13

The Books of Magic - Neil Gaiman

Quattro misteriosi figuri discutono del futuro, e di quello che potrebbe accadere.
Soprattutto discutono di Timothy Hunter, un ragazzino che sembra avere le potenzialità per divenire il più potente mago del mondo. Tuttavia la magia è un qualcosa di difficile interpretazione, così come la vita. E dato che il fulcro centrale della vita, per un essere umano, è il libero arbitrio, a Timothy viene data una scelta: diventare o non diventare un mago.
Inizia così il viaggio di Timothy Hunter nel mondo magico. Un mondo dove il tempo e lo spazio quasi non contano, un mondo “altro”, specchio deformante del nostro, dove tutto ciò che è immaginario è, in realtà, reale…

Ha gli occhiali.
Ha un gufo.
È poco più di un bambino.
È destinato a divenire un grande mago.
Ma no, non è Harry Potter.

Le malelingue spesso e volentieri hanno tirato fuori la storia che il mago piagnucolone e cacacazzo della Rowling fosse una mera scopiazzatura di Timothy Hunter. Gaiman non ha mai raccolto la provocazione, specificando che gufi, bimbi occhialuti e varie cose sono quasi una sorta di “base” se si vuole scrivere e raccontare di magia al giorno d'oggi.
Sta di fatto che, fisicamente, Harry Potter è veramente la copia copiarella di Tim.
Per fortuna, però, le somiglianze si limitano solo all’aspetto fisico.


Per carità, non ho niente contro Harry Potter (anzi, ci sono praticamente cresciuto con i suoi libri), ma a livello narrativo e metanarrativo, The Books of Magic, in quasi 200 pagine sotterra 7 volumi di Harry Potter. È un Neil Gaiman brillante, che sfodera il meglio di sé, in questa miniserie.

La magia è il mezzo che soprintende ordine e caos, non regala nulla, e chi incomincia a percorrere le sue vie, nel bene o nel male, ne viene compromesso. Ecco perché, prima di entrare a far parte di questo mondo che sembra (sembra) essere elitario, a Timothy viene data l’opportunità di dare un’occhiata all’universo magico.

I suoi mentori (John Costantine, Mister E, lo Straniero Fantasma e Dottor Occult) sono quattro tra le più potenti personalità magiche del mondo DC, e hanno il compito di mostrare al ragazzo ciò che lo aspetta. Questo perché, una volta entrati nel mondo della magia, e una volta sperimentate le arti magiche, non è più possibile uscirne.

I mentori di Tim Hunter. Hanno una brutta cera...

È un volume che si presta a numerosissime letture, questo The Books of Magic. Lo si può leggere come avventura pura, ma tra le pieghe dei numerosi dialoghi saltano fuori compendi di storia, filosofia e “magia”. Da applausi i vari camei di personaggi di "gaimaniana memoria" come Morfeo degli Eterni, di Caino e Abele, nonché del regno di Faerie (applausi per i pupazzetti di Totoro in una delle bancarelle magiche - ingrandite l'immagine qui a fianco). Splendido il primo capitolo sulla genesi delle magia.

Da recuperare, se amate Neil Gaiman.
Ma anche se non lo amate, e volete leggere una novel coi controcosiddetti.
Anche se "graphic novel", in questo caso, è un termine più che riduttivo...

13 commenti:

  1. Capolavoro dire che ci sta u.u
    E' da stamattina che attendevo questo articolo uhauahuha xD.
    Figurati che un paio di volte ho sentito bestemmiare "Gaiman ha copiato la Rowling"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ghghghghgh...Come ti avevo detto era in programma da tipo 2 settimane... :P
      Sulla "bestemmia": brutta cosa i fanboy! XD

      Elimina
  2. Interessante, mi ha molto incuriosito! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si fa leggere con piacere, il volumozzo. ;)

      Elimina
    2. quando capito in libreria mi sa che lo cerco! ;)

      Elimina
  3. *_* adoro Gaiman. Ma non sapevo di questa graphic novel. Devo recuperarla.

    Sommo smetti di pubblicare libri e graphic novel interessanti. :) Ho già una lista lunghissima di cose da leggere, e i soldi son pochissimi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ghhghghh...spendi, spendi! :D
      Comunque sì, se si ama Gaiman, questa è imprescindibile.

      Elimina
  4. sommo, è solo un volume??! Quanto viene??! Perdonami per l'interrogatorio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volume unico, autoconclusivo (in realtà sarebbe il volume che dà il "la" alla serie normale, ma si legge come autoconclusivo). Costa poco meno di 20 euris...
      E non ti preoccupare per l'interrogatorio.

      Elimina
  5. Sommo vorrei chiederti se conosci i libri Di Michael Scott e soprattutto la sua saga che preferisco quella di"Nicolas Flamel". Tene parlo come esempio di una saga fantasy sensa ragazzini occhialuti(gemelli)1, senza gufi(qui ci sono i corvi)2, con i protagonisti in eta adolescenziale 3 e ovviamente con un grande avvenire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non lo conosco. Merita?

      Elimina
    2. Si, sommo, merita.
      Merita perchè Scott è un esperto in Mitologia e i pezzi nella sua storia vengono incastrati davvero bene.

      Elimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro