4

Il pregiudizio "nei confronti di"...

Non sono una persona che si fa condizionare dai pregiudizi. Anche se, devo ammettere, su certe cose la vincono loro. Per quanto riguarda i libri sono di quelli che “finchè non vede, non crede”. Ho cominciato immondizie inenarrabili,  probabilmente inizierei a leggere anche libri dai titoli più assurdi, ma se non tocco con mano e non constato in prima persona l’orridezza del libro in questione, non sono una persona che va a sperticare ai quattro venti che “il libro Denti Vincenti fa schifo”.

Riesco ad applicare lo stesso tipo di discorso anche ai fumetti.
Paradossalmente invece (e chissà perché), non riesco a farlo con i film.

Con i film nutro, spesso e volentieri, pesanti pregiudizi. Molte volte sono dettati dai trailer (che si sa che sono fuorvianti, e che al 99% i film in questione tratteranno di tutt’altro), ma alle volte anche il titolo della pellicola mi mette sulla brutta strada. A Memorie di una geisha, quantunque sapessi che fosse un bel film – cosa di cui ho avuto la riprova vedendolo – non avrei dato 2 centesimi solo per il titolo. Stessa identica cosa per quel capolavoro de Il mago della truffa, probabilmente la pellicola con la miglior interpretazione in assoluto di Jim Carrey (persino superiore allo stupendo The Truman Show), che ha un trailer che non c’entra praticamente nulla con il film.

Ad ogni modo, tra tutte le pellicole che hanno subito una vera e propria ostracizzazione  a priori e preventiva da parte del sottoscritto, Batman Begins e L’alba del pianeta delle scimmie vincono la palma d’oro.
Ricordo che agli inizi del 2005, quando uscirono i primi trailer del (futuro) capolavoro di Nolan, storsi non poco il naso. I trailer erano eloquenti e si presentavano da soli, con Bruce Wayne che faceva il ninja sulle vette dell’Himalaya.
Da amante dei fumetti quali sono, il primo pensiero fu: “Madonna che orrore! Ma chi se la andrà mai a vedere ‘sta robaccia?
Poi, complice la calura estiva di fine giugno e un esame imminente, volendo regalarmi un pomeriggio di svago e relax, andai al cinema. Essendo estate, non proiettavano nulla di buono.
C’era solo Batman.
Pagai – con riluttanza, lo ammetto – il biglietto…
…e rimasi estasiato.

Ad oggi, Batman Begins rimane il film la cui visione al cinema mi ha appagato più di tutti. Sarà che avevo poche aspettative in merito, sarà che nutrivo forti pregiudizi, ma invece la pellicola (come ben sapete) si rivelò essere un capolavoro.

Stesso identico discorso per L’alba del pianeta delle scimmie.
Ora, io sono un fan idolatrante della pentalogia originale. Nel vedere il trailer di questo remake/reboot ho pensato: “Ma che bisogno c’era di fare una pellicola del genere, quando c’è già l’immenso 1999 – Conquista della Terra?
Invece, superata la diffidenza e il pregiudizio iniziale, mi sono ricreduto.
Sicuramente è un film con qualche lacuna e diverse pecche, ma da fan della vecchia saga e col senno di poi mi sono enormemente pentito di non aver visto il film al cinema. Per quanto sia stata soddisfacente la visione da casa, probabilmente in sala me lo sarei goduto e gustato molto, ma molto di più.

Non so se voi avete pregiudizi nei confronti di qualcosa ma…il pregiudizio è davvero una brutta bestia!

4 commenti:

  1. Ma per il mago della truffa è colpa del titolo e trailer italiani che non sono quelli originali...italia bigotta :-/ te lo dissi pure che il film si chiamava I Love You Phillip Morris scè

    RispondiElimina
  2. Sì, Dedda, mi ricordo! Ma quando vidi il trailer all'epoca non ci diedi 2 soldi! :D

    RispondiElimina
  3. Un film che per anni ho snobbato è stato "Il socio". Pensavo fosse un noioso legal-drama ed invece mi sono ritrovato un bel thriller avvincente!
    Un altro, Indy Jones 4. Entusiasta all' annuncio, quando cominciarono ad uscire le prime news mi calarono le braghe e per qualche anno l' ho snobbato! Visto in TV, mi sono ricreduto. Gradevole ed anche avvincente, sebbene abbia dei cali qua e la. Ma non l 'ho trovato l' abominio che certa gente dice! E diciamocelo, se una scena come quella con il frigo l' avessimo vista in un film degli anni 80 o 90, avremmo detto che era una figata pazzesca XD!
    Bell' articolo comunque. Come capita ad alcuni interessanti però è stato decisamente snobbato! Mah!

    "il pregiudizio è davvero una brutta bestia!"

    Non posso che quotare!

    "non sono una persona che va a sperticare ai quattro venti che “il libro Denti Vincenti fa schifo”."

    Neanche io! XD

    RispondiElimina
  4. Ah, un film che mi sembrava una boiatella e pensavo fosse irritante è "Flashdance". Invece vedendolo mi sono ricreduto. Si, non è Kubrick, però è meno banale di quanto si possa pensare ed offre qualche spunto di riflessione sotto la sua patina di pellicola romantico-musicale.

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro