19

Quasi Amici - Intouchables (Olivier Nakache/Éric Toledano, 2011)

Banlieu parigine.
Il giovane Driss vive di furti ed espedienti. L’ultima volta s’è fatto sei mesi di carcere per rapina a mano armata, e se non troverà un lavoro gli verrà dato il sussidio di disoccupazione.
L’occasione però gli viene offerta su un piatto d’argento: il ricchissimo Philippe, rimasto paralizzato dal collo in giù dopo un tragico incidente col parapendio, lo assume come suo personale badante, sfidandolo a reggere il peso di questa responsabilità e scommettendo sul fatto che non riuscirà a rimanere più di due settimane. Driss invece resiste, si adatta, si ambienta e sconvolge la vita di Philippe e di quelli che gli stanno intorno. Nasce un’amicizia spontanea e bellissima, tra i due.
Un’amicizia che insegnerà qualcosa a entrambi: Driss imparerà che al mondo esiste qualcosa di più della semplice “sopravvivenza”; Philippe invece ritornerà letteralmente a vivere.

Io coi film francesi ho un rapporto di odio-amore indescrivibile, per il semplice fatto che il cinema francese è in grado di tirar fuori o film superbi e spettacolari o film talmente noiosi e appallanti che preferiresti prendere un coltello e pugnalarti al cuore seduta stante.
Per fortuna, le commedie francesi, nella maggior parte dei casi, appartengono spesso alla prima categoria. Penso a roba come l’inarrivabile Tanguy, Les dents de la nuit, Emotivi Anonimi.
Oppure penso a Quasi Amici (adattamento del titolo originale Intouchables).

Un gran bel film sotto qualsiasi punto di vista, questo Quasi Amici della coppia Olivier Nakache ed Éric Toledano.
Soprattutto perché per quanto “scontata” possa essere una pellicola del genere (lui povero e “brillante”, l’altro ricco e tetraplegico senza più nulla da perdere) in realtà è capace di toccare tematiche difficili e particolari (povertà e degrado da una parte, handicap dall’altra) senza per questo cadere nella banalità.

O peggio ancora, nel melodrammatico.

Si ride, si sorride e si pensa durante tutto il corso del film, tra una battuta fulminante e l’altra.
Si ride e si sorride con Driss e con Philippe, due persone così diverse, ma nello stesso tempo anime affini e gemelle, che come diceva Thoreau, vogliono “Succhiare tutto il midollo della vita”.

Sarò sincero, Quasi Amici è uno dei pochi film che mi ha fatto uscire dalla sala pienamente soddisfatto. Sotto un certo punto di vista, è una di quelle pellicole che ti conciliano con te stesso, che ti riappacificano col mondo. È una di quelle storie che ti fanno pensare che anche nelle peggiori difficoltà non c’è niente di meglio che vivere la propria vita come si vuole, fino in fondo.

Se riuscite, andatelo a vedere.
Sono sicuro che non ve ne pentirete.

Ps: e ammetto che dal trailer non ci avrei scommesso 5 centesimi sul fatto che fosse un ottimo film...E devo ammettere che, per una volta, la locandina non è ingannevole.

19 commenti:

  1. Sono andato a vederlo...e devo dire che da tempo un film non mi piaceva così tanto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, concordo. Come scritto, sono uscito dalla sala pienamente soddisfatto.

      Elimina
  2. Ragazzi sono d'accordo con voi!!!
    Questo è il più bel film degli ultimi anni che io abbia mai visto al cinema!!!
    Ps grande Buta che accetti anche consigli sui film da vedere :)

    RispondiElimina
  3. Concordo!
    Bello bello bello!!! Come te Angelo, non mi ha ispirato del tutto vedendo solo il trailer...è proprio bello essere stupiti così :)

    Ti consiglio The Artist! Molto particolare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Artist è l'ultimo film di questo ciclo del cineforum. Stavo con la bava alla bocca per vederlo ma...capita nella settimana in cui sto a Gardaland... T__T
      Recupererò quando uscirà in dvd... :)

      Elimina
    2. gear 2nd, ma che ci hai visto di tanto spettacolare in the artist? Io l'ho visto, "grande film", vincitori di tantissimi premi oscar, ma sinceramente non ne vedo il motivo. La particolarità è che sia muto punto. ma a sto punto preferisco altri film muti, come quelli di chaplin. Non vedo particolari caratteristiche in questo film.

      Elimina
  4. Assolutamente d'accordo con te, un film splendido che lascia a fine visione una bella sensazione di... pace.

    RispondiElimina
  5. Vabbè me ne parlano tutti e quindi ora lo cerco su megavideo e lo guardo! ah... megavideo :( quanto mi manca....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre odiato invece lo straming. Sempre preferito il download. :)
      E al download, il cinema. :)

      Elimina
    2. Ora che lo streaming è pieno di popup e pubblicità anch' io! XD

      Elimina
  6. Diciamo che opto per lo streaming quando devo guardare qualche film di cui non ho troppo interesse. Quelli che davvero meritano (secondo i miei gusti personali ovviamente) li guardo sempre al cine (sono un amante del 3d poi) o li compro o li scarico! Questo film mi ispira streaming xo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheehheh. No io invece lo streaming non riesco...per il semplice fatto che nel 90% dei casi il film è sgranato.

      Elimina
    2. "Diciamo che opto per lo streaming quando devo guardare qualche film di cui non ho troppo interesse."

      Che te li guardi a fare scusa? XD Solo perché sono gratis mica vado a vedere film che non m' interessano, Boh!

      Elimina
    3. Pardon, m' era sfuggito quel "troppo".

      Elimina
  7. Allora è come ti dicevo io :)

    Mi fa piacere che sei d'accordo con quanto ti ho scritto su fb... Davvero un bellissimo film che ti lascia qualcosa dentro quando esci dalla sala

    from Giuseppe Bonasera d fb

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quando abbiamo dovuto scegliere che film vedere ho detto a Deborah che tutti, sia sul blog che sulla fanpage, avete detto che era un buon film. :) Quindi è merito vostro. ^_^

      Elimina
  8. le scene in cui dryss ci prova con la segretaria di philippe sono qualcosa di esaltante! Compresa la scena finale del corteggiamento! io sono morto dal ridere per tutto il film!!! è stato il primo film che mi sono guardato il primo dell'anno mentre tutti dormivano!

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro