9

Il primo libro non si scorda mai...

A casa sono sempre circolati libri e fumetti.
Non appena ho imparato a leggere, mia madre si premurava di farmi trovare un libricino o un fumettino sul letto, sul tavolo (e sulla tavolozza), in modo da spronarmi alla lettura.

Il primo libro (anzi, i primi 2 libri, chè me li regalarono insieme), però, non si scorda mai.

Le edizioni illustrate della Dami Editore dell'Iliade e dell'Odissea erano (e sono tutt'oggi) delle perle. Adattamenti in prosa dei poemi omerici fatti benissimo, divisi per canti, e corredati da illustrazioni bellissime che ti calavano completamente all'interno della storia.

Regalare una cosa del genere a un bimbo significa segnarlo a vita (e non è un caso se sono cresciuto con la fissa della mitologia e della Storia Antica). Ma d'altronde, come si fa a resistere a un intreccio come quello dell'Iliade e dell'Odissea, soprattutto se ad ogni pagina c'è il disegno stupendo che ti fa vedere quello che hai appena letto?

Le illustrazioni a pagine doppie degli scontri tra Achei e Troiani, quelle favolose dei duelli singoli (bellissima quella di Ettore contro Aiace Telamonio, o quella di Achille che sovrasta Ettore), oppure la nave di Odisseo che solca i mari in tempesta, o Polifemo accecato che scaglia il masso contro l'imbarcazione di "Nessuno", sono delle vere e proprie perle.

Tra l'altro, nel corso degli anni, la Dami Editore ha prodotto una serie di adattamenti di classici della letteratura, uno più bello dell'altro. Il migliore, forse, è quello della Divina Commedia, ma sono stupendi anche quello dell'Eneide, quello de I cavalieri della tavola rotonda e i due volumi sulla Mitologia Classica.
Molto particolari, invece, i libri a sfondo "storico", presentati sempre alla stessa maniera degli adattamenti. Bellissimo quello su Alessandro Magno, dove, arrivati alle battaglie principali, ci sono i prospetti tattico/strategici su come si sono svolte, oppure molto particolare quello su Annibale e Scipione: il volume è diviso in due metà (una per il condottiero cartaginese e una per il generale romano), e per passare da una parte all'altra si dove "capovolgere" il libro. La particolarità è che le storie di entrambi convergono al centro del libro, dove si narra di Zama e dove viene presentato il prospetto della battaglia.

Sono libri veramente bellissimi, ed è bello vedere che le librerie li vendano tutt'oggi. Così, se avete un bambino a cui fare un regalo "malvagio", sapete cosa comprare...

E voi? Qual è stato il vostro primo libro?

9 commenti:

  1. sai che ho la stessa versione dell'Iliade? Dell'Odissea no, però.
    Uno dei miei primi libri è stato "Il più grande uomo scimmia del Pleistocene", simpaticissimo, e Storia di una gabbianella e di un gatto che le insegnò a volare. Ero proprio uno scricciolo all'epoca. :°D

    (S2EM)

    RispondiElimina
  2. Beh, libri di una certa levatura per te, al di là della semplificazione!
    Anche il mio, come per Ferruccio, penso sia stato "Pinocchio", però mi piace ricordare anche un'antologia di ghost story, si chiamava "Fantasmi e C."; la passione per un certo genere iniziava a nascere...

    RispondiElimina
  3. MaMa

    Fin da piccola ero un accanita lettrice XD Quindi se si vuole andare proprio al primo primo beh ci stanno Topolio e i libricini di favole in cartoncino grosso XD Ne avevo a bizzeffe.
    Io però i libri me li prendevo dalla biblioteca e credo di aver iniziato con "L'isola dei delfini blu" di Scott O'Dell. L'ho adorato da quando a scuola ne lessi un brano. Poi trovai sempre in biblioteca l'Iliade e l'Odissea e credo siano le stesse lette da te, la copertina mi sa tanto è quella. E poi avevo preso anche un volume riguardo alle leggende greche sempre della stessa casa editrice. Ero fanatica e sapevo più o meno tutti gli intrallazzi fra dei, o quasi U_U
    Ma oltre all'Isola dei Delfini Blu, il libro che più ho amato è ''I briganti del Riff'' di Salgari **
    Avrò avuto circa 11 anni quando lo trovai fra i vecchi libri degli zii. E da allora nn l'ho più mollato e l'ho letto tante di quelle volte da perderci il conto. Diciamocelo, i libri che più mi hanno preso sono quelli più vecchi. Pensa che al mare ho trovato "Poison in jest", alias "Piazza Pulita" di John Dickson Carr ed è stato un altro trofeo da aggiungere alla collezione **
    Cmq il libro più amato è i Briganti del Riff **

    RispondiElimina
  4. non ci credo O.O
    ho la stessa edizione dell'iliade e dell'odissea...L'odissea è stato il primo libro che ho letto,davvero fantastico.Qualche mese fa mi sono ritrovato a risfogliarlo e rileggerlo,e farlo dopo tanti anni mi ha fatto apprezzare ancora di più quest'opera.Ogni disegno è un capolavoro!!
    Mi è sempre piaciuta la mitologia greca,mi sarebbe piaciuto approfondirne gli studi,ma ho scelto tutt'altra strada,e il tempo per la lettura di piacere è davvero poco :(

    RispondiElimina
  5. Il mio primo libro corrisponde al mio primo fantasy, (non si tratta del lo hobbit) ovvero la storia infinita , avro avuto non piu' di 8-9 anni...ed e' proprio vero il primo libro non si scorda mai...che nostalgia che viene a ripensarci...anche perche' sono passati ormai 20-19 anni.
    grazie Mr Buta, scusa... Mr SommoButa per queto blog e per il DFS.
    Un saluto dall'irlanda. ciao

    RispondiElimina
  6. Se valgono anche i fumetti allora devo dire Topolino, perchè è con quello che ho imparato a leggere, tuttavia, parlando di libri credo che il primo sia stato "20000 leghe sotto i mari"

    RispondiElimina
  7. Il primo Cipì" a scuola! ^^ Il primo scelto in proprio mi sembra effettivamente "L' Iliade". Da 12 in poi, senza tralasciare i fumetti, i libri sempre di più! XD

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro