32

Top 5: Cinque tipi di persone che andrebbero prese a calcagnate sulle gengive...

Una classifica dell’odio.
Sia chiaro, posso definirmi una persona pacifica e paciosa. Una specie di Buddha, tanto nello spirito quanto nel corpo (sigh). Ma ci sono cose che fanno incazzare pure me. Soprattutto ci sono dei tipi di personaggi che andrebbero prese a badilate dietro la nuca. Peggio: a calcagnate sulle gengive.
Ecco quindi la Top 5 incentrata sui cinque tipi di persone che prenderei volentieri a calcagnate sulle gengive. Non ho messo posizioni questa volta, dato che sono “modelli di persone” che occupano praticamente la stessa posizione di odio…


Quello al cinema che…
Per me il cinema è un posto sacro, una sorta di tempio che esige il massimo rispetto. E il massimo silenzio. Ecco, i tipi che parlano al cinema, spiegano il film a mogli/figli/fidanzate/fidanzati/vattelappesca io non li sopporto. Non sopporto il vociare sommesso, né il sussurrare serpeggiante.
Al cinema si deve stare zitti.
Chi parla, chi solo bisbiglia, meriterebbe di essere letteralmente impalato.


Lo stereo umano
Altra categoria di gente che meriterebbe di essere presa a calcagnate sulle gengive. Quelli che hanno le cuffie, ma che senti cosa stanno ascoltando a tre carrozze chiuse/blindate sulla metropolitana. O a 1 km di distanza.

Tunz!
Tunz!
Tunz!
Da-Da!
Tunz!
Tunz!
Tunz!

Ma dico io, perché mai devo ascoltare quello che stai ascoltando tu? E abbassa ‘sto benedetto volume, no? Ma poi come cacchio fai a camminare senza rimbecillirti? Discorso identico per quelli che hanno le “automobili-discoteche” o le “case-discoteche”…


Il vecchio, la guerra, la nostalgia e “l’euro c’ha inguajati
Per carità, i vecchietti e le vecchiette mi stanno pure simpatici. Sono la nostra memoria storica, andrebbero preservati in eterno. Però c’è un limite a tutto. Soprattutto nei luoghi pubblici. Un vecchietto (o una vecchietta) isolato/a non può arrecare danni. Se sono in due, confabulano tra di loro. Quando diventano tre, l’Apocalisse è vicina. Soprattutto perché, quando nelle loro vicinanze c’è un giovane (dove per giovane puoi metterci un essere umano dall’età variabile dai 15 ai 40 anni) è la fine.
Dalla partita di pallone (o dal pettegolezzo della vicina) si passa inesorabilmente al confronto con il giovane affianco, che non ha più ideali, né rispetto, né moralità. “Quando c’era lui, anche se eravamo poveri, si stava meglio…”, “Negli anni ’70 era tutta un’altra cosa”, “Ah, potessi tornare indietro”.
Ma lo spauracchio degli spauracchi è sempre lui, l’EURO! Il dispensatore di mali assoluti…
Fa caldo? È colpa dell’euro…
Fa freddo? È colpa dell’euro…
Berlusconi va a mignotte? È colpa dell’euro…
E così via…
Ecco, in queste condizioni occorrerebbe una pistola con i tranquillanti...


Quello che: “Il mondo è mio…
In soldoni, il tipo con il cellulare che in un ambiente pubblico (strada, metropolitana, ufficio) parla dei katsi suoi come se niente fosse. Urlando, naturalmente. In genere queste persone si possono dividere in due sottocategorie:
- persona di (finta) classe;
- vajassa/cafon-truzzo.
La persona di (finta) classe è quella che parla al cellulare di affari, vendite, soldi e altre amenità. Dicendo quanto lui sia figo, forte, potente e inarrestabile. È quello che si fa i complimenti da solo, con l’autostima a mille.
La vajassa (così come il cafon-truzzo) non ha età. Non parla, non urla nemmeno: latra. Ha una sorta di diarrea verbale irrefrenabile, per cui tu vieni a sapere il perché e il percome di un dato fatto. Non si vergogna di nulla, e peggio ancora, parla in dialetto. Un dialetto vajasso/cafonesco, che è tutto tranne che il napoletano (nel mio caso) o il dialetto di provenienza.
Da brividi…


L’impiegato comunale
Ora, se tra voi ce n’è qualcuno, mi scuso. Ma no, gli impiegati comunali (almeno, quelli napoletani) andrebbero impalati, crocefissi, e bruciati sul rogo. Dal primo all’ultimo.
Primo: perché non sanno spiaccicare una parola in italiano;
Secondo: perché sono scorbutici e antipatici;
Terzo: perché fondamentalmente non lavorano;
Quarto: perché sono il clichè dell’italiano medio che deve vedere come fottere il “Sistema” e lo “stipendio”. Non facendo una beneamata mazza.
Quello napoletano poi davvero sfumacchia sotto il cartello vietato fumare sorseggiando la “tazzulella di caffè” e non comincia a lavorare se non si fanno le 9 e 05. Peccato che quel katso di Comune apra alle 8:30!!!!!
Al Comune ho davvero "visto cose che voi umani non potete neanche immaginare..."

Ma è una classifica dell’odio, ve l’ho detto. Molto personale, molto soggettiva.
Scusatemi, se potete.
Lo so che Pasqua è appena passata ma...

E voi? Chi odiate?

32 commenti:

  1. Top 5 "Odio puro"

    - La vecchietta che si crede padrona indiscussa dell'Autobus.
    - Il turista italiota che fa di tutto per apparire stupido e maleducato in terra straniera (E qui in Inghilterra ce ne sono un numero spaventoso)
    - La coppietta di amiche/amici che fanno comunella sule sclae mobili occupando il lato dello scorrimento velcoe, ceh se gli chiedi di spostarsi ti guardano male.
    - Le attempate signore italaian che devono lamentarsi di TUTTO, non capendo che in realta' il problema sono LORO.
    - I piu' terribili di tutti: le persone superficiali ed arroganti. Per quelle ci vorrebbe la pena alla William Wallace. Odio al 115%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli superficiali e arroganti sono veramente una piaga biblica...

      Elimina
  2. Non avevo mai pensato a una simile classifica.
    A freddo mi vengono in mente solo alcuni tipi di persone che non sopporto:
    5- I gasati. Quelli che si danno molte arie e si credono i migliori in tutto non li ho mai sopportati.
    4- I papaboy stile Ned Flanders. Per fortuna sono pochissimi, ma quando li incontri ti viene voglia di torturarli.
    3- Gli spoileromani. Sarebbero quelli che, quando gli dici che devi vedere un film o leggere un libro, te lo raccontano nei minimi dettagi iniziando dal finale.
    2- Gli impiegati nella segreteria della mia scuola. Li odio profondamente perchè le poche volte che ci sono andato mi hanno trattato malissimo.
    1- La gente che urla. In assoluto quelli che odio maggiormente perchè qualsiasi cosa devono dire la urlano e, soprattutto di mattina, sono odiosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo so. Sono abbastanza malato per pensare certe cose... XD

      I papaboys...mamma mia, che odio. Quando vedo quella folla oceanica alla Giornata Mondiale della Gioventù non posso fare a meno di pensare a quante persone rovinate dalla religione ci siano nel nostro mondo.

      Elimina
  3. -Odio profondo per i gruppetti di ragazzi/e che alle 7 di mattina parlano e urlano in corriera (mentre io e il resto dei passeggeri cerchiamo di prendere sonno)
    -Odio ancor più profondo per chi ascolta musica senza cuffiette facendola sentire ai poveracci nei dintorni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo sulla stessa linea d'onda. :D

      Elimina
  4. Alessandro de Concini11 aprile 2012 17:52

    TOP 5:

    _Il religioso bigotto attaccabrighe;

    _Il tamarro italiano all'estero rigorosamente in canotta che urla, sputa per terra, bestemmia e canta cori da stadio;

    _L'invasato ultrà di calcio che quando non è occupato in azioni di guerriglia urbana o nel difendere con bastonate il dubbio orgoglio della sua squadra del cuore fuori e dentro lo stadio non fa altro che parlare di calcio, pensare di calcio (pensare?), sbraitare di calcio (ah ecco, già più realistico) e tatuarsi simboli calcistici sulla pelle;

    _Il leghista ignorante come una ciabatta usata che pretende di spiegare a me che studio linguistica e letteratura il valore culturale del dialetto veneto e la sua superiorità rispetto alla lingua nazionale/dei terroni (per lui è lo stesso);

    _Il leghista ignorante come una ciabatta (sì, va messo due volte)che recita slogan razzisti, se la prende con terroni ed stranieri difendendo la sua superiorità culturale a forza di rutti, scoregge, confuse nozioni sulla cultura celtica e sonore abbuffate di polenta e salsiccia;

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fissato col calcio...madò, che astio. :S

      Elimina
    2. Sono del Veneto e sai che ti dico, per quanto mi riguarda il nostro dialetto è bruttissimo, non so ma a me da proprio l'aria di persona grezza.

      Elimina
  5. Be' dal mio punto di vista siamo in sintonia. Giuro, non avrei scelto cinque soggetti diversi... no forse ci avrei messo un muratore, di quelli che sanno costruire una casa da zero, ti fanno sentire uno zero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah...Beh, io proverei ammirazione invece. :D

      Elimina
  6. 1) Le segretarie incompetenti e/o cafone di qualsiasi settore, ma soprattutto a livello universitario: potrei scrivere un libro a riguardo... =.=

    2) La gente che parcheggia i motorini nei posti auto costringendomi a cercare parcheggio per mezz'ora e alla fine a lasciare la macchina lontanissima da casa: ogni volta mi auguro che esplodano (i motorini non i proprietari, eh!), ma ahimè non accade mai...

    3) La gente che lascia fogliacci e immondizia varia in giro per la città o sulle spiagge/scogli, per non parlare dei bisognini dei proprio cani: farei pulire loro tutto con la lingua.

    4) La gente che manca di rispetto e/o si crede superiore a prescindere da tutto ed a tutti, i classici "palloni gonfiati", insomma.

    5) I testimoni di Geova che suonano il campanello la domenica mattina blaterando le scuse più assurde per farsi aprire, tipo "distribuiamo riviste sui social network" o "volevamo sapere se secondo lei è giusto che ci sia tutta questa sofferenza nel mondo e se il dolore dell'umanità non avrà mai fine": e non sto scherzando, mi hanno detto entrambe le cose sul serio, in 2 domeniche diverse (svegliandomi entrambe le volte =.=) qualche tempo fa!

    Direi che è tutto... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Testimoni di Geova mi fanno pena, per il semplice fatto che sono indottrinati in un modo così biecamente stupido che è troppo semplice prenderli per i fondelli... XD

      Elimina
  7. Io non odio nessuno, diciamo che non "sopporto" queste categorie:
    - Quelli che: guidano MALE. Che sta a significare proprio in maniera scorretta: (non)usano le frecce come accessori, non sanno percorrere una rotonda, non danno la precedenza, non si mettono nella corsia giusta (soprattutto ai semafori), ecc...Includo anche i PEDONI che, avendo le strisce a due metri di distanza, camminano allegramente a passo di tartaruga infischiandosene del traffico fuori dalle stesse.

    - Quelli che: parlano male di te alle spalle. MAI sopportate, preferisco che le cose mi vengano sempre dette in faccia.

    - Quelli che: sono ignoranti, ma non lo ammettono.

    - Quelli che: si comportano come fossero a "casa loro", specialmente sul lavoro (specialmente nei bagni...).

    - Quelli che: con il loro mezzo sfrecciano alle
    quattro di mattina in su ed in giù per la stessa via con lo stereo a tutto bordone. Che tanto la benzina è gratis...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Quelli che: sono ignoranti, ma non lo ammettono"
      Ecco, io questi non li odio. Li tratto male e basta. Per il semplice fatto che i tipi ignoranti e stupidi, per loro natura, si comportano in modo "cattivo". Quindi vanno ripagati con la stessa identica moneta.

      Elimina
    2. Anch'io odio chi sparla alle spalle è un brutto vizio che molti hanno e poi magari sei nella stanza accanto e senti tutto. Poi dicono che hai capito male e negano anche l'evidenza cercando di farti passare pure per imbecille. Preferisco che le cose mi vengano dette in faccia.

      Elimina
  8. ommiodddddio, mi sa che sono un pò categoria 4...è che ho una voce alta e mi sembra stupido abbassare la voce, quindi non grido ma parlo normale...per gli altri d'accordissimo, soprattutto per il cinema! e quanto sono odiosi i cellulari che squillano?grrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che tu sia consapevole del volume della tua voce significa che NON rientri in quella categoria... :)

      Elimina
  9. MaMa

    A parte che anche a me danno molto fastidio quelli che senti cosa ascoltano a tre chilometri di distanza e gli impiegati scorbutici (una chiacchierata con le segretarie dell'Accademia di Belle arti dove studiavo me le ha fatte girare a livelli... grrr cioè, gli ho detto, se chiamo è perché voglio essere sicura di cosa sto firmando e perché, non è che mi diverto a farti domande!)
    In generale non sopporto la gente scorbutica senza apparente motivo. Perché se hai problemi non puoi prendertela con me che non c'entro. Se mi conosci e vuoi confidarti fallo, o penserò che sei uno/a stronzo/a.
    Poi vediamo... ah, gli stronzetti o stronzoni, quelli montati che si credono chissà chi e schiacciano gli altri come se fossero scarafaggi senza neppure domandarsi se per caso (ma solo per caso, sai) gli stanno facendo male. E odio i maschilisti del cazzo che pensano solo a trombare e vedono le donne solo come come casa-chiesa-letto o casa-discoteca-letto-una botta e via che non mi voglio legare.
    E gli omofobi che tirano in ballo la religione e si fanno grandi dottori ma non capiscono il punto numero uno della questione, cioè l'amore per il prossimo. Tutti i prossimi. Però intanto ti dicono che Dio ti ama per il tuo peccato ma se continui a peccare finisci all'inferno e si soffermano molto su questa parte.
    Se poi dovessi pensare ad esseri umani nella norma... non sopporto quelli che amano mettere in imbarazzo le persone con battutine fuori luogo e magari spifferano agli altri i tuoi fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I montati li odio enormemente pure io... Brutta razza, davvero.

      Elimina
  10. Buta, hai individuato proprio il genere di persone che non sopporto nemmeno io. In particolare "Il mondo è mio" e "L'impiegato comunale", che però integro con "L'impiegato delle poste" o anche "L'impiegato di Trenitalia".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, gli impiegati di poste/treni/uffici pubblici in generale sono una brutta bestia...A Napoli poi sono delle vere e proprie piaghe bibliche.

      Elimina
  11. categoria fresca fresca che mi è venuta in mentestamattina. Tutti quelli itagglliani che criticano sempre il lavoro degli altri, che l'italia va male e vedono qualsiasi altra nazione come il paradiso terrestre senza mai esserci stati, che si lamentano dei favoritismi ma sono i primi a farne e sfruttarne, che "l'italia va in rovina" ma oltre a parlare non si danno una mossa, anzi, per poter parlare a lungo non fanno neanche il loro minimo lavoro richiesto (però son sempre gli altri eh!!) ...scusate lo sfogo ma dopo due ore passate a cercare di lavorare mentre uno seduto in panciolle critica il fatto che gli altri non fanno nulla è il minimo!

    RispondiElimina
  12. io odio i fanboy politici! quelli che quando si parla di mussolini/sinistra non ammettono nessun altro intervento negativo! gente senza cervello a cui se dicessero di buttarsi da un palazzo, per politica, lo farebbero senza pensarci!
    altra categoria sono le persone che uccidono l'italiano scritto e parlato... errori/orrori, scritture TrUzZe, linguaggi sms ecc....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "io odio i fanboy politici! quelli che quando si parla di mussolini/sinistra non ammettono nessun altro intervento negativo! gente senza cervello a cui se dicessero di buttarsi da un palazzo, per politica, lo farebbero senza pensarci!"

      Mamma mia! Il peggio del peggio! XD

      Elimina
  13. Sostanzialmente, vedo che tutti noi odiamo chi non mostra rispetto verso il suo prossimo.
    Chi urla, chi ruba lo stipendio pubblico, i tifosi... chi vi pare.
    È tutta gente che sputa sul suo prossimo, sentendosi protetta non si sa bene da quale impunità.
    A volte mi chiedo se non sono io (o voialtri) l'anomalia in questa società, quelli che non urlano, che rispettano le file, che dicono grazie e per favore e mi scusi, che si fermano a far passare un pedone, che non aprono bocca se non conoscono l'argomento.
    Siamo rimasti così pochi?
    davvero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so. Può darsi. Sta di fatto che io ormai mi sento "a casa" solo quando vado all'estero. Quando sono fuori dall'Italia mi sento a mio agio. Mi sento nel mio ambiente. Quando rientro, invece, sono dolori. C'è da dire pure che io abito in una città non proprio "felice" dal punto di vista "umano"...

      Elimina
    2. Già! Comunque no, siamo ancora in tanti, ma gli altri sono sempre troppi! XD
      Altro! Il semaforo pedonale è rosso, ma gli stutenti che escono da scuola passano comunque a carovana quasi bloccando il traffico! XD Praticamente a scuola ero l' unico o quasi che passava solo con il verde! XD

      Elimina
  14. Già! E che pensano a prendersela con la squadra avversaria o il presentatore o attore di turno invece di pensare a cose più costruttive. XD
    Altra categoria dalle memorie scolastiche: quelli che dicono di non sapere niente o quasi e poi prendono 8 o 9. XD
    Quelli che, chissà perché, devono mettersi a fare i pomicioni esibizionisti per strada! Che poi magari tempo due, tre mesi di lasciano! XD
    Quelli che sulla superstrada ti superano e poi tempo 20 metri imboccano l' uscita! Me ne spiegate il senso?
    Quelli che parcheggiano a kaiser invadendo anche il posto accanto!

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro