5

Lo strano talento di Luther Strode - Jordan/Moore/Sobreiro

Luther Strode è un teenager gracile, allampanato, maldestro e modesto, bistrattato dai bulli della scuola e snobbato dalle ragazze che contano.
Il classico “zero assoluto”.
La sua vita privata è misera e incasinata, dato che in passato suo padre picchiava lui e sua madre. L’unica consolazione è l’amico Pete, maldestro e impacciato quanto lui, col quale può confidarsi sognando un futuro migliore.
Volendo cambiare la sua vita, Luther si fa inviare un manuale, il Metodo Ercole, che secondo la pubblicità, permette a chiunque interno di diventare un vero e proprio superuomo. Luther si impegna seriamente, affinando le sue percezioni, allenandosi tutti i giorni.
Ce la mette tutta, perché il Metodo Ercole ha come scopo quello di sviluppare fino all’estremo corpo e spirito dell’aspirante Ercole.
E la cosa interessante è che il Metodo Ercole…funziona!
Nel giro di poco tempo Luther si trasforma letteralmente in un superuomo, agilissimo, muscolosissimo, fortissimo, intelligentissimo. Ma questa trasformazione ha un prezzo di sangue, follia e violenza che Luther pagherà a caro prezzo…

Qualche tempo fa avevo letto di sfuggita un articolo in cui si parlava di un fumetto piuttosto particolare, una sorta di “Kick Ass” dalle tinte più splatter e violente. Non si parlava nello specifico della storia, ma si diceva che gli autori, tutti giovanissimi e molto promettenti, con questa storia avevano dimostrato di saper lavorare autonomamente proponendo qualcosa di estremamente affascinante e divertente. Mi era rimasto impresso il disegno di quest’omaccione biondo con i pugni e gli avambracci ricoperti di sangue, così quando ho visto la copertina de “Lo strano talento di Luther Strode” in fumetteria, mi sono ricordato dell’articolo e senza pensarci due volte, l’ho preso.

La carriera di Luther: da così...

In realtà, l’articolo che state leggendo sarebbe dovuto apparire la scorsa settimana. Questo perché ho letto Luther Strode qualche giorno prima di Pax Romana. E prima della lettura del capolavoro di Hickman, ritenevo Luther Strode il miglior comic book letto nel corso dell’anno, nonché il più divertente. Pax Romana ha sparigliato un po’ le carte, ma il giudizio sul lavoro di Jordan, Moore e Sobreiro non cambia.

...a così...

L’unico punto in comune che la storia ha con il già citato Kick Ass è solo la decostruzione (ennesima?) della figura del supereroe. Luther si ritrova di punto in bianco ad essere un superuomo potentissimo e dai sensi acuiti fino all’inverosimile. Ha una potenza devastante, da solo può fronteggiare uomini armati, e i suoi muscoli sono talmente sviluppati che le pallottole non gli provocano danni.
Luther viene convinto dall’amico Pete che questi suoi particolari talenti devono essere messi al servizio del bene, mandandolo a pattugliare strade e vicoli di notte, e regalandogli perfino una maschera e un costume. Ma la svolta “supereroistica” di Luther è solo una parentesi di quello che sta per succedergli, dato che capirà a sue spese qual è il prezzo da pagare per aver seguito alla lettera i dettami del Metodo Ercole.

...a così!

La forza della novel probabilmente, più che nella storia – che riserva un paio di colpi di scena niente male, e un boooooooooooooooootto di sangue, mazzate e sventramenti da paura – risiede nei personaggi. Il più riuscito è certamente il villain, “Il Bibliotecario”, colui che spedisce il Metodo Ercole alle persone che ne fanno richiesta, e che spiega a Luther che ogni persona, in potenza, è destinata ad essere e fare grandi cose…salvo poi lasciarsi andare, nel migliore dei casi, al lassismo più assoluto, spegnendo ogni velleità di miglioramento. Miglioramento fisico, mentale e spirituale che è insito in ognuno di noi sin dall’alba dei tempi, e che porta l’uomo a fare sempre la stessa cosa: prevaricare sull’altro, e ucciderlo se è necessario.

Lo strano talento di Luther Strode è una graphic novel godibilissima e divertentissima, che io vi consiglio senza se e senza ma.

5 commenti:

  1. Mi fido come al solito, fin ora non hai mai deluso :D
    Ho finito di Leggere Pax Romana, martedi recensisco...il finale mi ha lasciato senza parole!
    E i Gene Papa sono una figata!

    RispondiElimina
  2. Mi ha ricordato Grimmer quando diventa il magnifico Steiner in Monster :D

    RispondiElimina
  3. E io comprerò senza se e senza ma... Se la trovo!

    RispondiElimina
  4. Figata! Però, se continua così, non avrò più spazio per il resto: il mio piccolo mondo verrà conquistato dai fumetti! :D

    RispondiElimina
  5. Evabbé, te vojo dà retat n'artra vorta.
    Anche se il sangue, sui fumetti, non rende per niente, secondo me.

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro