8

Il gusto degli altri: da cosa dipende?

Si parlava, l'altro giorno in ufficio, del "ritiro dalla vita di rockstar di Vasco Rossi".
Per quanto mi riguarda ritengo il Vasco Nazionale un mediocre cantante, assolutamente non "rocker", che in 30 anni ha sfornato solo 4-5 canzoni degne di nota - e ora linciatemi pure, se volete -, e proprio in virtù di queste esternazioni ne è venuta fuori una discussione su quello che possiamo riassumere come "il gusto degli altri".

Da cosa dipende il fatto che una certa "cosa" possa piacere oppure no?

Perchè a me Vasco Rossi non piace, mentre magari "tu" ci vai pazzo?

Formazione personale e/o culturale?
Trasmissione (o mancanza di trasmissione) di emozioni?
E ancora: cosa ci fa decidere che un qualcosa possa essere riconosciuto come "oggettivamente" e "universalmente" valido?

Per esempio, in base a quali canoni possiamo accettare "universalmente" che la voce di Mina è splendida, mentre quella di un "Gigi D'Alessio" (con tutto il rispetto per chi lo segue, eh) fa veramente schifo?

Ovviamente il discorso è valido per ogni campo artistico (e non solo).
Se vi va, sentitevi liberi di dire la vostra al riguardo.

8 commenti:

  1. Be', si può cominciare con l'affermare che l'unica cosa OGGETTIVAMENTE valida è OP (in Giappone il codice enale prevede sanzioni e istituti di correzione per chi non lo adora). Studi recenti hanno dimostrato il valore artistico a livello genetico, spirituale e religioso. Pare addirittura che una Idol giapponese sia rimasta incinta del volume 23.
    AndreaBoof

    RispondiElimina
  2. mah...per parlare strettamente di vasco...direi che risponde a dei requisiti non trascurabili: la semplicità musicale..niente rivoluzioni musicali per il nostro vascozzo nazionale..un pò di cose prese qui e lì..musica semplice e immediata che può arrivare a chiunque senza bisogno di un qualsivoglia background culturale e/o musicale. poi c'è la voglia di sentirsi "tosti"...vasco ha da 30 anni la maschera di rocker spiaccicata sul viso...ma anche questo è opinabile...secondo me, l'essenza del rock è l'evoluzione...e vasco è nato fossile, a parte quelle 4 o 5 canzoni a cui ti riferivi tu, con dei testi riusciti davvero bene...e mi riferisco a pezzi come sally! non mi è mai piaciuto vasco, in definitiva...poi ha passato la misura scopiazzando i radiohead in quel modo!! in definitiva, reputo vasco l'emblema del mercato musicale, in quanto in lui vedo tutti gli ingredienti per un mix di successo: pezzi di facile ascolto, una musica melodica mascherata da rock duro e puro (tipo hamtaro travestito da mazinga) e poi il look, che dà sempre una mano
    P.S. cavolo che sproloquio infinito per dire poco o nulla...decisamente non sono nato con il dono della sintesi!! XD

    RispondiElimina
  3. no beh quando ho letto il commento di anonimo su quella rimasta incinta del volume 23 sono morto dal ridereXD

    RispondiElimina
  4. Bè se si parla per estremi, i gusti non hanno niente a che fare sicuramente con le cose "universalmente" riconosciute (soprattutto con persone dalle menti veramente chiuse col lucchetto).

    Personalmente le uniche cose universalmente riconosciute sono 2: la vita e le scienze (una su tutte la matematica).

    Per quanto riguarda i gusti....bè do quasi per certo l'ipotesi che i primi anni di vita ti condizionino un pò (fin da quando stai nella pancia di tua madre, magari a livello del subconscio). Poi dobbiamo assolutamente inserire la "presenza degli altri" (sia come informazioni che come gusti diversi. Ad esempio se mio cugino non mi avesse indottrinato ai Queen, non li avrei mai ascoltati. E da qui anche il mio gusto per la musica degli anni passati).
    Infine credo che i gusti siano condizionati anche dall'esperienza che si ha con l'argomento correlato (musica, film, persone, natura, colori, ecc... molto ecc...).

    Inoltre ci sono anche dei livelli per quanto riguarda la "durata" di quel dato "gusto". Perchè i gusti cambiano sì da persona a persona, ma anche verso lo stesso (un giorno ti può piacere, il giorno dopo no, dopo anni e anni lo riscopri e poi lo perdi di nuovo)...quindi un gusto è un fattore ipotetico oltremodo variabile.

    Poi ci sono anche i gusti fissi, non sia mai. :P

    PS: Spero di non esser stato troppo generico xD.

    RispondiElimina
  5. Concordo nel considerare Vasco un mediocre cantante. Bisogna smetterla di cedere ai giudizi commerciali dei media che ci incuccano solo stronzate per farci spendere e spandere. Ci sono in Italia talenti e cantanti che non hanno niente da invidiare a Vasco e che fanno successo a livello internazionale (Prendi ad esempio zucchero o Pino Daniele)mentre Vasco all'estero nn è nessuno. Oggi giorni poi rimane un vecchio che nn si adegua alla musica odierna e la maggior parte delle sue canzoni per me sono tutte uguali. Mentre sempre in Italia ci sono cantanti che riescono ad ammodernarsi e a stare al passo coi tempi anche se ormai hanno quarant'anni( prendi Jovanotti). Vasco è stato un cantante che ha fatto successo questo nn lo nego ma nn a livelli esorbitanti come ci fanno credere le radio e i telegiornali( secondo cui il suo successo è pari a quello dei beatles). Ora come ora la cosa migliore che ha potuto fare è stata andare in pensione. Per quanto riguarda i gusti, il mondo è vario ed è per questo che è bello però bisogna seguire i proprio gusti ed avere il coraggio di farlo, senza sottomettersi ai gusti falsi della massa. Almeno io così la penso. PS: bello il gelato dell'immagine =)

    RispondiElimina
  6. Francis D. Matthews2 luglio 2011 00:55

    Mi trovo molto d'accordo con Valentino.
    Anche trattando ciò che Buta nel post ha definito "universale" (come possono essere la bravura di una cantante come Mina, la bellezza di un film come Il Padrino o di un libro come Il Signore degli Anelli) non si può parlare di "gusti oggettivi" (è un ossimoro) ma appunto di cose "oggettivamente valide".
    Si troverà infatti della gente (e non solo idioti/troll, anzi) che diranno "a me Mina/Il Padrino/LOTR non piace", con motivazioni più o meno valide/condivisibili.
    Le cose cosiddette "universalmente belle" sono solo quelle che piacciono a una grandissima quantità di persone, IMHO.
    Così come la "normalità", anche il "bello oggettivo" è dato dalla massa (se questa sia una cosa positiva o negativa, non saprei dire).

    P.S. a me Vasco piace. Chiamatemi "facilone" o tizio dai gusti mediocri, ma -complice in gran parte mio padre, per ricollegarmi al discorso di Roronoa- le sue canzoni le apprezzo molto. :P
    Anche più di quelle (oggettivamente più valide, e le riconosco come tali) di grandi cantautori italiani.
    Alla fine, sarà banale, ma è proprio vero: de gustibus non disputandum est (o anche "non è bello ciò che è bello ma ciò che piace", come preferite XD).

    RispondiElimina
  7. io dico una cosa, secondo me assodata: i cantautori italiani (e ci aggiungo pure Vasco che cmq lo è anche lui) ormai sono tutti bolliti da un pò di anni a questa parte.

    RispondiElimina
  8. gilgaladviola913 luglio 2011 22:29

    Concordo in pieno con quanto hanno detto Zoro e Francis.

    Una cosa piace ed è ritenuta bella in base a quali sono i canoni di bellezza, ovviamente. Se a qualcuno piace un cantante che canta da fare schifo è perchè evidentemente non ricerca nella musica la bravura tecnica, l'intonazione ecc. ma altre cose.
    I fans di Justin Bieber non possono dire di seguirlo perchè canta bene ed i testi delle sue canzoni sono belli e profondi, magari lo seguono ragazzine attratte fisicamente da lui, magari lo ascoltano persone superficiali che cercano quindi testi molto superficiali.
    A definire questi canoni di bellezza personali è ovviamente il carattere, lo stato d'animo, la formazione personale e culturale, l'età, il contesto in cui si osserva/ascolta l'opera in questione.

    A questo si ricollega il discorso che faceva Francis sulla validità di un'opera: ad uno possono piacere o meno gli Shonen, ma Dragon Ball è oggettivamente uno dei migliori manga di questo tipo della storia.
    Il Signore degli Anelli è un capolavoro fantasy, poi se ad uno i fantasy fanno schifo questo è un altro discorso, ma deve oggettivamente riconoscere la bontà dell'opera nel suo genere.
    Lo stesso discorso vale ovviamente per ogni altro ambito.

    Rileggendo mi sembra di aver fatto un discorso un po' troppo generale, dicendo cose forse ovvie, quindi è meglio che mi fermi qui. XD

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro