8

Nonciclopedia mi fa schifo. Vasco Rossi pure.

A me Nonciclopedia ha sempre fatto abbastanza schifo, nel senso che, per 10 pagine realmente satiriche e intelligenti (penso soprattutto a quelle dei cartoni animati, alcune delle quali hanno saputo essere veramente geniali e irriverenti - senza bisogno di cadere nel turpiloquo volgare) ce ne sono 10.000 inutili, piene di parolacce e insulti gratuiti, con una sequela di volgarità inutili, basse e vergognose.

Insomma, sono per il divertimento, purchè il divertimento sia intelligente.
E sono per la satira quand'è satira e non ingiuria.

Però mi fa ridere che una persona che ha fatto della "vita maleducata, [...]

che se ne frega, [...] esagerata, [...] spericolata" un leit motiv anche (anzi, soprattutto) al di fuori della musica e al di là del palco, abbia intentato un'azione legale verso un sito dove sono letteralmente presi per il culo cani e porci, "costringendo" (virgolette d'obbligo, poi capirete il perchè) il sito alla chiusura.

Anche perchè la maggior parte delle pagine di Nonciclopedia, molto spesso, si commentano da sole e sottintendono il "valore" intrinseco di chi le ha create.
La cosa buffa, quindi, è che il signor Rossi si è dimostrato dello stesso valore della maggior parte di questi "creatori".

In questo paese ci si spertica tanto sbraitando ai quattro venti che c'è "libertà di parola", ma non appena qualche "pezzo grosso" (anche questo tra virgolette, ho sempre ritenuto Vasco Rossi un mediocre artista) si sente ferito e/o offeso da una cazzata (perchè diciamo le cose come stanno: Nonciclopedia è una pagina innocua dove sono scritte solo cazzate pseudodivertenti), ecco che parte l'azione intimidatoria atta a chiudere la bocca/legare le mani.

Vero che libertà di parola non è libertà di insulto.
Ma se un sito è specializzato "in insulti", non vale nemmeno la briga andarci a perdere tempo impelagandosi in beghe inutili.
Il sospetto che mi viene è che l'ex-rocker (ex per modo di dire, poichè il rock sta a Vasco Rossi come il tunnel Ginevra-Gran Sasso sta alla Gelmini - ovvero non c'è mai stato-) avesse bisogno di qualche genere di pubblicità.

Eh già...
Eh già...

Così come anche Nonciclopedia.
Strano infatti come si sia passati da:
Attenzione: come se non bastasse, stiamo anche avendo dei problemi col nostro host, Wikia, che ci sta impedendo di fare il nostro sciopero riportando tutto alla normalità, vi terremo aggiornati.


A:

Il sito chiude per protesta, non per costrizione.

8 commenti:

  1. Se è la pubblicità che cercava, l'ha trovata.
    Solo, tutta pubblicità negativa.
    Poi, c'è chi dice che la pubblicità negativa non esiste, ma io non sono tra questi.

    RispondiElimina
  2. Come potrai aver capito dalla mia insistenza nel farti affrontare questo argomento capirai che la mia posizione è simile alla tua con la piccola differenza che a me invece Nonciclopedia piace perché ritengo che le pagine ben fatte siano ben più di una decina e, sì, come dici tu le migliori sono quelle relative al mondo nerd di per sé, dagli anime ai videogame scritte da veri appassionati di tali media che tuttavia sfottono palesi difetti o contraddizioni delle proprie passioni. Ricordi ad esempio quando in un video hai parlato dei rapporti di forza in Naruto? Se avessi voluto "nonciclopedizzare" quella osservazione sarebbe stato un passaggio divertente della pagina di Naruto, così come ce ne sono in ogni altra pagina veramente ben fatta. Detto questo mi pare evidente che non siano stati costretti a chiudere e che abbiano certamente lasciato quei messaggi in home per provocare una reazione ma penso che abbiano fatto bene così, almeno ora una gran fetta di pubblico associa il nome di Vasco Rossi alla chiusura di Nonciclopedia e non potrei essere più felice.
    E, apparte tutto, che piaccia o meno un sito, nessuno dovrebbe negare a tale sito di esistere e dire quello che vuole su dei personaggi famosi e strapagati, specie se AVVISA che i propri contenuti sono volutamente erronei e infondati. Nonciclopedia NON è Wikipedia: se tu scrivi che Vasco Rossi fa la cacca rosa (esempio scemo) su Nonci è chiaro che la cosa vada presa per falsa, se lo scrivi su Wikipedia potrebbe essere un problema. L'essere sfottuto è ulteriore esempio di notorietà, la satira sempre è esistita e sempre esisterà, in forma più o meno pesante, MAGARI ci fosse una pagina di Nonciclopedia su di me! XD
    In ultima istanza, come noti giustamente tu, il protagonista di questa vicenda non è né Gandhi né Nelson Mandela, è un coglionazzo che ha condotto (e conduce) una vita di droga e alcool in nome di una presunta libertà, quindi ha poco da rompere gli zebedei e piagnucolare dalla mammina.
    Se c'è qualcosa che odio più dei ricconi sono i ricconi che si fingono amici del popolo e dell'uguaglianza.

    RispondiElimina
  3. Patetiche entrambe le parti in gioco.
    La classica stronz*ta all'italiana.

    RispondiElimina
  4. A me nonciclopedia piace abbastanza;alcune pagine sono fin troppo volgari,ma su altre ci sono scritte idiozie talmente idiote che fanno morire ridere.
    Anche se nonciclopedia può essere offensiva credo che sia giusto che esista perchè come ha già detto il sommo si sa che ci sono scritte solo fesserie.
    Una persona come Vasco dovrebbe essere più matura e lasciar perdere,lì viene diffamato,se così si può dire praticamente tutto.
    Delle pagine di nonciclopedia hanno offeso e diffamato anche argomenti o cose a cui tengo,ma non mi sento di lamentarmi perchè nonciclopedia offende tutto,di conseguenza anche quello che non mi piace e sono ben felice di ridere leggendo offese contro le cose che non mi piacciono.

    RispondiElimina
  5. Laq penso più o meno come te Angelo,Nonciclopedia non è il massimo ma Vasco Rossi è un vecchio cretino in cerca di pubblicità.Comunque alla fine della fiera nessuno dei due ha fatto una bella figura.

    RispondiElimina
  6. Più che altro, la cosa paradossale, è che tutti i bimbiminkia si sono lanciati "al linciaggio", mentre nessuno se ne fotte del fatto che Wikipedia Italia potrebbe DAVVERO chiudere.

    Bah...

    RispondiElimina
  7. Io me ne sono accorto ora guardando Ballarò (cercavo info su Della Valle), è evidente che questa storia è ben più grave di quella di Nonciclopedia e sono certo farà molto più rumore.
    Ovviamente sono assolutamente pro Wikipedia che stavolta ha TUTTE le ragioni del caso.

    RispondiElimina
  8. Concordo con la premessa, Nonciclopedia è piacevole per alcune pagine, ma estremamente penosa e mal fatta per la maggior parte di esse.
    Al di là di questo, il signor Rossi, tramite i suoi avvocati, ha chiesto di rimuovere la pagina riguardante la sua persona. Gli admin di Nonciclopedia hanno ingigantito la cosa chiudendo, purtroppo per poco tempo, baracca e burattini.
    Molti dicono "censura" a gran voce, perché è un termine che crea sempre sdegno. Ma non bisogna dimenticare che c'è il reato di diffamazione. Se sul muro davanti casa mia scrivono "*mio nome* sei un coglione" un pochino mi arrabbio e ci passo una bella mano di vernice sopra per coprire.
    E non vedo tutta questa tragedia nel cancellare una, e dico UNA, pagina da un archivio potenzialmente infinito.

    Esiste il reato di apologia di fascismo proprio per un motivo. Anche la bestemmia è un reato, purtroppo. Non posso nemmeno gridare "Dio cane" in faccia al Papa, nonostante abbia paragonato una entità immaginaria al miglior amico dell'uomo.

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro