata. Consigliato agli amanti del genere e ai lettori di One Piece!
Voto: 7

Angeli e Demoni di Dan Brown: Il Vaticano è attaccato da una setta antica ritenuta ormai estinta. Riuscirà lo studioso di simbologia di turno, Robert Langdon, a svelare il mistero nel giro di poche ore? Un thriller inverosimile, ma appassionante, coinvolgente e dal ritmo serrato!
Voto: 7

Peter Pan di James M. Barrie: un classico della letteratura, la cui lettura tuttavia mi ha lasciato parecchio perplesso. I personaggi principali sono totalmente diversi da quelli ben radicati nell'immaginario collettivo. Peter è un bambino irritante e petulante, Uncino una figura slavata.
Voto: 5,5

Archeologia e Ricordi di Giuseppe Maggi: viviamo, assieme ai ricordi del mio amico Peppino (l'autore) un'avventura straordinaria nel mondo dell'archeologia - e non solo -
Una lettura più che piacevole!
Voto: 8

Il club Dumas di Arturo Pérez-Reverte: Lucas Corso, un "cacciatore di libri" indaga su un capitolo autentico de "I Tre Moschettieri" intitolato "Il vino d'Angiò" e su di un libro messo all'indice dall'Inquisizione, che si dice sia stato scritto direttamente dal diavolo.
Romanzo intrigante, se non si è già visto il film "La nona porta" da cui è stato tratto.
Voto: 7

American Gods di Neil Gaiman: Shadow esce di prigione dopo tre anni e fa la conoscenza dell'enigmatico mr. Wednesday, che gli offre un lavoro. In seguito, Shadow scoprirà che Wednesday altri non è che Odino, impegnato a reclutare divinità antiche e quasi dimenticate per condurli alla battaglia finale contro le divinità nuove (computer, cellulare, televisione, tecnologia, ecc...).
Romanzo eccellente, che si legge tutto d'un fiato.
Voto: 8,5

La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo di Audrey Niffenegger: A causa di una malformazione genetica, Henry può viaggiare nel tempo. Incontrerà spesso sua moglie quando questa è ancora bambina, e insegnerà al sè stesso più giovane come sopravvivere durante i balzi temporali.
Voto: 7,5

Romanzo Criminale di Massimo De Cataldo: Nascita, crescita e distruzione (in chiave romanzata) della Banda della Magliana.
Un Cult!
Voto: 9

L'Aleph di Jorge Luis Borges: racconti onirici, storici e fantastici, complicati ma bellissimi!
Voto: 10
Omero, Iliade di Alessandro Baricco: rivisitazione in prosa della più celebre Iliade, vissuta attraverso i punti di vista di diversi protagonisti.
Voto: 7,5

Ps: sicuramente ho dimenticato qualche libro...

Libri sul comodino in attesa di lettura: Pan di Francesco Dimitri, Nessun Dove di Neil Gaiman...e altri molto "random"!


Manga&Fumetti
Ratman 70/71
: doppia parodia ispirata a Rambo. Il Ratto è catapultato in Eutanèsia, terra in perenne stato di guerra. Qui dovrà liberare un gruppo di ostaggi! Riuscirà il nostro (anti)eroe nella sua impresa?
Voto: 7

Naruto 41/42: l'eremita dei Rospi, Jiraya, e i fratelli Uchiha sono i personaggi principali di questi due volumi. Volumi all'insegna del detto: "Il destino chiama"...
Voto: 7

Bleach 32/33: continuano le peripezie e gli scontri di Ichigo Kurosaki nell'Hueco Mundo...Francamente questa seconda parte di Bleach mi sta stancando, sembra la copia copiarella della serie della Soul Society!
Voto: 6,5

One Piece 51: uno dei volumi più belli dell'intera opera, rovinato dall' incompetenza della Star Comics in fase di traduzione, editing e stampa. Nomi fasulli, dialoghi inesistenti e taglie sbagliate costellano questo numero di One Piece, che vede la ciurma di pirati più sgangherata dei 7 mari raggiungere la metà esatta del loro viaggio...
Voto: 9 per il volume, 2 per il lavoro della Star Comics

Manga e Fumetti in attesa di lettura: Rayearth 1&2 (rilettura), Vagabond 1 ---> 26


Graphic Novels
Batman, il ritorno del Cavaliere Oscuro:
Batman è ormai in "pensione" da 10 anni, tanto che molti lo credono una leggenda metropolitana mai esistita...Ma quando la violenza e la criminalità torna a dilagare per le strade di Gotham, Batman (acciaccato) ritorna per fare giustizia!
Una graphic novel di Culto!
Voto: 9,5

Sandman (volumi 1-3): Morfeo, il Dio dei Sogni, è stato intrappolato! Dopo essere riuscito a liberarsi dalla sua prigione - dove è stato rinchiuso per 50 anni - si mette alla ricerca degli oggetti che un tempo gli conferivano il potere e che gli sono stati rubati!
Voto: 8,5

Watchmen: il mondo è sull'orlo della Terza Guerra Mondiale. I supereroi sono stati dichiarati fuorilegge. Ma quando un supereroe della vecchia guardia viene ucciso, Rorschach, ultimo vigilante rimasto in attività, si mette ad indagare...
La Grapich Novel per eccellenza (ma che per me è di una pesantezza unica)!
Voto: 8

Graphic Novels in coda di lettura: Sandman 4 --> 15

...e in tutto questo, ci sarebbero anche taaaaaaaantiiiiiiiiiissime altre cose da leggere!!!
Ma per il momento accontentatevi di queste!!! :D

Continua a farti del male...
13

I veri sciacalli



...che bello autoincensarsi e autocelebrarsi per essere i primi nei dati auditel riguardo una catastrofe (annunciata e prevedibile?)!

Continua a farti del male...
2

Lunedì 6 Aprile, ore 3.30

La terra ha tremato così forte che la scossa s'è sentita fin qui a Napoli...

Non riesco a non pensare alle vittime e agli sfollati di questa tragedia...

E io non ho altro da dire, poichè non ci sono proprio parole...

__________________

La Croce Rossa Italiana lancia "un appello di emergenza a livello nazionale, chiedendo a tutta la popolazione di partecipare ad un grande sforzo di solidarietà per alleviare la sofferenza di tutte le vittime del terremoto che ha colpito la regione Abruzzo".
Per effettuare donazioni alla Croce Rossa Italiana si possono utilizzare: il Conto corrente bancario C/C n. 218020 presso Banca Nazionale del Lavoro-Filiale di Roma Bissolati - Tesoreria - via San Nicola da Tolentino 67 - Roma, intestato a Croce Rossa Italiana via Toscana 12 - 00187 Roma, codice Iban IT66 - C010 0503 3820 0000 0218020, causale pro terremoto Abruzzo;
il Conto corrente postale n. 300004 intestato a Croce Rossa Italiana via Toscana 12 - 00187 Roma, codice Iban IT24 - X076 0103 2000 0000 0300 004, causale pro terremoto Abruzzo.
E' anche possibile effettuare dei versamenti online, attraverso il sito web della Cri all'indirizzo:www.cri.it

Continua a farti del male...
6

Napoli Comicon 2009


Anche quest'anno, si terrà a Castel Sant'Elmo, il Napoli Comicon (23-25 Aprile)...
E anche quest'anno, ci andrò - ovviamente -

Oltre ad Alan Davis, come ospite ci sarà Leo Ortolani!

Sarà il caso di farsi fare un nuovo disegno, mi sa!!




Rat Maul

Continua a farti del male...
 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro