4

One Piece - Eiichiro Oda

E' difficile parlare di One Piece.
Sarà che sono di parte, sarà che se ne parlo potrei essere tacciato di conflitto di interessi (in fondo gestisco assieme ad altri valorosi "solamente" uno dei siti italiani più importanti e visitati che trattano dell'argomento), ma penso che, arrivati a metà di quest'opera, qualche parola bisogna spenderla.
Anche qui, sul mio blog personale.

L'opera di Eiichiro Oda si configura, all'inizio, come uno shonen di stampo classico, sebbene il mondo in cui One Piece è ambientato (nella fattispecie, quello dei "pirati") sia piuttosto inusuale nel panorama del fumetto orientale "classico".

L'incipit dell'opera è da manuale.
Gold Roger, soprannominato "il Re dei Pirati", un attimo prima di essere giustiziato lascia in eredità il suo tesoro, nascosto in un certo posto, al primo che lo troverà.
La sua morte, che nelle intenzioni del Governo e delle autorità militari, sarebbe dovuta servire da esempio, incendia invece i cuori delle persone, che cominceranno ad andare in cerca di questo fantomatico tesoro dando così inizio alla "grande era della pirateria".
Diversi anni dopo l'esecuzione di Roger, Monkey D. Rufy, ragazzo allegro e un po' scapestrato, comincia la sua avventura. In testa ha un obiettivo: diventare il nuovo Re dei Pirati e scovare questo fantomatico tesoro nascosto - sembra - alla fine della celeberrima Rotta Maggiore.

La storia, che all'inizio sembra la "classica" avventura, nel giro di pochi numeri comincia a fare maledettamente sul serio. Lungo il suo cammino, oltre a dover affrontare gli avversari che gli si pareranno di fronte, Rufy troverà compagni affidabilissimi, ognuno dei quali caratterizzato in maniera splendida e di cui conosciamo la storia e il loro passato grazie a un uso sapiente dei flashback.

L'intreccio narrativo è impressionante: Oda riesce a tirare le fila di un discorso aperto o lievemente accennato nei primi volumi e riproporlo a 50 volumi di distanza, denotando una coerenza narrativa e logica spaventosa, e mostrando che tutta l'opera (nei suoi punti cardinali) è ben studiata e congegnata.

Benchè poi One Piece si configuri in prima istanza come un manga avventuroso permeato da una "linea" comica sempre presente, in realtà è un'opera estremamente trasversale dove la mescolanza di generi (si passa con naturalezza dall'avventura, all'horror, al thriller, alla fantascienza, e così via) e gli spunti di riflessione sui temi più svariati (l'importanza della Storia e della Memoria, la lotta per l'affrancamento da una tirannia, problemi derivanti dalla discriminazione razziale, e così via) si amalgamano per creare un prodotto di altissima qualità che punta sempre a stupire il lettore e a immergerlo totalmente nella storia e nel suo mondo.

Paradossalmente, parlarne in questo modo è anche assai riduttivo.
Bisognerebbe leggerlo per comprendere il grado di profondità che questo manga riesce a raggiungere, senza essere mai banale o ripetitivo.

Se avete intenzione di cominciare a leggere qualcosa, se avete intenzione di cominciare a leggere un manga, One Piece è quello che fa per voi.

4 commenti:

  1. *applausi*
    E' sempre un piacere leggere quello che scrivi. E non riesco a capire come certi appassionati di fumetti non considerino OnePiece come un bel(ma che dico "bel", meraviglioso piuttosto)Manga... vabbè, i gusti son gusti. :)

    RispondiElimina
  2. Se non fosse ancora in corso lo bollerei senza troppe remore come il capolavoro manga assoluto, ma fino ad allora sarà solo uno dei miei preferiti in assoluto. Se Oda avrà la forza e la capacità di non mandare tutto in vacca entrando nel Nuovo Mondo (ma credo proprio che non ci deluderà)e darà risposte almeno decenti a tutti i misteri che ha creato nel susseguirsi degli anni non avrò alcun problema in uqesto senso.
    Non credo si possa fare a meno di leggere One Piece per essere veramente consapevoli di quanto un fumetto può essere bello.

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, oh sommo XD.
    Secondo me One Piece è un capolavoro moderno. Potete considerarmi pazzo, ma penso che sia un'opera all'altezza di quelle dei "grandi" del passato. Se la gente non lo giudicasse solo dall'aspetto....

    RispondiElimina
  4. Di cosa stiamo parlando? di capitan padania?
    Insomma hai detto tutto tu, imperdibile! se non sai da cosa cominciare consiglia da One Piece, ti sbellicherai dalle risate, imparerai qualcosa di nuovo e viaggerai con la fantasia!

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro