10

Le letture "a caso" sono le migliori!

Strano.
Ma vero.
Le letture a caso, per quando mi riguarda, sono sempre state le migliori, assieme a quelle non programmate. Libri acquistati a caso solo perché attratto dai titoli, oppure fumetti presi perché avevano una copertina bella. Sembra che nel 99% dei casi, un acquisto di un libro o di un fumetto fatto a caso per un titolo stuzzicante o una copertina intrigante si rivela essere un acquisto sbagliato. Probabilmente sono fortunato io, ma tutte quelle cose che ho letto a caso mi son sempre piaciute.
E il più delle volte si sono rivelate le migliori letture dell'anno.

E’ il caso, ad esempio, de La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo. Libro acquistato totalmente al buio, agevolato dall’offerta e dal titolo che presupponeva viaggi spazio/temporali. Si è rivelato essere uno dei libri più interessanti di qualche anno fa (soprattutto la prima parte, più fantascientifica e incentrata sui viaggi nel tempo), ed è uno di quei libri i cui episodi sono rimasti più impressi nella testa. Soprattutto i tentativi, da parte dei protagonisti, di generare un paradosso spazio-temporale (d’antologia il trip mentale su un disegno che, nelle fantasie dei protagonisti, avrebbe potuto scatenare la terza guerra mondiale).

Stesso identico discorso per Diario Pulp, di Strumm.
Scaricato l’eBook a caso aggratis prima di Natale, si è rivelato un libro eccezionale, tanto che conto di acquistare il libro cartaceo quanto prima. A parte il finale (che io personalmente ho intuito, e che per questo mi ha un po’ lasciato l’amaro in bocca lasciandomi un retrogusto che sa di delusione), Diario Pulp di Strumm è stata forse la miglior lettura del 2011, assieme a “I milionari”, a “Nazi Mages Must Die!” e alla rilettura de “I Tre Moschettieri”, che mi ha fatto capire e mi ha dato la conferma di quanto siano sterili certe polemiche sul saper/dover scrivere (e quindi leggere libri) secondo certi canoni e dettami precisi (e magari, su questo, ci ritorneremo). Altro libro letto "a fortuna", che mi ha soddisfatto appieno.

Per quanto riguarda i fumetti, il discorso è diverso. In genere so sempre cosa compro, perché mi informo prima sul contenuto dell’albo che intendo acquistare e sulle tematiche che questo affronta. Shaman King però, all’epoca della sua prima uscita, l’ho acquistato senza saperne assolutamente nulla. Mi colpì unicamente la copertina, accattivante, colorata e disegnata in modo interessante. E il titolo: Shaman King. Lo comprai ad occhi chiusi, senza sapere di cosa parlasse. E’ stato sicuramente uno dei manga più particolari che abbia mai letto. L’unica pecca è il finale, e il fatto che l’autore si sia incartato su sé stesso creando un villain molto affascinante, ma troppo potente. Così potente che per “i buoni” è praticamente impossibile batterlo.

E voi? Vi capita mai di leggere qualche libro o qualche fumetto a caso? E se sì, che tipo di letture si sono rivelate?

10 commenti:

  1. Mi trovo d’accordo, Angelo! Anche io spesso acquisto a scatola chiuso, e parecchie volte ho avuto piacevolissime sorprese. :) Un caso eclatante è "Gli orfani del male" di Nicolas D’Estienne D’Orves, che acquistai senza aver alcuna idea di chi fosse l’autore e che reputo ancora adesso un bellissimo libro. :)

    "Diario pulp" è veramente bello, sì sì. :D

    Ciao,
    Gianluca

    RispondiElimina
  2. io faccio parte del 99% degli sfigati che gli va male :p


    roby.vnm

    RispondiElimina
  3. Gianluca! Che onore! :D
    Diario Pulp è fighissimo. :P

    @Roby: è questione di culo, mi sa.

    RispondiElimina
  4. Shaman king hanno fatto una nuova edizione con il finale non ci troverai nemmeno più quella peccha ( sbavatura alla homer simpson )

    RispondiElimina
  5. Ho letto il nuovo finale tramite scan. Orripilante pure quello, imho. :)

    RispondiElimina
  6. Io devo dire che sono un po' da una parte e un po' dall'altra. Per esempio avevo iniziato un libro che si chiama "Il falsario di Hitler", il titolo è evidentemente intrigante, se poi si parla di arte, di truffe ai danni dei nazisti e di seconda guerra mondiale, il libro dovrebbe essere stato un orgasmo in brossura. Il risultato invece è stato quello di due tentativi di lettura entrambi morti prima delle cento pagine: una noia mortale. Poi per esempio c'è "Quo Vadis" di Sienkiewicz. Lo so, chiedo scusa per la mia ignoranza, ma non lo conoscevo prima di rubarlo nella libreria di mia cugina solo perché avevo finito i libri miei da leggere e perché il titolo mi attirava. Purtroppo la fortuna va a giornate, anche se devo dire che la maggior parte delle volte vedo prima il libro che voglio comprare, mi informo un po'. Soprattutto visto che di soldi non ne ho tantissimi e "sprecarli" per un libro che poi non mi piace per niente proprio non mi va. Devo iniziare a trovarmi degli amici che "a mia insaputa" mi regalino vacanze e case con vista Colosseo, così avrò più soldi per i libri.

    RispondiElimina
  7. Fino ad ora le letture a caso sono andate quasi tutte bene, a parte un paio di orrori indicibili proprio :O.

    Per quanto riguarda shaman king...io tifavo per Hao :D

    RispondiElimina
  8. ma sommo, dove le hai trovate le scan del finale alternativo di shaman king? io volevo prendere tutta la vecchia edizione, ma la parte finale mi ha troppo deluso...troppe cose non disegnate/dette! se pero si riprende un po, la nuova edizione la prendo di corsa! :)

    RispondiElimina
  9. come fai a mettere il continua a farti male nel post ?

    RispondiElimina
  10. sommo ti ringrazio per aver consigliato diario pulp. l'ho appena finito di leggere e mi è piaciuto molto. è stata una lettura veramente piacevole, grazie

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro