28

5 validi motivi per leggere Bleach

Cinque validi motivi per leggere Bleach di Tite Kubo.
Qualcuno potrebbe dire che si tratta di un’eresia. Altri invece potrebbero eleggermi a loro eroe personale. Nell’ultimo periodo (un periodo moooooooolto lungo, per la verità) l’opera di Kubo ha incontrato lo sfavore del pubblico. In Giappolandia le vendite dei suoi tankobon sono letteralmente crollate, e anche i fan occidentali che leggono le scan “a scrocco” e sono in pari con la lettura made in Nippon concordano sul fatto che Bleach è ormai “robetta”.

Il problema di Kubo, a mio avviso…è che si rompe i coglioni. Ha sempre avuto le potenzialità per essere un autore completo e a tutto tondo, e se si fosse impegnato (e di questo ne sono certo) avrebbe potuto fare di Bleach il miglior battle shonen degli ultimi vent’anni, nonché il vero erede di Dragon Ball.

La sua opera si è invece trascinata tra alti e bassi, fino a quello che sembra essere l’ultimo arco narrativo (che ammettiamolo: è interessante, al momento). Eccovi perciò cinque motivi validi per leggere Bleach. Non ci sono “posizioni”, in quanto sono motivazioni che possono essere messe sullo stesso piano.

Naturalmente, essendo questa una Top 5, vi ricordo che sono espresse solo le mie opinioni personali. Che in quanto opinioni, sono puramente soggettive e rispecchiano unicamente i miei gusti e le mie idee.

L’arco narrativo della Soul Society
Se Naruto meritava di essere letto anche solo per la prima parte del manga, Bleach merita di essere letto anche solo per l’arco narrativo della Soul Society. Qui Kubo dà il meglio di sé, e dimostra che quando vuole impegnarsi e fare sul serio è in grado di sfornare qualcosa di eccezionale. La saga della Soul Society ha tutto ciò che si può desiderare da uno shonen: azione, umorismo, ritmo, combattimenti, personaggi accattivanti e un paio di plot twist molto interessanti.

I combattimenti
Qualcuno potrebbe dire che sono diventati uno dei punti deboli di Bleach. Come dice il buon Marco Ferraris, spesso e volentieri ormai i combattenti urlano cose del tipo “Ti sconfiggo perché sono più figo di te!”
C’è da dire però che è proprio la tamarragine o la figaggine di alcuni combattimenti a rendere Bleach un manga da leggere. La maggior parte dei combattimenti dell’arco narrativo della Soul Society sono uno spettacolo, così come alcuni di quelli all’interno dell’Hueco Mundo (vedi Grimmjow vs Ichigo, oppure Aporro vs Kurotsuchi), senza contare gli scontri "interiori" di Ichigo con la sua spada o il suo lato oscuro.

Zaraki Kenpachi
Se non è il miglior motivo per leggere Bleach, è sicuramente uno dei migliori in assoluto. Una delle peculiarità di Kubo è quello di creare personaggi accattivanti, salvo poi caratterizzarli una vera schifezza. Zaraki Kenpachi per fortuna sfugge a questa regola. È uno dei capitani della Soul Society, uno dei più forti e potenti. Ama la battaglia, il sangue e il clangore delle spade, e per gustare di più lo scontro ha una benda che succhia in continuazione il suo reiatsu – praticamente infinito.
Kenpachi è una sorta di “spartano Super Saiyan”, che ha nella guerra il suo unico dio. I suoi combattimenti sono sempre tra i più interessanti di tutta l’opera, perché violentissimi e selvaggi.
Mito assoluto

I disegni di Kubo
Sono sempre stato un fan di Kubo come illustratore. Tralasciando il fatto che non disegna sfondi, ha un tratto assolutamente magnifico, pulito e minuzioso. Il suo stile di disegno è probabilmente uno dei più ricercati e diretti nel panorama del battle shonen, e questo è un “piccolo” (ma enorme) punto a favore dell’opera. Un manga disegnato bene va letto anche solo per godere di disegni magnifici.
E a Bleach si può imputare tutto, tranne che non abbia disegni superbi.

Le zampakuto
Ne avevo già parlato QUI, quindi mi dilungo poco. Per quanto mi riguarda – almeno all’inizio del manga – le zampakuto erano un elemento “di novità”, perché avevano rimodellato il classico pensiero della spada “con l’anima”. Alcune Zampakuto sono davvero strabilianti, e rivelano poteri eccezionali e visivamente impressionati: su tutte, le mie preferite sono sicuramente quella di Byakuya, quella di Aizen e quella di Renji.

E voi?
Che ne pensate? Avete qualche buon motivo per leggere il manga di Tite Kubo?

28 commenti:

  1. Rettifico. I motivi per cui leggere Bleach li hai trovati! :D
    E li condivido in pieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la prometto come Top 5 di settimana prossima, ma dopo i motivi validi per leggere Naruto e Bleach ci saranno quelli validi pe NON leggere One Piece. Là ci divertiamo. :D

      Elimina
    2. Per quanto mi sforzi non riesco a trovare motivi per cui NON leggere One Piece. E' un vero capolavoro e i (pochi) difetti che ha sono tutti tranquillamente sorvlabili dal mio punto di vista .-.

      Elimina
  2. ...ottenebrato dagli ultimi capitoli, mi ero dimenticato di tutto ciò, ma è vero.
    Zaraki che adoro alla follia, i combattimenti con livelli di figaggine fuori scale e le zampakuto...*O*
    Uno dei motivi per cui lo sto continuando a leggere, infatti, è lo scoprire i bankai sconosciuti dei capitani :D

    PS: Uno dei motivi potrebbe essere Aizen, è un magnifico cattivo u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, secondo me Aizen è un PESSIMO cattivo. Per il semplice fatto che è sfuggito di mano a Kubo. Eccessivamente potente, praticamente invincibile. E difatti c'è voluto un deus ex machina enorme per farlo fuori. Kubo con Aizen ha fatto lo stesso errore che ha fatto Mishima con Hao Asakura in Shaman King.

      Elimina
    2. Forse è vero...cioè non forse, l'ha pompato troppo x'D
      Eppure su di me ha sempre esercitato un certo fascino: Poteri enormi della Zampakuto, una mente malvagia e finissima...si, l'unico difetto è l'uberpotenza finale, ma...tolta quella... :D

      Elimina
    3. Tipo Ikki di Saint Seiya, colui il quale entra e vince! xD

      Elimina
  3. ahahahah Grazie per la citazione, Angelo XD

    RispondiElimina
  4. Io leggerei Bleach solo per capire e seguire il tranello di Aizen! personaggio che avrei voluto approfondire mooolto di più, poi leggerei Bleach per la saga del pendolo!
    Kenpachi è grandioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il flashback su Hirako è davvero splendido.

      Elimina
  5. io sono arrivato nell'anime a quando sconfigge Kugo Ginjo, se volessi iniziare da lì a leggere le scan, da che capitolo dovrei iniziare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una quarantina di capitoli indietro rispetto alla pubblicazione attuale. Cerca nei vari siti di mangasharing

      Elimina
  6. Motivi per leggerlo ce ne sono ma non sono motivi per comprarlo

    RispondiElimina
  7. Ti sei meritato il titolo di eroe mio personale della settimana XD io gioco a fare l'avvocato del diavolo con Kubo, ove vedo che gli sferrano mazzate io ci metto un sostegnino cercando di apparare un pò Bleach XD sarà che sono scuscettibile e superficiale però io a Bleach mi sono affezionato e me lo tengo caro, nonostante oggettivamente ci sarebbero momenti da buttare i volumi per aria; magari un giorno, dopo averlo riletto, sarò pure io un pochino choosy e farò degli articoli su Bleach ma lasciatemi un pochino di sfogo: Bleach è un battle manga vecchio stile senza pretese, se ci si pensa è molto retrò rispetto ad altri manga come One Piece e Naruto ove, invece di pigliarsi solo a mazzate, impostano la loro trama su vicende storiche e vertici di potere o novelli salvatori che vogliono spazzare via l'odio. Bleach non è un manga storico, non può far riferimento se non marginale (vedi gli scenari del Rukongai) a dimensioni storiche passate e quindi in quanto ambientazione e cultura, sò quelle che sò, si riferiscono all'ambito prettamente spirituale. Bleach dunque è un battle manga e di componente spirituale, un incrocio tra Dragon Ball e Yu degli spettri. Per i suddetti motivi Bleach non è un manga che, troppo allungato, può aver fortuna perché, per tematiche scelte, i contenuti son quelli. Dove inizia la decadenza di Bleach? Nella saga degli Arrancar: 27 volumi su contenuti sprimacciatissimi e su combattimenti che son stati moooolto diluiti: si sapeva il nemico chi era, si sa il suo obbiettivo e i personaggi faighi si perdono in millemila combattimenti senza pretese; saga del sostituto Shinigami: saga breve, con lo stile di Kubo già l'accezione "saga breve" stona e difatti molte cose lasciano l'amaro in bocca, si aggiusta un pò nel finale con il tema del complotto e del furto dei poteri, oltre alla nuova figa tenuta da shinigami.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me a un certo punto Kubo si è incartato, come si era incartato Kishimoto prima che facesse della crescita di Naruto (che diciamolo, dopo i due anni con Jyraya non aveva prodotto effetti sperati, tanto che dopo aver azzeccato figure di merda diventa un prodigio sempre riuscente) il punto focale e debole del suo manga. Si è incartato perché Bleach era un manga che aveva perso la sua tonalità aggressiva e vivace, l'umorismo non c'è più; Ichigo ti fa venire la depressione solo a guardarlo. Certo, qualche combattimento faigo c'è ancora e pure qualche power up decente ma... La saga attuale è veramente intrigante e mi gusta parecchio. Se posso aggiungere un punticino ai tuoi io direi che in Bleach ci sono degli spunti, delle intuizioni qui e lì buttate e molto intriganti: la filosofia di Aizen che, oltre a tagliare a pezzi qui e lì mostra quanto sia affascinante il punto di vista di un potente raffinato con il pallino per la trascendenza; il punto di vista di personaggi che (vuoi forse la deformazione professionale) pongono questioni e spunti di riflessione quasi filosofici: tipo il discorso di Tosen sulla giustizia, il rammarico un pò brusco di Ginjo Kugo che quasi chiude il suo rapporto con la Soul Society in uno scontro ove la morte è la sola fuga; questi e molti altri sono quelle piccole luci disseminate in Bleach, secondo me; Dragon Ball che è il riferimento dei battle manga si è concluso dopo 42 numeri dopo aver sviluppato, ripreso e ridefinito tutte le tematiche poste; Yu degli spettri che pure è un battle manga di tipo spirituale poteva durare bene altri 5 numeri e quindi diciamo 25; Bleach purtroppo non è un manga da 55 numeri e lo dico con grande onestà; se Kubo avesse condensato la saga degli Arrancar, lasciato di base solo l'hollificazione e incentrandosi sui combattimenti, facendo risaltare i cattivoni, a quest'ora staremmo parlando di un manga più corto, molto meglio sviluppato e meglio definito; però Bleach qualche cosina la offre anche solo sul piano implicito; c'è molto da dover "tirar fuori" rispetto a One Piece e Naruto, ma tutto sommato un qualche valore ce l'ha. Kubo poi ha quest'ultima saga da giocarsi per intrattenerci per bene, senza dover fare apologie :) scusate lo sproloquio.

      Elimina
    2. Ci piacciono gli sproloqui. Non sono d'accordo sul fatto che Bleach sia uno shonen "old style" per il semplice fatto che non era impostato per esserlo ma lo è diventato. Quando Kubo ha voglia, sa sfornare capitoli e archi narrativi molto buoni (come dicevamo anche sopra, il flashback dei Vizard è una delle vette più alte del manga, l'inganno di Aizen da solo potrebbe valere la lettura di Bleach, eccetera eccetara). Il problema sta proprio che Kubo si rompe i coglioni. E quando si rompe i coglioni, si vede.

      Elimina
    3. "Non sono d'accordo sul fatto che Bleach sia uno shonen "old style" per il semplice fatto che non era impostato per esserlo ma lo è diventato". Riconosco che hai perfettamente ragione, mi sono lasciato ingannare dalle dinamiche del Bleach odierno :). Allora Bleach, originariamente, che manga doveva/voleva essere? Secondo me bisognerebbe recuperare la primissima parte di Bleach, quella del Sostituto Shinigami, per ricollegarla a quest'ultima e cercare di trovare un filo conduttore. In particolar modo la vicenda della morte della madre di Ichigo: fino adesso è stato uno dei pochi contenuti sollevati, ha dato ad Ichigo la possibilità di accettare interamente la sua investitura a Sostituto Shinigami e ha dato più consistenza ai suoi combattimenti. E poi c'è la parte sui Quincy. Diciamo che forse quest'ultimo arco narrativo può riprendere il tono della saga della Soul Society ove oltre a menarsi c'era una sottotraccia piacevole, con il passato della morte di Shiba Kaien, il tradimento ecc. forse mettendo un poco da parte le mille evoluzioni di Ichigo e i vari combattimenti della saga degli Arrancar e ricollegando i vari punti nodali, con un adeguato flashback che chiarisca tutti i punti sollevati e poi tralasciati (Re Spirito, Brigata Zero, famiglia di Ichigo) Bleach può lasciarsi dietro la monotona accezione di Battle manga, sperando che i lettori siano disposti a dargli qualche altra chance...

      Elimina
  8. non l'ho mai preso in cosiderazione come manga però dopo il tuo commento potrei anche farlo...tu lo consigli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, sì. Perchè no? Si fa leggere ed è scorrevole. Diverte nonostante diverse cadute di stile e di storia. Il bilancio, tutto sommato, è positivo.

      Elimina
  9. Io ho trovato l'inizio del manga sia straordinario. L'idea delle anime dei defunti che rimangono "nell' aldiqua" cercando di divorare spesso per troppo amore i propri cari è qualcosa di straordinariamente geniale. Anche la saga della soul society è davvero ben ideata, sopratutto molto coerente fino ad un certo punto, quando però tutto sembra sfuggire alla logica fin li creata.
    La vera colpa dei mangaka come kubo è il non saper gestire la materia ottima che hanno creato. Full Metal Alchemist per esempio rimarra per sempre nel mio cuore perchè si è fermato al momento giusto senza imbarocchirsi come bleach e naruto.
    One piece fa storia a sé perché dall'inizio si configura come una materia potenzialmente infinità dove nulla ha la pretesa di essere definitivo ma è proprio un avventura nel "Maraviglioso".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inizio di Bleach è un po' lo "scopiazzo" di Yu degli Spettri, c'è poco da fare. Però dal volume 7 in poi si cambia registro e il manga prende il volo...fino poi a incartarsi su sè stesso.
      Hagaren è probabilmente uno dei migliori shonen degli ultimi 20 anni. Se non il migliore.

      Elimina
    2. Ho da poco finito di leggere quei pochi volumi che mi mancavano di Fullmetal Alchemist. Lo shonen più equilibrato di sempre, niente è di troppo.

      Elimina
  10. Ho letto i primi capitoli ma mi pareva un pochino lento.. Forse ero svogliato io non so. Magari aspetta la fine e lo comincio! Si dai, facciamo così

    RispondiElimina
  11. Sommobuta.....a me piace di più Bleach di Naruto......tra i due quale preferisci?

    RispondiElimina
  12. Sommobuta.....a me piace di più Bleach di Naruto......tra i due quale preferisci?

    RispondiElimina
  13. letto tardi e concordo su tutto, in realtà sto apprezzando anche questa ultimissima parte e secondo me yhwach poteva diventare anche piu figo di zaraki;
    bene finalmente qualcuno che parla a favore di bleach e con la mia stessa idea: non deve essere perfetto, deve divertirti e piacerti

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro