13

La foto della Settimana: Novità Fantasy

C'è che poi boh, scorsa settimana ho dimenticato di programmare il post e avevo lasciato la foto della settimana solo in bozza. Sto diventando vecchio, lo so.
Ad ogni modo, nella sua semplicità e nella sua simpatia, questa foto mi ha colpito.
Novità Fantasy: La Bibbia.
Perchè può un "testo religioso" essere associato a un libro fantasy?
Chissà, lascio a voi la parola.
Perchè se mi metto a parlare io, finirei per suonare blasfemo agli occhi di chi crede. 

13 commenti:

  1. Sono di parte...inizierebbero a cercarmi per mettermi al rogo :D

    RispondiElimina
  2. Penso che con questo post hai scoperchiato il vaso di Pandora...
    Comunque, a mio parere, è perfettamente plausibile un paragone del genere visto che, in fondo, tutto ciò che caratterizza il genere fantasy (es: elfi, nani, draghi, folletti, ecc) è tratto da religioni ormai cadute in disuso come quella celtica o norrena, che hanno fortemente influenzato tutto il genere fantasy, quello inglese in particolare. Quindi è molto probabile che quando anche Cattolicesimo e Islam saranno superati rientreranno tranquillamente nel genere.

    RispondiElimina
  3. bè, io ritengo che ci sia una netta, nettissima differenza fra credere nell'esistenza di un dio e credere a un testo come la bibbia che è stato stravolto da millemila persone nel corso dei primi secoli d.C. e cambiato a seconda di come più conveniva ai potenti di quel periodo... quindi spero di non offendere nessuno se dico che un tomo che parla di perfidi serpenti parlanti, oceani che si dividono in 2, acqua che si trasforma in vino, ecc... sia più che accettabile come fantasy, tutto sommato!
    Poi uno è anche liberissimo di crederci, su questo non si discute: libertà di pensiero prima di tutto.
    Comunque c'è anche il gruppo di facebook che si chiama "spostare la bibbia nei settori fantasy delle librerie": forse hanno preso spunto proprio da quello! :)

    RispondiElimina
  4. Ahahahahaha bellissima.
    A parte gli scherzi, penso che mettere la bibbia tra i fantasy non sia offensivo, anzi, sono io a sentirmi offeso quando dicono che è un libro ispirato dal loro Dio (che è anche buono per giunta!) e che dovrebbe essere preso come esempio per vivere bene.
    Penso che il 99,99 per cento dei credenti non l'ha mai letta e dice che è sacra perchè lo dicono tutti.
    Io la sto leggendo, sono arrivato al Deuteronomio e devo dire che, per quanto mi riguarda, non si può essere cristiani e dire che la bibbia è la parola di Dio.
    Non posso esprimermi per il resto, ma fino ad ora, il dio descritto in quel libro è un tiranno peggio di Stalin.
    Proprio ieri ho avuto una discussione con la mia prof di religione e sono rimasto basito e indignato dalla facilità con la quale liquida i crimini commessi da Dio. Mi ha detto che non devo prendere tutto alla lettera perchè non tutto è vero, e, quando gli ho chiesto con quale criterio dovessi discriminare le cose vere da quelle false, mi ha detto che dovrei rivolgermi a un prete e che lei mi dice quello che le hanno insegnato.
    Penso che sia giunta l'ora di smettere di essere ipocriti ed ammettere che la bibbia è solo un libro scritto tanto tempo fa da delle persone con la mentalità del loro tempo. Nè più nè meno.

    RispondiElimina
  5. Beh che dire... non so dalle vostre parti, ma io lo sento dire da una vita che la Bibbia è il primo libro fantasy scritto :D ed in effetti è così, se lo si legge senza pensare a tutti i significati intrinseci del caso.

    Anzi, mi spingo più in là: io direi che almeno l'antico testamento mi sembra proprio catalogabile nel genere "Sword and Sorcery"

    Muahahahahah!!!!

    RispondiElimina
  6. Tocchi un tasto assai dolente, ma dai, visto che ti sei fermato non ho nulla da ridire, anche perché sotto certi punti di vista concordo. Potrebbe essere considerato un fantasy per la quantità di cose fuori dal normale che ci sono scritte.
    Beh, si rimane perplessi a leggere il Vecchio Testamento, sembra quasi che Dio si sia ammorbidito, personalmente credo che ad un certo punto si sia visto costretto a porre delle regole, cioè i 10 comandamenti, mentre la quantità di leggi, su quelle non sono sicura, ma insomma, le leggi dei tempi di Mosè mi sono sempre sembrate leggi da uomini.
    Senza contare che la Bibbia è stata censurata in una maniera incredibili, chissà quanti testi sono andati perduti e probabilmente aiuterebbero a capire meglio determinate cose.
    Ma chissà...

    RispondiElimina
  7. Immagine sempre divertente e con non pochi significati, pur essendo io, come si suol dire, un membro del "Lato Oscuro della Forza". :D

    RispondiElimina
  8. SPOILER:
    http://images3.wikia.nocookie.net/__cb20080823101404/nonciclopedia/images/1/1e/Bibbia_Spoiler.jpg

    X°°°D

    Beh, i detrattori di tale testo (me compreso) lo hanno sempre classificato come un fantasy. Se il termine "fantasy" risulta... offensivo? direi che senza problemi lo si può assimilare alle varie epiche del passato a cui oggi diamo una grande importanza dal punto di vista culturale (Gilgamesh, i poemi omerici...) ma a cui diamo, ovviamente, nessun peso dal punto di vista della verosimiglianza e tutto il resto.
    Avevo scritto da qualche parte che, se la Bibbia fosse uscita oggi, l'avremmo giudicata più o meno così:
    "Un bel fantasy, anche se un po' troppo lungo e lento a tratti. L'azione generale viene spezzata frequentemente da poesie (spesso in onore del Dio che viene venerato in questo universo narrativo) e si ricorre fin troppo all'intervento deus ex machina di tale divinità per risolvere le situazioni. Il libro è, fondamentalmente, diviso in due parti. Nella prima, ben più memorabile, vengono narrate le origini del mondo e le mille guerre che interessano il popolo protagonista fra intrighi, vendette, tradimenti e scontri leggendari. La seconda parte pare più un brodo allungato, probabilmente a causa delle esigenze dell'editore e delle previste proteste dei genitori per il messaggio di guerra e schiavitù promosso dalla prima parte. Nel Nuovo Testamento, infatti, il personaggio di Dio viene stravolto e da vendicatore guerrafondaio diventa una sorta di Babbo Natale benevolo. L'evento che segna la discontinuità col passato è la nascita di suo figlio, Gesù, sulla cui vita si fonda gran parte di questo secondo blocco narrativo. Gesù non è un guerriero: la sua esistenza è un costante aiutare il prossimo, diffondere amore e sacrificarsi. L'autore ha ricevuto numerose critiche per questo improvviso cambio di registro, e le parti che seguono sembrano ulteriori riempitivi fino ad arrivare ad un confuso finale dal titolo altisonante (L'Apocalisse) in cui non vengono al pettine i nodi salienti della trama. Trattasi di un fantasy mediocre, molto lungo, banale e pieno di errori di coerenza interna. Passate oltre."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sto sbellicando dalle risate, posso copiarmela sul pc?? Non voglio perdere questa perla di critica letteraria XD

      Elimina
    2. David: LOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL

      Elimina
  9. Sommo, non sono un credente e nemmeno un praticante, però ti ho sempre ritenuto una persona intelligente quindi tu che puoi dovresti togliere la bestemmia che sta tra i commenti, scritta dal solito imbecille di turno.

    per quanto riguarda il post... bè ragazzi. mari che si aprono in due, piogge di sangue, sciami di cavallette, fulmini che scolpiscono le pietre, demoni da ogni dove, la fine del mondo, i cavalieri dell'apocalisse a cavallo... cazzo se è fantasy!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, giuro che non l'avevo vista. Provveduto immediatamente a cancellare. Grazie per la segnalazione! ;)

      Elimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro