36

E parliamone, di questo "Lo Hobbit" di Peter Jackson


Tanto per fugare qualsiasi tipo di dubbio: già sto al cinema, sprofondato nella poltrona, a godermi lo spettacolo. Probabilmente in versione "normale" che non in 3D, ma il posticino in sala non me lo toglie nessuno. Lo Hobbit "firmato" Peter Jackson s'ha da vede'.

Questo perchè di Jackson ci si può fidare ad occhi chiusi: la trilogia del Signore degli Anelli era uno spettacolo sotto ogni punto di vista, così come King Kong. Quindi Lo Hobbit, anche solo vedendo i trailer, si preannuncia spettacolare.

Però.

Però questa divisione in tre pellicole proprio non riesco a farmela mandare giù. Mi sembra l'ennesima trovata pubblicitaria per spillare quanti più quattrini possibili (agli appassionati e non) con la scusa che "il girato era troppo", "era un peccato non mettere tutto", "non potevamo lasciare scene importanti da parte", "abbiamo voluto fare un film che se Tolkien a pagina 76 diceva che c'erano le formiche che ballavano la Hula assieme ai golem, noi al minuto 98 abbiamo messo le formiche che ballavano la hula assieme ai golem".

Tre film sono osceni, per un solo romanzo.
Due potevano andare (più o meno): tre mi sembra una presa per i fondelli.

- Ecco, l'ho detto -

Ad ogni modo, voi che ne pensate?
Lo andrete a vedere?

36 commenti:

  1. Quasi tutte le persone che ho sentito, me compreso, pensano la stessa identica cosa: figo, non vedo l'ora, ma perché 3? Probabilmente ci metteranno molti più riferimenti al Signore degli Anelli e alla storia del mondo che nel libro originale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci sono parecchie aggiunte tratte dalle appendici. Staremo a vedere...

      Elimina
  2. Io penso che tre film sia meglio che uno o due, perchè di più è sempre meglio! In tre film non salteranno nulla di importante (spero) della trama e ci faranno davvero godere la storia! Non vedo l'ora che esca....dai tempi del signore degli anelli aspetto che accada qualcosa, e finamente sta arrivando! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehehe, beh sì. Lo Hobbit era un imperativo categorico, dopo la trilogia dell'Anello. Mi auguro solo che Jackson non impazzisca e decida di fare anche Il Silmarillion, sennò non ne usciamo vivi. XD

      Elimina
  3. Anch'io non riesco a farmi paicere questa nuova divisione in tre film.
    La divisione in Due Parti mi sembrava equa e perfetta (La prima parte fino al Bosco Atro, la seconda le scazzottate contro Smaug e la Battaglia del Fiume).
    Così ho davvero la terribile paura che uno dei tre film verra' fuori davvero come una passeggiata di due ore e mezza.

    Prego la Sua Spaghettosa Appendice affinchè tutto vada bene. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre sia Insugata. Ramen.
      Certo è che dopo una divisione simile se saltano anche il minimo passaggio del libro son da castrare tutti quanti.

      Elimina
    2. Oh, me lo devo leggere sta cavolo di Bibbia spaghettosa. Appena lo trovo e ho un po' di tempo... :D

      Elimina
  4. Non lo so. Ti giuro che non lo so. Quando vidi la trilogia degli anelli, lo ricordo bene, avevo sempre l'amaro in bocca alla fine dell'episodio. Dover aspettare un anno, due anni, per sapere come sarebbe stato il gran-finale (che mi deluse), mi faceva venire il latte alle ginocchia.
    Lo Hobbit in tre pellicole è assurdo. Il romanzo è pure più breve...

    Magari aspetto il cofanetto in sconto da Amazon, tanto, aspettare per aspettare, risparmio pure i biglietti del cinema. Magari...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps... poi va a finire come con Alien 4, dove la director's cut era quella vista al cinema, mentre la versione estesa è comprensiva di tutto il girato, di scene inutili e insignificanti, con magari un'intervista del regista, a inizio film, che ti spiega quanto sia inutile vedere la versione estesa perché neppure a lui piace!

      Elimina
    2. Sarò sincero: al di là di tutto penso che film come questi vadano visti rigorosamente al cinema. A casa, nonostante il televisorone, si perde un po' di magia. Sui tre film non mi ripronuncio. ;)

      Elimina
  5. La voce di Gandalf non mi piace per niente, per il resto il film promette bene.

    RispondiElimina
  6. Francis D. Matthews27 settembre 2012 15:22

    Che non c'è solo Lo Hobbit ma anche integrazioni alla storia tratte da altre opere di Tolkien lo sai, sì? XD
    Perchè anche a me una trilogia su un libriccino solo fa strocere il naso, ma la storia da portare sullo schermo è più ampia...
    Detto questo mi faccio da parte, Gilgalad è più adatto di me a parlare, se ne ha voglia... :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il post al volo è figlio delle discussioni che abbiamo fatto sul forum. Lui sa (e pure tu) come la penso, ma ovviamente se ha voglia di scrivere la sua opinione al riguardo anche qui sul blog - così da condividerla con gli utenti che non frequentano il forum - sa benissimo di essere il benvenuto.

      Sul fatto delle integrazioni e appendici si, lo so. Ma non mi garba ugualmente perchè mi sembra fatto apposta per allungare il brodo e avere più dindini.

      Elimina
    2. Sì, so già come la pensi, quindi non mi dilungherò troppo.
      Per chi fosse interessato ho risposto ampiamente a Buta (ma non solo) qui e qui.

      Mi limito a commentare solo questa cosa: Probabilmente in versione "normale" che non in 3D.
      Secondo me perde parecchio con la visione in 2-D.
      Tra le altre cose questo film è stato girato in IMAX 3-D digitale a 48 fps (fotogrammi al secondo, fino ad ora sono sempre stati 24) con risoluzione 5k (5 volte il Full HD, normalmente si proietta a 2k, tranne qualche sala che arriva a 4k) e Dolby Atomos.
      Inutile dire che in Italia non ci godremo quasi niente di queste innovazioni, praticamente solo il 3-D nel 99% delle sale, quindi almeno a quello io non ci rinuncerei.
      È da sottolineare che il film è stato girato tutto in tre dimensioni ed in funzione della stereoscopia (esempio banale: il trucco sulla pelle dei Nani era molto più acceso del normale per risultare "naturale" sullo schermo).
      Insomma, è anche un banco di prova: se questo film non viene bene in 3-D allora si potrà davvero bocciare questa tecnologia (almeno per un certo numero di anni).

      Infine sulle integrazioni: un minimo di collegamento alla vecchia trilogia era inevitabile imho, lo stesso Tolkien aveva cercato di farlo in vari scritti.

      Elimina
    3. Grazie caro! Fatto bene a linkare!

      Come ho risposto più giù a Cervello Bacato: se il 3D del film di Tolkien sarà come quello di Hugo Cabret, lo vedrò in 3D. Non ho voluto approfondire la faccenda perchè mi interessava proporre un post "leggero" incentrato sulla questione "3 film".
      Di sicuro preferisco il 2D al 3D, ma se quest'ultimo è fatto come Dio comanda, non mi faccio problemi. :D

      Elimina
  7. Beh, stai parlando con uno che ha visto solo il primo Signore degli Anelli, per di più in televisione, e si è annoiato mortalmente.
    Lo Hobbit manco se mi pagano, ma sulla questione "prendi un romanzo>fanne tre film" ti dico la mia: di questi tempi, era prevedibile.
    Se un film ha successo, si mettono subito in cantiere non uno, ma due sequel, che costa meno.
    Se una saga ha successo, si mette in piedi uno spinoff, e ottimizzando tempi e costi, si cerca di girare più roba possibile insieme.
    Hollywood ha scoperto che Tolkien è una miniera d'oro: credi che se la lascia scappare con un solo, misero film? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, con un solo misero film no. Due mi stavano pure bene, tre però mi pare un'esagerazione. Proprio perchè lo Hobbit, per quanto caruccio sia, non è un mattonazzo.

      Elimina
  8. Anche io ho pensato questo all'inizio, e ovviamenteci sono sempre questioni di marketing dietro, ma poi mi è venuto in mente che Jackson ha aggiunto altre parti rispetto al solo libro de "Lo Hobbit" tipo la cacciata di Sauron da Dol Guldur da parte del Bianco Consiglio (che tra l'altro è una delle parti che aspetto di più). Inoltre se avessero dovuto fare 2 film da 3 ore e mezza (cosa più che certa) alla fine vanno bene anche 3 da 2 ore e mezza, senza diluire la storia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco il voler andare incontro a tutti con la storia della durata però...boh, la vedo solo come mera strategia di marketing.

      Elimina
  9. In linea di massima sarei d'accordo con te, ma trattandosi di Peter Jackson, non oso pronunciarmi prima di aver visto il film. Il signore degli Anelli era semi-sconosciuto alle masse prima di diventare un film, ed ovviamente i tempi non potevano eccedere la misura, ma dovrai ammettere ( sempre che tu le abbia viste ) che le versioni director's cut dei tre film sono dei veri gioiellini, e chissene se in tutto si tratta di 11 ORE di girato ;)
    Questo per dire che se è materiale di qualità, ben vengano le ore "supplementari" per Lo Hobbit.

    P.s. Sommo, ti consiglio vivamente di dare un'occhiata al videoblog, ci sono interessantissime cosette in "anteprima" :D

    http://www.youtube.com/results?search_query=lo+hobbit+videoblog+&oq=lo+hobbit+videoblog+&gs_l=youtube.3..0l10.4663.4663.0.6340.1.1.0.0.0.0.144.144.0j1.1.0...0.0...1ac.1.eAiQRrjXUec

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho visti alcuni. Carucci! :D

      Sul film in sè naturalmente non parlo prima di averlo visto, la mia critica va proprio sulla divisione in 3 film di un romanzo tutto sommato "normale". Poi, come detto, Jackson è Jackson e già sto al cinema!

      Elimina
  10. Penso anch'io che tre siano troppi, però concordo con te: s'ha da vedere! :D Magari in 3d se è fatto bene. Per quello aspetterò le prime recensioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, anche sul 3D. Se è come quello di Hugo Cabret, sarà un valore aggiunto.

      Elimina
  11. Lo aspetto pure io con grande trepidazione!
    Per rispondere al tuo legittimo dubbio (perchè tre film?) dico solo questo: ormai ce lo siamo dimenticati, ma "Lo Hobbit" ha avuto una preproduzione estremamente travagliata. Riprese bloccate, abbandono del primo regista, etc. Penso che i tre film siano l'unico modo per rientrare nelle spese :/ Almeno il regista è Jackson, quindi dormo tranquillo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi avalli l'ipotesi che "se devono fare li sordi"... ;)

      Elimina
    2. Momento, momento...
      Io sono uno dei pochi pazzi che ha seguito l'evoluzione di questo film dal lontano 2007 e posso confermare la grossa mole di lavoro fatto in pre-produzione. Ma sempre di pre-produzione si parla, anzi molti la definirono qualcosa di ancora precedente.
      Al tempo furono realizzati gli script e vari concept dei personaggi, anche con modellini realizzata dalla Weta Workshop, ma si parla di concept e modellini, basta. Tutto questo per più o meno un anno (tra interruzioni varie e periodi dedicati ad altri progetti) di lavoro non intenso.
      Quanto sarà stato il costo? 10 milioni di dollari? 20? 30?
      Ognuno dei due film ha avuto a disposizione un budget di 250 milioni (per il terzo non si sa se ne saranno stanziati altri), quindi i costi di pre-produzione sono quasi nulli a confronto.

      Al massimo si può dire che Peter Jackson sia stato "costretto" a prendere in mano il progetto, perchè quelle spese c'erano state, ma dire che i film dovranno incassare di più per quelle spese mi pare assurdo.

      Ora partiranno le critiche per i budget troppo alti! XD

      Elimina
  12. La storia d'amore tra un'elfa (creata dal nulla) e un nano belloccio, mi hanno già rovinato il film. E tu lo sai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, lo so. Lo so che tu sei sul piede di guerra!

      Elimina
    2. Ero già inca@@ato per Arwen nella trilogia di LoftR, figuriamoci qui :-D

      Elimina
    3. Queste sono solo voci ed interpretazioni di mezze interviste, quindi ci andrei cauto...
      Pare che ci sarà una cosa del genere, ma molto più sullo stile di Gimli-Galadriel che non su quello di Aragorn-Arwen.

      Insomma, la classica scena del Nano che s'infatua della bella Elfa, che da parte sua ricambia con simpatia e sorrisi.

      Poi io non sono un amante delle scene mielose e romantiche, ma la storia tra Arwen e Aragorn fu anche approfondita separatamente da Tolkien (per meglio trattare la tematica della mortalità, oltre al paragone con la coppia Beren-Luthien).

      Elimina
  13. è SICURAMENTE una mera questione di marketing. Il libro era corto, più corto del più corto della trilogia del Signore degli anelli. E, francamente, non mi è nemmeno piaciuto un granchè. Volerne fare tre film è solo il trend che Hollywood ultimamente sta utilizzando per qualsiasi cosa. Vedi il quinto film su Resident Evil di prossima uscita. Quinto!! e pare che faranno pure il sesto! Su Resident Evil! Robe da pazzi. Non c'è da stupirsi se vogliono sfruttare una vacca grassa come Tolkien. Almeno c'è da ben sperare per la qualità de prodotto finale.
    Il Moro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al di là di tutto, credo che sarà comunque un bel vedere lo Hobbit. Sullo spremere un brand che ha successo, ormai è prassi comune. Resident Evil che tu citi è uno degli esempi più lampanti (io credo di aver retto fino al 2 o al 3 - cinematograficamente parlando).

      Elimina
    2. Marketing o no, non so dirti se la scelta dei 3 film invece che dei 2 iniziali sia giusta o meno, però posso dirti che come libro, si è corto ed è molto più lungo il signore degli anelli, però c'è da dire che lo hobbit è un libro molto denso. Non succede come nel signore degli anelli che la parte descrittiva è maggiore di quella narrativa, ne lo hobbit ci sarannò si, molte meno pagine, ma le avventure che affrontano i personaggi sono innumerevoli. Le scene che ci verranno proposte sono tante, si passa dalla presentazione dei personaggi alla scelta di bilbo di partire per l'avventura, dalla scena dei troll, all'arrivo a gran brurrone, c'è quella dei giganti,la grotta degli orchi e gli indovinelli di smeagol fino arrivere alla foresta dei mannari senza poi contare le scene delle appendici aggiunte (magari mi sono scordato qualcosa. E questo è solamente il primo film. Di materiale ce n'è tanto, lo hobbit è un libro dove si susseguono avventure, le descrizioni ci sono ma non sono approfondite, tolkien ci ha dato lo spunto per immaginarci il paesaggio e l'atmosfera ma non ci ha dato per filo e per segno dettagli che invece sono presenti nel signore degli anelli. A un esame più attento dividere la pellicola in 3 parti non è una scelta poi così buttata di fuori. Naturalmente ho storto il naso anche io quando hanno aumentato il numero a 2 ma non posso fare altro che aspettare e confidare nell'abilità e nella voglia di fare di Peter Jackson, di Andy Serkis e di tutti quelli che collaborano alla riuscita del film. Personalmente ho visto il making of di molti film che mi piacciono e devo dire che non sempre dietro c'è il lavoro che ti aspetti, ho rivisto alcuni making of di alcuni film che poi sono riusciti e hanno avuto successo che non capisci nemmeno come abbiano fatto a far venire fuori quel film (tutto alla rinfusa non sapevano cosa fare e scene del genere) e in confronto il making of del signore degli anelli sta su un altro livello e capisci anche perchè il film ha avuto quel successo. Tutto questo per dire che anche guardando i vari video blog di peter jackson dello hobbit, ritrovo la stessa atmosfera e sono fiducioso e aspetto con ansia l'uscita dei film, solo alla fine potrò criticare, ma le basi per una futura critica positiva ci sono!

      Elimina
  14. Correrò al cinema, per tutti e tre, ma...a quanto ne so la divisione in tre film non è ,totalmente xD, una decisione di Marketing. Sarà stato fatto anche per questo, ma i film successivi, o a partire da questo, non so, dovrebbero seguire anche altre avventure d Gandalf, raccontando la sua storia precedente a quella della guerra dell'anello u.u

    RispondiElimina
  15. Ho visto il primo e m' è pure piaciuto! Però... devo ancora vedere gli altri due! °_O Che pigro! All' epoca de ISDA appena uscivano mi fiondavo al cinema! E dire che il romanzo del 37 m' è pure piaciuto un sacco. Boh! Forse è la struttura di tre film che mi da apatia e pigrizia. Boh! O forse il primo non mi fa l' effetto di correre a vedere gli altri. Boh! Prima o poi li vedrò! XD

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro