2

Ma Edgar aveva ragione...

Domenica scorsa, io e Deborah abbiamo visto "Gli Aristogatti".
Classico Disney che più classico non si può, capolavoro di 40 anni fa (stupendamente portati), ancora oggi prodotto più che godibile.
La storia è stranotissima: Madame Adelaide, ricca signora della Parigi di inizio '900, decide di fare testamento e lasciare tutti i suoi ricchissimi averi alla sua gatta, Duchessa, e ai suoi tre cuccioli.
Sconvolto per la decisione, Edgar, maggiordomo di Madame Adelaide, architetta un piano diabolico: abbandonare Duchessa e i cuccioli, facendo credere che siano scappati, in modo da intascare l'eredità, che secondo i dettami di Madame Adelaide, spetterebbe a lui nel momento in cui i gatti fossero passati a miglior vita.
Il piano viene attuato, e i gatti vengono abbandonati di notte, nei pressi di un mulino lontano da Parigi. Risciranno a tornare a casa e ad avere la loro rivincita sul maggiordomo grazie all'aiuto del "famigerato" gatto randagio Romeo "er mejo der Colosseo" e dei suoi scalcagnati amici jazzisti.

Un classico dei classici Disney, insomma.
Romeo e i gatti sono entrati nell'immaginario collettivo, così come il tema musicale "Tutti quanti voglion fare il jazz" è uno dei più noti in assoluto delle produzione made in Disney.
Tuttavia, guardando questo capolavoro, una cosa è evidente: Edgard aveva ragione.

Mapporcapupattola!
Pensateci!
'Sto povero Cristo che sgobba dalla mattina alla sera, tutti i giorni, 56 ore su 24, per far contento 'sta vecchia zitellaccia fissata con gli animali, obbedendo a tutti i suoi ordini, scarrozzandola in giro ovunque, accogliendo in casa i più improbabili ospiti , che si vede "scavalcato" da un'eredità che gli appartiene di diritto da dei stramaledettissimi gatti?

Ma che andassero a quel paese quei mici del cavolo! 
Edgar fatto bene a fare quello che ha fatto!
Chiunque sano di mente avrebbe agito come lui.
La scena in cui viene a sapere che alla morte di Madame Adelaide gli eredi della sua fortuna saranno i gatti, è magistrale (guardatela QUI, dal minuto 7:20 in poi). A Edgar vien un colpo al cuore, comincia a farsi due conti ("Un gatto campa in media 13 anni, ma se procrea genera più o meno 4-5 gatti anch'essi dalla vita di 13 anni..."), capisce che ha davanti a sè un loop infinito di gatti a cui badare e che non arriverà mai l'eredità tanto agognata dopo una vita passata a servire e riverire.

W Edgar, dunque!
W la sua crema di crema alla Edgar!

2 commenti:

  1. Classicisimo. Però è vero, Non si meritava di finire a Timboctù quel pover uomo XD E napoleone e Lafayette? dove li mettiamo? a mio parere i migliori del film. Sorrido ancora alla citazione
    "Napoleone: "Vediamo...sono scarponcini...44...un buco nella suola sinistra dal rumore..."
    Lafayette: "Di che colore sono?"
    Napoleone: "Sono ne..Ahh-ehhh come vuoi che faccia a saperlo?!" :)

    RispondiElimina
  2. Stessa cosa che ho sempre pensato io, un minuto di silenzio per il povero Edgar. asd

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro