11

Billy Bat - Naoki Urasawa

1949, Stati Uniti.
Kevin Yamagata è un fumettista americano di successo.
Figlio di emigranti giapponesi, la sua strip "Billy Bat" (un fumetto a metà tra il noir, il giallo e il thriller dove il protagonista è un pipistrello che svolge il mestiere di detective privato) viene letta e apprezzata da milioni di persone. Fino a quando un poliziotto, scoprendo che Kevin è l'autore del celeberrimo  "Billy Bat", gli rivela che in Giappone esiste un "manga" praticamente identico.
Che Billy Bat sia un plagio, dunque?
A Kevin non rimane altro che andare in Giappone e indagare.
Si troverà immischiato in un vortice di misteri, assassini, fughe rocambolesche e personaggi più o meno loschi che hanno tutti a che fare con questo "misterioso" disegno che ritrare un pipistrello.
Lo stesso pipistrello che Kevin ha inconsciamente copiato quando, durante la seconda guerra mondiale, era di stanza in Giappone e l'aveva visto disegnato su una colonna...
Lo stesso pipistrello che è il protagonista del manga visto da quel poliziotto...
Lo stesso pipistrello che appare su degli antichi e importantissimi documenti risalenti all'epoca Tokugawa...
Lo stesso pipistrello che, vent'anni dopo, i primi uomini sulla luna troveranno disegnato sul suolo lunare...

Naoki Urasawa, per quanto mi riguarda, è il miglior artista del panorama fumettistico nipponico.
Le sue storie, sempre intriganti, sempre sopra le righe, mai banali e sempre coinvolgenti, sono talmente intricate, complete e complesse che, come ho già scritto, non sfigurerebbero se fossero "romanzi" e non manga.

Billy Bat non fa eccezione.
Anzi, rappresenta un passo in avanti nell'opera di Urasawa.
In genere sin da subito, pur mescolando le carte, Urasawa era solito mettere in chiaro su quali binari si sarebbe mossa la storia, dando un'idea "generale" del plot e degli antagonisti.
Penso all'Amico per 20th Century Boys, a Pluto in Pluto, all'assassino in Monster.
In Billy Bat, invece, non avviene nulla di tutto ciò.
Il primo volume non dà indicazioni di sorta.
Buio totale.

E il bello è che rispetto a un volume "classico" di Urasawa, che richiede sempre un certo impegno, ho trovato questo numero 1 di Billy Bat decisamente molto più scorrevole dei suoi predecessori.

Da acquistare senza indugio.

11 commenti:

  1. E dire che mi ero fatto fregare dal nome... visto che Naoki Urasawa fa anche piccoli manga comici, pensavo fosse uno di quello...
    Appena lo trovo, lo prendo :D

    RispondiElimina
  2. Non credo che potrei essere più d'accordo di così: Urasawa è veramente un autore ENORME e credo che Billy Bat ci darà grandi soddisfazioni. Tra l'altro mi sembra che il suo stile stia diventando più raffinato e anche ambizioso (quello che vediamo nel primo volume si può anche definire metanarrazione?).
    Ma come ha fatto la Panini a lasciarselo scappare? ^__*

    P.S.: una piccola considerazione proprio sulla Panini e sulla sua politica prezzi/formati. Io capisco che abbiano voluto trattare Urasawa come la loro punta di diamante, proponendo le sue opere ad un pubblico esigente e non proprio giovanissimo, quello che non capisco è perchè non proporre Happy, opera certamente più "easy" e alla portata di tutti, ad un prezzo così alto e soprattutto con un formato di lusso. Sarebbe stata un' ottima occasione per far conoscere un autore così importante ad un maggior numero di lettori. Opinione personalissima naturalmente ^__*

    RispondiElimina
  3. Metanarrativo certamente. I primi due capitoli, con la strip di Billy Bat sono là a testimoniarlo. Storia "classica" che più classica non si può, d'altronde...

    Sono d'accordo anche sul fatto che Urasawa si sia raffinato col passare del tempo. Per quanto mi riguarda, è l'unico mangaka che è riuscito a farmi commuovere sul serio. Penso a certe parti di Pluto, veramente poetiche.

    Sulla Panini.
    Il fatto che Billy Bat sia ancora in corso d'opera può essere una spiegazione al fatto che non sia stata acquistata? Chissà.

    Sta di fatto che coi prezzi dei manga di Urasawa (tra le deluxe di monster e happy, pluto o la ristampa di 20th century e 21st century boys) la Panini è uscita di testa...
    Ma si sa che hanno politiche editioriali folli...

    RispondiElimina
  4. Per non parlare poi dei personaggi che crea, io ne sono veramente innamorato. Escono letteralmente fuori dal disegno e sono tutti caratterizzati divinamente!

    Il primo volume mi ha lasciato disorientatissimo, veramente stupendo! L'ho comprato senza nemmeno pensarci due volte!

    Poi l'edizione GP è ottima e credo che se l'avesse fatta la Panini costerebbe minino il doppio!

    RispondiElimina
  5. Più che" commozione", brividi veri e propri, a metà tra il terrore, lo stupore e l'ammirazione( ancora adesso mi tremano le guancie a ripensare ai finali di Pluto e Monster... discorso a parte per 20th/21th Century boys... bellissimo manga, ma non so... troppo lungo e dispersivo, il finale non mi ha colpito molto)..... insomma, totale stima per Naoky Urasawa!

    RispondiElimina
  6. Peccato che i finali non siano mai all'altezza della trama... la banalità di ogni fine serie mi ha lasciato sempre l'amaro in bocca :( speriamo che con BB le cvose cambino!

    RispondiElimina
  7. SPOILER PLUTO

    Eh si, da come si era sviluppato il tutto mi ha deluso il fatto che pluto fosse buono e si sacrifichi per salvare il mondo... Sembra quasi una fiaba per bambini mentre tutto il manga è un seinen spaventoso. Poi c'è Bora che mi sembra messo lì giusto per tappare un buco. Non sei daccordo? Quali sono le tue impressioni a riguardo?

    RispondiElimina
  8. buta dall'ufficio30 giugno 2011 11:01

    Avendo visto prima le due puntate dell'anime (che si rifacevano ovviamente a dei capitoli del manga originale di Tezuka) ero preparato sul finale.

    Fondamentalmente Pluto è sempre stato buono, ed essendo il manga di Urasawa una riscrittura del manga/anime, non poteva stravolgere le carte in tavola in un modo troppo drastico. :)

    Ti reindirizzo qua: http://www.sommobuta.com/2011/02/astroboy-il-piu-grande-robot-del-mondo.html

    Questo post era (nelle mie intenzioni) di preparazione a una recensione dettagliata di Pluto. Che purtroppo non sono mai riuscito a scrivere.

    RispondiElimina
  9. Ehi Sommo,volevo un tuo parere: ho intenzione di recuperare un opera di Urasawa ma sono indeciso se prendere prima Monster o Pluto (purtroppo il mio portafoglio per ora mi consente di recuperare una sola serie, anche se in futuro prenderò sicuramente anche l'altra).
    Tu cosa mi consigli (e secondo te qual'è migliore) tra le due opere?
    Saluti.
    Matteo.

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro