24

Le Tartarughe Ninja. Quelle "originali" di Eastman e Laird

Quando pensiamo alle Tartarughe Ninja probabilmente davanti agli occhi ci appaiono immediatamente tre immagini:
1)- Le quattro tartarughe pucciosissime del cartone animato, quelle che era impossibile non amare perché simpaticissime e divoratrici di pizza;
2)- I pupazzoni di tre film, di cui il primo epico e spettacolare, mentre il secondo e il terzo troppo demenziali e piuttosto dimenticabili;
3)- Disegni ruvidi di Tartarughe Ninja che non sembrano le Tartarughe Ninja.
Ecco, oggi parliamo delle Tartarughe Ninja che non sembrano le Tartarughe Ninja.
Insomma, parliamo delle Tartarughe Ninja "vere e originali".

Create dal genio (che di genio si tratta) di Eastman e Laird, Teenage Mutant Ninja Turtles è una serie a fumetti che jammolladebbrutto. Postmodernismo a gogò, condito con tutto il retro futurismo made in anni 80, un pizzico di sana ironia, e tanta, tanta violenza.
Le Tartarughe Ninja “originali” poco hanno a che spartire con quelle pucciose della serie animata, o con “la via di mezzo” di quelle del film. Sono guerrieri fatti e finiti, che utilizzano le proprie tecniche per contrastare i nemici e le avversità che gli si parano di fronte.

Ogni Tartaruga ha la sua peculiarità che l’ha resa celebre:
Leonardo è il leader carismatico duro&puro;
Donatello il genio di informatica ed elettronica;
Raffaello la testa calda del gruppo, ma probabilmente la tartaruga più forte;
Michelangelo…beh, è Michelangelo. Non è la macchietta che tutti conoscono, anche se è l’unico che di tanto in tanto, nel mezzo del combattimento, si lascia andare a qualche ironica battuta.


La copertina del volume 1. Epicissimo!

Le Tartarughe di Laird ed Eastman sono ninja a tutti gli effetti: fanno del bushido la loro ragione di vita, della perfezione psicofisica il loro “motto”, e non sono delle formine verdi mangia-pizza che la serie animata ci ha proposto. Quando combattono ci vanno giù pesanti, sfruttano a loro vantaggio le tenebre come solo degli ottimi ninja sanno fare, non lesinano morte e distruzione, e sono delle vere e proprie furie inarrestabili. Le storie “originali” non sono edulcorate né sempliciotte, ma anzi, sono dure&crude, brutali, alle volte persino eccessive.

Il postmodernismo la fa da padrone, ma il pizzico di “fantastico e fantascientifico” non fa che aggiungere il tanto ricercato “sense of wander”. Le matite grezze, i disegni “sporchi e spigolosi” rendono ancora più magica l’atmosfera e servono per rendere “credibili” queste tartarughe mutanti che si trovano a dover vendicare il maestro di Splinter da Shredder, a combattere con alligatori mutanti, scienziati pazzi, razze aliene e vigilanti mascherati, nonché a viaggiare attraverso altri mondi e universi.


Una bella scazzottata...

Vi assicuro che leggere le storie originali di Eastman e Laird mi ha fatto (ri)scoprire le Tartarughe Ninja nella loro essenza primordiale e vera. Ed è una bella (ri)scoperta che mi sento di consigliare non solo a chi, da piccolo, ha amato la fantastica serie animata, ma anche a chi ha voglia di una serie “adulta”, che risulta, a distanza di quasi trent’anni dalla sua creazione assolutamente godibile.

E poi oh, so’ sempre le Tartarughe Ninja!
In Italia potete recuperare i 4 volumi editi da 001 Edizioni. Roba potente, credetemi!

24 commenti:

  1. Wow non sapevo nemmeno esistessero i fumetti! Cartoni animati e film (secondo mi pare) era tutto ciò che conoscevo. Magari un'occhiata ci scappa!

    RispondiElimina
  2. è della granata press??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 001 Edizioni. C'è scritto. ^_^

      Elimina
    2. Le prime edizioni lo erano. Mi è rimasto solo il numero tre (che con somma fierezza ho postato su FB) e non so il motivo. Anche se, in tutta onestà, era mio fratello a comprarli

      Elimina
  3. Ripenso al potenziale delle Tartarughe Ninja originali e mi viene in mente che adesso Micheal Bay vuole farne quattro alieni... cheobrobrio. ._.

    Comunque c'è da dire che il finire degli Anni '80 erano un periodo davvero magico: riuscivano ad abusare di ogni concept al limite del manierismo nelle forme più disparate, sfornando capolavori e pattume che vivevanoa braccetto. Le Turtles ne sono un esempio lampante, capostipiti di un genere, quello dei cazzutissimi animali anropomorfi, che nel corso del tempo è andato a farsi benedire. Salvo rari casi, tipo Usagi e Rocket Raccoon.

    Comunque io quando penso alle TN rimango sempre fedelissimo al punto 1. Nostalgia Canara! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggesù...davvero ci aspetta un tale orrore?

      Elimina
    2. http://www.youtube.com/watch?v=cr6Tqba4Jrc
      http://www.youtube.com/watch?v=kewzkyN1mXY
      http://www.youtube.com/watch?v=YG1SBp9TxmE

      Ti riferisci a cartoni del genere? Da piccolo ci andavo scemo! XD

      Elimina
  4. Francis D. Matthews16 maggio 2012 20:34

    È da tempo che vorrei leggerle... ma la serie è completa con i quattro volumi che hai citato? O ce ne sono di più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so se ce ne sono ancora...Mi informo e ti faccio sapere. :)

      Elimina
    2. dovrebberoessere sei quelli editi dalla 001, se non erro....

      Elimina
  5. Questo fumetto partì senza editore in forma di spillato, era un vero fumetto undeground che faceva la parodia al devil e a ronin di frank Miller, e poi si è trasformato in un franchising immenso... pensate al fluido radiottivo (Devil) al piede (la mano) ecc. Poi però si è trasformato ed è diventato un gran bel pezzo di fumetto! grazie buta per averlo ricordato!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che venne pubblicato dalla Granata Press. Rimane davvero un ottimo prodotto, comunque.

      Elimina
  6. Ma che meraviglia di notizia *.*

    RispondiElimina
  7. Davvero non si strafogavano di pizza? o.o
    Non saprei se essere traumatizzata o meno, però mi incuriosisce il lato nudo e crudo di quelle "tenere" tartarughine che hanno riempito la mia infanzia di dolci ricordi all'insegna degli scazzottamenti *^*
    Le ho adorate allora e adorerei sicuramente anche il loro lato più maturo *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono abbastanza "stranianti" sotto un certo punto di vista... :D

      Elimina
  8. La serie originale è composta da 50 numeri americani. Ho visto che nell'ultimo volumme hanno tagliato parecchi numeri passando alla saga finale che constava di 10 episodi 8city at war). In italia non è mai stata pubblicata interamente ma la 001 sta facendo un ottimo lavoro, e parlando con un responsabile a mantova ho sentito che dovrebbero recuperare anche i numeri non ancora pubblicati. inoltre esistono 2 o 3 volumi di tales of teenage ninja turtles, serie più moderna. Racentemente la IDW sta pubblicando un reboot a colori che recupera le vecchie amosfere con Eastman e laird coinvolti come supervisori del progetto e copertinisti!

    RispondiElimina
  9. In risposta all'ultimo commento: Eastman sta collaborando con la IDW, ma Laird non è assolutamente coinvolto. I due hanno smesso di lavorare insieme più o meno a metà anni 90, quando Eastman cedette la sua parte di diritti e si dedicò ad altro. Laird ha continuato ad occuparsi delle tartarughe fino al 2009 per poi vendere l'intero marchio alla Viacom (Nickelodeon). Eastman è tornato a lavorare sulle tartarughe nel 2011 tramite la IDW, che sta pubblicando una nuova serie. Per la IDW ha realizzato i layout per i primi 4 numeri e continua a disegnare copertine e aiutare con la stesura delle storie.

    Federico

    RispondiElimina
  10. Ma sai che non li ho mai letti i fumetti originali? Diciamo che ho sempre detto: "Domani li compro, domani li compro."
    E poi sto ancora qui a commentare che non li letto :E

    RispondiElimina
  11. É da un sacco che voglio prendermi la serie edita da 001, adesso ho visto che c'è una ristampa, il prezzo è molto alto, ma penso si possa fare per le Tartatughe....

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Ma l'edizione della 001 è tradotta o in lingua originale?

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro