11

Io e Te - Niccolò Ammaniti

Barricato in cantina per trascorrere di nascosto da tutti la sua settimana bianca, Lorenzo, un quattordicenne introverso e un po' nevrotico, si prepara a vivere il suo sogno solipsistico di felicità: niente conflitti, niente fastidiosi compagni di scuola, niente commedie e finzioni.
Il mondo con le sue regole incomprensibili fuori della porta e lui stravaccato su un divano, circondato di Coca-Cola, scatolette di tonno e romanzi horror.
Sarà Olivia, che piomba all'improvviso nel bunker con la sua ruvida e cagionevole vitalità, a far varcare a Lorenzo la linea d'ombra, a fargli gettare la maschera di adolescente difficile e accettare il gioco caotico della vita là fuori.
Con questo racconto di formazione Ammaniti aggiunge un nuovo, lancinante scorcio a quel paesaggio dell'adolescenza di cui è impareggiabile ritrattista. E ci dà con Olivia una figura femminile di fugace e struggente bellezza.
(dalla quarta di copertina del libro)

Con questo racconto di formazione, Ammaniti concilia il sonno dopo un'ora e mezza scarsa (circa) di lettura. Proprio qualche giorno fa, in questo post, mi ero lamentato del fatto che da noi, a parte qualche sporadica eccezione, non ci sono autori che puntano ad una narrazione che distragga e diverta, ma solo autori che prediligono storie "familiari" trite e ritrite.

Io e te di Ammaniti non fa eccezione.
Non avevo mai letto nulla di questo autore, ma le trasposizioni cinematografiche dei suoi scritti non mi avevano mai impressionato.
E allora - vi chiederete voi - perchè l'ho letto?
Per due motivi.
1)- Il libro stava diventando un'ossessione. Me lo sono ritrovato dovunque nel giro di una settimana. Da Feltrinelli, in mano ad una signora seduta accanto a me in metropolitana, sullo scaffale di un supermercato, in fumetteria. E in eBook su un paio di siti internet.
2)- La brevità dello scritto - il libro si legge, come ho già scritto, in un'ora e mezza circa.

Naturalmente l'ho scaricato aggratis da uno dei siti di cui sopra. Perchè, dovete sapere, che questo beneamato volume, se acquistato, vi costa la bellezza di 10 euro.
10 euro di lettura di nulla, dove, a lettura ultimata, non ti rimane niente, se non il portafoglio vuoto - per chi ha avuto l'ardire di spenderci dei soldi, beninteso.

Il racconto è tutto "raccontato". Non ci sono momenti di tensione, non ci sono momenti in cui si empatizza o si simpatizza col protagonista, non ci sono momenti topici, e non ci sono personaggi memorabili.
Il "nulla" regna sovrano e incontrastato.
Soprattutto, si intuisce la fine del racconto già a metà.

Impalpabile.

11 commenti:

  1. Sono d'accordo sul parere riguardo al libro però mi permetto di affermare che non è molto rappresentativo di Ammaniti. Non fosse altro perchè la brevità del racconto (seppur sapientemente sfruttata commercialmente) non mi dà mai soddisfazione rispetto al romanzo.
    Io ti consiglio "Che la festa cominci", in cui troverai il vero Ammaniti con storie non familiari trite e ritrite.
    Daniele

    RispondiElimina
  2. Grazie per la segnalazione. Terrò a mente. Tra l'altro ho scritto una vaccata. Avevo scordato che "Come Dio comanda" era anche di Ammaniti.
    E per la cronaca, pure quello l'ho trovato orripilante...

    RispondiElimina
  3. un po fuori topic ma leggendo diverse tue note mi è venuta voglia e ho deciso finalmente di comprarmi un ebook reader!volevo chiederti tu su che sito trovi i libri?grazie Matteo (anche grazie delle varie riflessioni quotididiane)

    RispondiElimina
  4. Devo dire che una buona parte delle letture di eBook dell'anno scorso erano autoproduzioni, quindi scaricabili gratuitamente dai siti degli autori.

    Per tutto il resto, o ti rifornisci su eMule (che è il paradiso in terra), oppure c'è la sezione eBook di Download Zone ---> http://downloadzoneforum.net/index.php?s=2303d62e0fb10c729df22c3f75e85d7e&showforum=22 che ha un buon parco eBook.

    Altrimenti, dai un'occhiata anche qua. http://31ottobre.blogspot.com/p/ebook-gratis.html

    O se no puoi farti una ricerchina, si trovano parecchi altri siti simpatici. :D

    RispondiElimina
  5. uno su tre lo conoscevo!ti ringrazio della risposta!non vedo l'ora che arrivi l'ebook reder per iniziarli a leggerli matteo

    RispondiElimina
  6. Giusto per curiosità: cos'hai comprato? ^_^

    RispondiElimina
  7. visto che avevo bisogno di leggere solo in treno e la sera e non volevo spendere troppo ho deciso per l'acquisto del PocketBook IQ.
    se ti interessa qui c'e una bella recensione
    http://www.the-ebook-reader.com/pocketbook-iq.html
    Matteo

    RispondiElimina
  8. A metà strata tra un eReader e un tablet! Fammi sapere come ti trovi! ^_^

    RispondiElimina
  9. Scusa se ho fatto passare tanto tempo ma la discussione della tesi di dottorato non mi ha dato il tempo di apprezzare appieno il mio acquisto!dopo aver letto due libri posso finalmente esprimere la mia modesta opinione! innanzitutto il punto debole lo schermo. non tanto perché da fastidio la retroilluminazione ma per i riflessi!dall'altra parte questo lo avevo considerato e col tempo mi sto abituando a trovare le posizioni migliori per aver il minor riflesso sopratutto in treno!dall'altra parte la retroilluminazione e un grande vantaggio per le mie sessioni di lettura notturne a letto!l'altro svantaggio e la batteria una decina di ore se si usa solo in modalità ebook pero finora con un po di accorgimenti non mi sono mai trovato in treno a meta libro e sul più trovarmi senza batteria!tolto l'aspetto lettura libri altro uso per cui l'acquisto era mirato era per la lettura fumetti e anche li mi trovo alla grande!a parte questi due aspetti l'ho usato anche per navigare un paio di volte in internet durante una sessione di lettura a casa e per vedere e rispondere l'email e molto comodo!per tirare le conclusioni sono molto soddisfatto i 150 euro li ha meritati tutti se un sony prs 650 costasse uguale forse avrei preso quello per poter leggere al parco o sul balcone ma ora come ora sono soddisfatto!p.s hai per caso l'ebook dell'ultimo libro di Valerio Evangelisti che non l'ho trovato

    RispondiElimina
  10. P.s un'altro bel sito per torvare ebook: http://ebookland.altervista.org/

    RispondiElimina
  11. Anche il PRS ha il riflesso (colpa del touchscreen), ma alla fine si sorvola, basta orientarlo nel modo giusto e il problema scompare. 10 ore di autonomia, però, sono davvero pochine. Immagino che essendo comunque una cosa a metà strada tra tablet ed ereader "ciucci" parecchia energia.

    Su Rex Tremendae Majestatis in ebook, sinceramente, non so cosa dirti. Avendolo ricevuto in regalo cartaceo, non ho proprio cercato.

    Ebookland lo conoscevo pure io. Molto sfizioso, come sito/blog! :D

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro