2

Sanguinem - Glauco Silvestri

III secolo dopo Cristo.
L'impero romano è in pericolo. Non sono solo i barbari invasori a preoccupare Roma e le sue legioni; da qualche tempo infatti, tutti i cittadini romani vengono falcidiati da una misteriosa malattia, che porta alla morte immediata nel momento in cui il malato viene esposto al sole...

Intorno all'anno 1000.
Strane cose accadono all'interno di un'abbazia. Il morbo dilagante in età romana sembra aver preso di mira tutti gli appartenenti del clero. La Chiesa è in pericolo, e perciò è decisa a rinforzare le sue "linee" attraverso un rituale antico e molto pericoloso, così da non lasciare i fedeli in balia dell'oscurantismo e del pessimismo dilagante...

Giorno d'oggi.

Due fazioni in lotta, in uno scontro secolare senza esclusioni di colpi.
Un soldato si trova da solo, a dover combattere contro un'orrore che prolifera da un millennio. Scoprirà, a proprie spese, che non tutto quello che sa e che gli hanno raccontato, coincide con la verità...

Sanguinem di Glauco Silvestri è un eBook sui vampiri, formato da tre racconti legati ognuno da un sottilissimo (ma spessissimo) filo conduttore.
E in tempi "Tuailaitiani", un libro come Sanguinem è oro colato. Il punto di forza dell'eBook infatti è proprio la concezione stessa del vampiro. Non l'essere sbrilluccicoso degli ultimi tempi, e nemmeno quello "classico" alla Dracula, bensì un essere fatto di puro istinto, furia e sete, che col passare del tempo è in grado di evolvere, fino a diventare una specie di essere "perfetto".

In realtà ci sono ben due tipologie di vampiri, ma non intendo spoilerare nulla e lascio a voi lettori il gusto di leggere (e scoprire) le differenze tra i primi e i secondi.

Sanguinem è un eBook che mi è molto piaciuto per svariati motivi.
Ci sono numerosi riferimenti e rimandi colti a diverse opere (un applauso per l'identità del "primo vampiro"), ma soprattutto è evidente il lavoro di ricerca e documentazione compiuto da Silvestri per ciò che concerne i primi due racconti, quello ambientato durante il declino dell'impero romano, e quello ambientato in pieno Medioevo.

L'ultimo racconto, quello ambientato oggigiorno, è quello che mi è piaciuto di più (talmente tanto che stavo per dimenticare di scendere dalla metropolitana alla mia fermata); il primo, invece, è quello che ho più apprezzato, tanto che consiglierei a Glauco di provare a (ri)metterci mano per ampliarlo, perchè secondo me varrebbe la pena sondare a fondo quello scenario. Lo studio che ci è voluto per ricreare l'ambientazione dev'essere stato piuttosto minuzioso, anche se ho una piccola critica da muovere: nel III secolo dopo Cristo, all'interno dell'assetto legionario, non esistevano più distinzioni tra astati, principi e triarii.

Probabilmente, i fautori di un certo tipo di narrativa bollerebbero Sanguinem come pessimo, in quanto, nei primi due scritti, sovrabbondano il raccontato e l'infodump. A me i racconti "storici" sono piaciuti proprio per questa sovrabbondanza puntigliosa e condita da note, che era addirittura doverosa per meglio immergere il lettore in un determinato contesto.

A voi, comunque, spetta il compito di leggere, giudicare e dare la vostra opinione al riguardo.
Potete scaricare l'eBook gratuitamente dal sito dell'autore, QUI.

2 commenti:

  1. Grazie, grazie tantissime. Sono davvero felice che questo ebook ti sia piaciuto. ^_^

    Sono conscio dell'errore storico che citi nel primo racconto... ammetto di averlo compiuto volontariamente perché la distinzione dei tre ruoli mi faceva comodo nella descrizione del combattimento, per evitare di cadere in confusione :-P

    A ogni modo è bello scoprire che qualcuno si è accorto di questo mia sottile modifica della storia romana. :)

    Bella recensione.
    Grazie ancora.

    RispondiElimina
  2. Pareva strano un errore del genere dopo tutto quel popò di documentazione. Avevo pensato ad una svista. Meglio così, allora.

    E comunque, grazie a te per la piacevolissima lettura! :D

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro