25

Top 5 - Le cinque storie che se fossi stato un artista geniale mi sarebbe piaciuto inventare

E si ritorna in pista con le Top 5!
Per la prima Top 5 dell’anno (a febbraio! LOL), mi andava di fare un qualcosa di particolare, ovvero le “Cinque storie che se fossi stato un artista mi sarebbe piaciuto inventare”.  Tralasciando il fatto che ultimamente i miei post hanno dei titoli talmente lunghi che sembrano quelli dei film di Lina Wertmuller, spero che la classifica sia di vostro gradimento. Ribadisco, come sempre, che le classifiche in questione non hanno valore oggettivo, in quanto estremamente personali.

Continua a farti del male...
17

30 GdL - Giorno 7: Il libro che mi descrive

Non ce n’è uno, per la verità. Questo perché all’interno di qualsiasi libro è possibile (ri)trovare parti di sé in questo o quel personaggio, o in questa o quella situazione. Rimane il fatto che non ho un libro che mi rispecchia o nel quale mi sono rispecchiato. Sarà che sono strano io, probabilmente…

Continua a farti del male...
10

La foto della Settimana: Nevi, bufere, autobus e capitani (non) coraggiosi

La bufera di neve che ha paralizzato qualche settimana fa il nostro Paese è stato un evento biblico che, chi l'ha vissuto, potrà raccontare ai propri nipoti. Noi a Napoli non abbiamo avuto problemi, per fortuna. Ma già a Roma se la son vista brutta.
Una delle immagini più simpatiche dell'emergenza neve viene proprio da là. L'autobus della foto se n'è andato in giro per la capitale con quella magnifica scritta sul display al posto del numero che lo contrassegna. 
"Bufera nun te temo".

Decisamente un "Capitano Coraggioso" (e simpatico).

Di tutt'altra pasta un suo collega, sempre romano, che per la troppa neve s'è rifiutato di far partire l'autobus. Infuriati i pendolari, che hanno cominciato a prenderlo a fischi e pernacchi, fino ad arrivare all'insulto finale: 'A Schettinoooooo! E porta 'st'autobusse!

Singolare, invece, il comunicato del macchinista di un treno, fermo causa ghiaccio: "State tranquilli, anche se siamo bloccati, l'equipaggio non vi abbandonerà!"

Continua a farti del male...
19

30 GdL - Giorno 6: Il libro più corto che abbia mai letto

Anche qui, difficile dirlo. Potrei citare una marea di eBook, ma mi butto su Il gabbiano Jonathan Livingstone, letto una volta sola a quattordici anni e mai più dimenticato. La voglia di Jonathan di elevarsi, di volare perché è bello e piacevole è un qualcosa che mi è rimasto dentro.
Impagabile.

Continua a farti del male...
16

Midnight in Paris (Woody Allen, 2011)

Stanco del solito tran tran quotidiano, il talentuoso sceneggiatore hollywoodiano Gil è in vacanza con la fidanzata (e i di lei genitori) a Parigi. In realtà Gil a Parigi c’è già stato, e vista una sua ricorrente idea di trasferirsi proprio nella capitale francese, l'ha scelta per staccare la spina dal lavoro e trovare l’ispirazione giusta per il suo romanzo. Una sera, dopo essersi perduto tra le strade parigine, Gil si imbatte in una combriccola allegra e spensierata, che lo porta ad una festa molto particolare. Capirà ben presto di essere finito "magicamente" nei rampanti anni ’20 parigini, da sempre il suo periodo storico preferito, segnato da arte, cultura, bohemien e tanto, tanto divertimento...

Continua a farti del male...
40

30 GdL - Giorno 5: Il libro più lungo che abbia mai letto

Dico “Il signore degli Anelli” per puro spirito sportivo, ma se la gioca con “Il conte di Montecristo” (dove più andavo avanti, e meno vedevo la fine) e “Guerra e Pace”. Forse, a ben pensarci, l’opera di Tolstoj è più lunga di quella di Tolkien, ma bene o male, è ininfluente. Trattasi ugualmente di mattonazzi che superano abbondantemente le mille pagine. Potrei inserirci anche Imajica di Barker, o altri mattoncini simpatici e ameni, ma mi fermo qua. Se per libro posso intendere anche una “saga” completa con una storia che continua senza interruzioni, la palma d’oro del libro più lungo va di sicuro a “Le cronache del ghiaccio e del fuoco” di Martin.

Continua a farti del male...
2

Il robot tutto italiano!


Forse è un po' un tonfo, dopo Einaudi, presentare il video di una canzone dei Gem Boy. Ma non ci posso fare nulla, a me sono sempre piaciuti. Oddio, ultimamente sono stra-caduti in basso, soprattutto da quando presenziano a quel "nulla cosmico" che è Colorado Cafè Live, ma fino a qualche anno fa erano ancora una band sfiziosa. E forse questo è uno dei loro ultimi pezzi più riusciti: Giambel V, un robot tutto italiano!
Buon ascolto!

Continua a farti del male...
37

30 GdL - Giorno 4: Il libro più brutto che abbia mai letto in vita mia

Di libri brutti ne ho letti, ma pessimi, noiosi e frantuma-maroni come Eragon di Paolini, mai.
L’avevano definito come il fantasy più meraviglioso e rivoluzionario del millennio, invece si è rivelato un volume piatto, banale, lento e tedioso. Inoltre mi è sembrato sin da subito una specie di fan fiction di Guerre Stellari. Se solo ci penso, mi vengono i brividi. Credo sia il manuale perfetto sul come non si scriva un romanzo.
Da evitare come la morte, per quanto mi riguarda.

Continua a farti del male...
3

Uno su Mills ce la fa...

Caso Mills. Scatta la prescrizione su Berlusconi.
I legali commentano, trionfanti: "Uno su Mills ce la fa..."

Continua a farti del male...
20

30 GdL - Giorno 3: Il mio personaggio preferito di un libro che ho letto

Uriah Heep, di David Copperfield.
Ora, io di un libro empatizzo e tifo sempre per i cattivi. Perché i cattivi sono il vero motore di una storia, e senza di loro non esisterebbe conflitto. Uriah Heep è di sicuro il personaggio più mellifluo, maligno e malvagio che abbia mai letto in un libro. E fa ancora più paura (e probabilmente è il motivo per cui risulta così perversamente affascinante) perché è un personaggio talmente “reale” che lo si può incontrare benissimo nella vita quotidiana.
Terrificante.
Giusto un gradino sotto, l’immortale Ulisse.

Continua a farti del male...
20

sommobuta's comics corner #9 -Perchè Toriko non m'è piaciuto (2 di 2)

Clicca QUI per leggere la prima parte dell'articolo.

Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando, ci troviamo in un mondo in cui i gusti e le pietanze prelibate sono importantissimi. All’interno di grand hotel e ristoranti vengono serviti piatti e squisitezze rarissime, grazie al alcuni ingredienti praticamente introvabili. Così, quando per preparare un menù o una ricetta particolare occorrono particolari ingredienti, è norma chiamare un “cacciatore di alimenti di lusso”, che procaccerà l’ingrediente o l’alimento richiesto.

Toriko è uno di questi.
Forzuto, cazzuto e tamarro. Ha “muscoli guizzanti”, mangia tonnellate di cibo, produce fino a 15 chilogrammi di materia organica anfibia comunemente detta “merda” e a quanto pare è uno dei cacciatori di alimenti di lusso migliori sulla piazza.

L’idea di base può anche andare. È lo svolgimento a fare pena, per me.

Continua a farti del male...
26

30 GdL - Giorno 2: La mia citazione preferita

Dividiamo, oggi. E domani e dopodomani stiamo daccapo a quindici. Le macchine se fanno vecchie, la coca se consuma, la fica si secca per mancanza di liquidi...e dico liquidi, soldi, Fierolo'...ma se invece questi due miliardi e mezzo noi non li dividiamo...se li teniamo uniti...se ci teniamo uniti noi...avete idea di che cosa possiamo diventare? Invece di avere poco, abbiamo tanto. E più abbiamo, più avremo...te ricordi il prete, Satana? Chi più ha più avrà... e noi così dobbiamo fare: avere di meno oggi per avere tutto domani.

Il Libanese, Romanzo Criminale.

Continua a farti del male...
15

sommobuta's comics corner #8 - Perchè Toriko non mi è piaciuto (1 di 2)

In uno dei miei "deliri notturni" ho definito Toriko un manga:
Pessimo;
Inconcludente;
Banale;
Noioso;
Mal disegnato.
E con personaggi di un “piattume vomitevole”, dicendo che il manga, per quel che mi riguarda, era “decisamente bocciato”.
Potrei anche mandarvi in pace e dirvi che la "recensione" finisce qui.
Però, naturalmente, mi è stato chiesto un resoconto più approfondito della questione, resoconto che ho dato al diretto interessato (soprattutto perché chi me l’ha chiesto è un amico, a cui il fumetto piace e non poco – e sapevo pure che mi avrebbe rintuzzato sull’argomento -). Perciò metto al corrente anche voi sul perché Toriko non mi sia piaciuto, dato che sicuramente mi troverò fior fiori di domande tutte uguali tipo:

sommo, che ne pensi di Toriko?

Continua a farti del male...
45

30 GdL - Giorno 1: Il mio libro preferito

Naturalmente, Il Nome della Rosa, di Umberto Eco.
Ne ho parlato anche in diverse occasioni, e la rilettura fatta qualche tempo fa non ha fatto che confermare che il romanzo del professore è e rimane il mio preferito in assoluto. È un romanzo acuto, intelligente e accattivante, che riesce a mischiare una serie impressionante di generi. È un thriller, ma è anche una storia d’amore. È un romanzo storico, ma tratta di filosofia, arte e teologia. Il tutto con una scrittura brillante e perfetta. Se non l’avete mai letto, il consiglio che posso darvi è di recuperarlo. Sono certo che non ne rimarrete delusi.

Continua a farti del male...
12

30 giorni di libri - sommobuta's version

Ultimamente, in rete, stanno girando dei simpatici meme intitolati "30 giorni di..."
Sulla fanpage di sommobuta sto "aggiornando" quotidianamente 30 giorni di manga.
Sul blog voglio provare a fare questo esperimento dei 30 giorni di libri.
Nella fattispecie, i 30 "quesiti" in questione sono i seguenti.

Continua a farti del male...
12

I mondi alternativi di sommobuta

C'è una cosa che accomuna tutti i blogger, nonchè tutti quelli che, per un motivo o l'altro, sono "conosciuti" grazie a Internèt: ovvero che, come dice Germano, prima o poi (più prima che poi) salta fuori il simpaticone di turno che ti viene a dire: "Ehi! Ma non hai un kaiser da fare? Sempre appresso a Internet! Ma non ce l'hai una vita reale?"

Quasi come se un hobby che ruba si e no 10 minuti  di vita al giorno equivalesse a "non vivere".

La "minaccia" del "vivi la tua vita/scopa/trovati una ragazza/morto di figa/coglione/fattiunavita/esci/fattilavitareale" a me personalmente l'hanno "sventolata" centinaia di migliaia di milioni di volte.
Quello che la maggior parte delle persone non sa, è che io di vite ne vivo diverse al giorno.
Perchè vivo su una serie di mondi alternativi davvero divertenti.
Quindi oggi ve ne presento qualcuna.
E' capace che ne conosciate qualche aspetto (e magari qualcuno di voi ne fa anche parte)...
Ad ogni modo, questa è la mia vita.
E questi sono i miei mondi alternativi.

Continua a farti del male...
8

Deliri notturni

A quanto pare, di notte, parlo.
Anzi, vaneggio.
E deliro. Dico cose insensate. E anche sbalorditive. Sta di fatto che se mi fanno domande, rispondo.
Come in questo caso.
Quello che segue è un discorso notturno del quale non ho memoria. Perchè stavo dormendo. In realtà è solo una parte, ma è quella più "succosa", stando a quello che mi ha raccontato Deborah.

Deborah: Amore non riesco a dormire, ho freddo...
Angelo: Ma è già finito?
Deborah: Amo', ma che cosa? Ma stai dormendo?
Angelo: Ma già è finito?
Deborah: Amo', ma che stai dicendo? Ma che cosa è già finito?
Angelo: Il telefilm...
Deborah: Amo', quale telefilm?
Angelo: Quello che ti vedi per scaldarti...
Deborah: Amo', ma che stai dicendo? Che telefilm?
Angelo: Il tredicesimo apostolo...
Deborah: Amo', ma stai dormendo?
Angelo: No...
(quindi sì, stavo dormendo)

Continua a farti del male...
21

Leggere tanto. Leggere tutto. Leggere sempre (e non solo)

Quand'ero piccolo mi piacevano i mattonazzi stile "Il conte di Montecristo" oppure "Il signore degli Anelli". Anzi, più un volume da leggere era "enoooooooormeeeeeeeeee", più ero contento.
Adesso è tutto il contrario.
Sarà "la maturità" (da notare le virgolette), sarà che sono un po' più svogliato, ma sono arrivato al punto in cui preferisco leggere racconti lunghi e romanzi brevi ai mattoni di cui sopra.
Invece di una storia infinita e articolata, che magari mi tiene occupato due settimane, gradisco leggere cinque storie di lunghezza "media".

Il perchè è presto detto: cinque storie sono meglio di una.
Varietà ed eterogeneità.
Ecco cosa cerco adesso.

Continua a farti del male...
5

Chiudi gli occhi. E sogna (Reverie, Nightbook - Ludovico Einaudi)


E' finito il Festival di Sanremo.
Sono orgoglione non solo per non aver sentito una sola canzone (chè tanto le canzoni di Sanremo ormai fanno solo da "coro" al resto), ma soprattutto per non aver visto, capito e dato adito alle "solite polemiche". Non so cos'è successo, e non so di che hanno parlato. E nemmeno mi interessa.
Potenza del fatto che la televisione, ormai, non la vedo praticamente più.

Volete un po' di musica con la "M" maiuscola? Eccola qua, allora.
Oggi è domenica. Vi posso "rubare" cinque minuti della vostra vita.
Mettete play al brano "Reverie" tratto dal superbo album "Nightbook" di Ludovico Einaudi.
Chiudete gli occhi.
E sognate.

E se poi non vi basta...recuperate tutto l'album.
Che è magnifico.

Continua a farti del male...
12

La Foto della Settimana: Settore...horror?

Clicca sull'immagine per ingrandirla (e vomitare)
A parte il sempreverde It di King, questo è il settore "horror" de La Feltrinelli di Napoli. Volumi con angeli svolazzanti, licantropi dagli occhi sbrilluccicosi, vampiri innamorati. Come ho scritto qualche tempo fa, ognuno è libero di leggere quello che vuole. Però, perchè mi dovete inondare la sezione "horror" con degli harmony (chè parliamoci chiaro: di harmony si tratta)?
Che forse roba come "Passion" e "Damned" è roba horror?

Continua a farti del male...
10

Nirvana: gira la ruota e vivi un’altra vita - Emiliano Pagani/Daniele Caluri

Lui si chiama Ramiro Tango (sì, come il pallone), ha 30 anni, e nella vita fa l’imbroglione. Mente, raggira le persone, le intorta con una parlantina che comprende una logica genialmente perversa: ma si approfitta degli altri, e quindi è un vero e proprio pericolo pubblico. 
Il suo punto debole è la fidanza, opprimente e ossessiva, che lo tempesta di telefonate dai contenuti decisamente egoistici.
La vita di Ramiro, però, cambia di punto in bianco: viene sorpreso a fare lo scafista, e per questo motivo, arrestato (dopo aver preso per i fondelli i due agenti che lo avevano scoperto). Non si conoscono ancora i particolari, ma sembra che Ramiro sia il testimone chiave nel processo contro il famigerato boss della mala Occhionero Ronson, nonchè l'unico che può fermarlo.
Ecco perchè il boss gli ha scatenato contro i suoi migliori tirapiedi per toglierlo di mezzo.
Ed ecco perchè Ramiro viene incluso dall’ispettore Buddha (un omone identico a un Giuliano Ferrara a 30 anni) nel programma di protezione testimoni, e costretto ad assumere, di volta in volta, un’identità differente.

Nome in codice dell’operazione: Nirvana.

Continua a farti del male...
30

Saint Seiya: cronaca di un manga mediocre divenuto un anime incomparabilmente bello

Gira da qualche giorno questa simpatica immagine, una fotoscioppata del Time col bel faccione di Seiya (Pegasus).
Can this man save Greece?
Chissà. Lo speriamo tutti.
Anche perchè "la Grecia siamo noi".

Sta di fatto che, a parte gli scherzi, Saint Seiya - conosciuto urbi et orbi col nome de I cavalieri dello zodiaco -, è un manga nel complesso (diciamolo pure) mediocre.

Continua a farti del male...
32

Il valore dell'arte (e la qualifica di capolavoro)

Molto spesso, di fronte a un certo “capolavoro”, io e Deborah ci siamo domandati: “Ma chi ha detto che si tratta di capolavoro?

Il lavoro dei critici sappiamo qual è: quello di giudicare.
Il bello è che molto spesso giudicano “manco la chiavica”, e si accorgono solo dopo millemila anni che l’opera che avevano sotto al naso, o che pensavano fosse solo una mera schifezza, in realtà aveva una certa valenza artistica.

Continua a farti del male...
6

Buon San Valentino ai lettori de "Il Viagra della Mente"!

Oggi è San Valentino, "La festa degli Innamorati".
Quindi vi faccio gli auguri. Anzi, ve li fa direttamente il blog. Essendo alcuni di voi assidui frequentatori e lettori di questo piccolo e umile spazio digitale, in un certo qual modo è come se foste legati e innamorati a "Il Viagra della Mente". Quindi è necessario festeggiare, facendoci gli auguri!

Niente Baci Perugina, però. Rischiamo e rischiate di fare la stessa fine del povero Dylan Dog. E non mi pare proprio il caso... A uccidervi, ci penso già io con le mie cazzate e i miei post quotidiani.

Ps: naturalmente tanti auguri di buon onomastico ai Valentini e alle Valentine.

Continua a farti del male...
8

Hugo Cabret (Martin Scorsese, 2011)

Parigi, primo dopoguerra.
Hugo Cabret è un piccolo ladruncolo. Si occupa della manutenzione degli orologi della stazione di Montparnasse, e risiede all'interno della torre dell'orologio. Orfano di entrambi i genitori, è ossessionato da un automa, che il padre orologiaio, prima di morire, stava riparando sera dopo sera. Un automa che sembra nascondere un profondo segreto. Un automa che porterà il piccolo Hugo a vivere un'avventura fantastica e a incontrare persone straordinarie...

Continua a farti del male...
32

sommobuta's comics corner #7 - Cosa penso di Hunter x Hunter e Fairy Tail

C'è una domanda che i fan butici mi fanno almeno 10 volte a settimana via mail, via forum, via mp, via blog e via facebook.
"sommobuta, cosa ne pensi di Hunter x Hunter? E di Fairy Tail?"
Dato che le mie ditine implorano pietà dopo aver scritto qualche miliardo di volta sempre le solite risposte, ho deciso di dedicare al fantomatico quesito un post. Così, ogniqualvolta si presenterà la fatidica domanda, dovrò fare solo un simpatico copia/incolla.

Cosa ne penso di Hunter x Hunter e Fairy Tail?
Semplice: il primo non l'ho letto, il secondo l'ho felicemente venduto arrivati al volume 10.

E le motivazioni?
Ecco, qui le cose si fanno un po' più complesse.

Continua a farti del male...
3

Nino D'Angelo - Italia bella


Non ho mai provato simpatia musicale per Nino D'Angelo, sebbene ascoltando diverse sue interviste (nonostante un italiano un po' stentato) si capisce quanto sia un uomo con una cultura (musicale e non solo) vasta e profonda. Nell'ultimo periodo, però, ammetto che ci sono due-tre canzoni della sua produzione che non mi sono affatto dispiaciute.
Anzi.
Penso a Jamme ja!
O alla "vecchia" Senza giacca e cravatta.
Soprattutto, penso a questa nuova Italia Bella.
Il perchè è presto detto: è una fotografia precisa del nostro paese.
Una canzone che con un tocco semplice e leggero, dipinge come siamo fatti.

Peccato solo per il video: idea potenzialmente ottima, realizzazione tecnica pessima...
Ma d'altronde, "E' turnat' 'o padrone, è turnat' 'o padrone..."

Continua a farti del male...
19

Banner Wars!

Ieri sera ho (ri)cominciato a smanettare con l'HTML e CSS del blog per apportare una modifica che volevo fare da tanto. Dato che il vecchio banner mi aveva letteralmente stancato (i miei occhi e i miei occhiali li vedo già dal vivo tutti i giorni), ho cambiato banner.
O meglio: ne ho messi ben 11.
Tutti ruotabili e con visualizzazione Random. E non è detto che in futuro non ne aggiunga altri...Se magari qualcuno di voi ne vuole fare uno, si accomodi pure! XD
Ho cercato di fare in modo che i banner rispecchiassero appieno questo piccolo spazio virtuale. Non so se ci sono riuscito, ma comunque mi sono divertito a farlo.
Magari refreshate il blog e le pagine...e vedete che riuscirete ad ammirarli tutti nel loro fulgido splendore orrore.
Magari fatemi sapere qual è quello che vi è piaciuto di più (ammesso che ce ne sia uno che vi piaccia!).

Se poi c'è qualcuno che è interessato alla stessa modifica multi-banner...Magari ci scappa pure un piccolo tutorial. Chè tanto è veramente semplice...

Ps: un ringraziamento di cuore a salas e a gigiru per due dei banner del blog! :D

Continua a farti del male...
6

Segnalazione: "Il mondo di fiabe e non" di Gianluca Santini e "Il Terzo Giorno" di Matteo Poropat

Una duplice segnalazione per due simpatici eBook letti nell’ultimo periodo che mi sono piaciuti molto.
Stiamo parlando di “Il mondo di fiabe e non” di Gianluca Santini e de “Il terzo giorno” di Matteo Poropat.
Due letture che si fanno divorare, e che vi consiglio caldamente, soprattutto se siete alla ricerca di un qualcosa che vi tenga impegnati per non troppo tempo.

Continua a farti del male...
23

Questa è Napoli...


Ho i brividi, e sono brividi di rabbia e sconforto, mentre scrivo questo piccolo post in calce al video.
"Perdete" 9 minuti del vostro tempo ad ascoltare questo ragazzo.
Questa è Napoli.
Ed è anche l'Italia.
Perchè, per quanto il luogo comune sia "Non ci sono solo malamenti", per una persona civile ed onesta, ce ne sono 70 che sono solo munnezza.
QUI trovate il finale del video.
E se la storia vi ha colpito così come ha colpito me...fate girare.

Continua a farti del male...
31

La Foto della Settimana: Denaro...


Dato che abbiamo parlato, per vie traverse, di Batman e Iron Man, oggi mi sembrava d'obbligo postare una bella immagine a tema. Perchè diciamoci la verità: senza i dindini di papà, per quanto geniali e filantropi, Wayne e Stark probabilmente non avrebbero potuto fare ciò che poi hanno fatto.
Sicuramente, grazie alla loro intelligenza smisurata, avrebbero fatto quattrini con la pala. Ma iniziare avendo già un capitale a disposizione di svariati milioni di dollari non è poi tanto male, no?

Ad ogni modo, a questo punto, sorge spontanea la domanda: chi preferite tra Batman e Ironman? 
E perchè?
Sono curioso di avere il vostro parere al riguardo. 
Sempre che vogliate farlo, naturalmente... 

Continua a farti del male...
13

The Avengers - Cronaca di un trailer figo e tamarro...

Ora, io non sono un amante nè di casa Marvel, nè dei suoi personaggi. Sotto certi aspetti, li ho sempre reputati la "copia frizzantina" dei personaggi  DC. Per carità, ci sono dei veri e propri capolavori targati Marvel (penso ad alcune miniserie come Marvel Zombie, o le saghe de "L'era di Apocalisse", "Le ere di Apocalisse" o l'ineguagliabile - per me - ciclo di Onslaught, senza parlare del più volte citato Magneto - Testamento, o i volumi sulle origini di Wolverine e sulla sua vecchiaia), ma in linea di massima non sono mai riuscito a sopportare i suoi supereroi.

Anche per quanto riguarda il cinema, non mi hanno fatto mai nè caldo nè freddo. Sono tutti carucci e sbrilluccicosi, ma niente di più.
Ammetto però che sono curioso di vederlo, questo The Avengers.
Punto primo: perchè sarà l'antipasto dell'ultimo Batman;
Punto secondo: perchè il trailer è figo e tamarro;
Punto terzo: perchè voglio vedere che intruglio sono riusciti a tirar fuori con Hulk, Ironman, Capitan America, Thor e compagnia cantante...
- povera Deborah, secondo me già sta imprecando in giapponese -

Aprile è vicino, dopotutto...
E voi? Che ne pensate? Li andrete a vedere, 'sti Vendicatori?

Ps: vorrei capire Hulk al secondo 0:45 del trailer da dove spunta fuori. Non è uno scricciolo, e nell'inquadratura precedente non c'è. E dire che sta praticamente "culo a culo" con Mihawk Occhio di Falco...

Continua a farti del male...
13

Storie e aneddoti di nonni, padri, parenti e amici

A me le storie hanno sempre affascinato, di qualunque natura esse fossero.
Sia quelle della buonanotte, che quelle di libri e romanzi, che quelle dei film e dei cartoni animati. Per non parlare di quelle dei fumetti.
Ma questo lo sapete già.
Tuttavia, le storie che ritengo essere più belle sono quelle che mi vengono raccontate dalle persone che conosco, e soprattutto dalle persone “anziane” della famiglia. Le classiche “storie dei nonni”, no?
E sapete qual è la cosa bella? Che le persone anziane, soprattutto quelle di famiglia, di storie ne tirano fuori sempre di nuove. Sono una miniera inesauribile di fatti e racconti.
Sono la nostra memoria storica.
Sono il nostro patrimonio e la nostra ricchezza.

Continua a farti del male...
4

5 fumettini che sommobuta vi consiglia

Un video di risposta a quello di Caverna di Platone.
E' un po' lungo, me ne rendo conto, ma magari ci trovate qualche spunto di lettura simpatico. Di tre di questi fumetti ne abbiamo abbondantemente discusso anche qui sul blog.
Più che altro, per la gioia di Valentino, c'è Magneto - Testamento...
Buona(?) Visione!

Continua a farti del male...
23

The Versatile Blogger (altresì noto come "7 fatti inediti di sommobuta")

Il miticherrimo Ariano mi ha nominato in puro stile “Grande Fratello”, quindi eccomi a rispondere “Presente!” alla chiamata. The versatile blogger. Cos’è? Semplice: una di quelle simpatiche catene di Sant’Antonio da blogger dove il “nominato” di turno sta al gioco esponendo una serie di “cose” richieste dal gioco stesso. In questo caso, The Versatile Blogger propone di condividere col mondo sette cose che il mondo non sa.
Tutto questo preambolo per dire che ora troverete sette cazzi fatti miei che probabilmente (anzi, sicuramente) voi lettori de Il Viagra della Mente non sapete del sottoscritto.

Continua a farti del male...
19

La Foto della Settimana: Libri, lettori...e ascoltatori

Clicca sull'immagine per ingrandirla (e goderti il commento spaziale)

Prima ero molto più inflessibile, nel senso che bollavo i libri "di serie B" per quello che erano, invitando "i lettori" di queste perle a leggere "ciò che più vale la pena". Adesso sono arrivato al punto di prendere la lettura per ciò che deve essere: svago e divertimento (se il libro appartiene a questo tipo di "canone", e si tratta di romanzi e novel), informazione, approfondimento e cultura (se si tratta di saggiom pamphlet o istant book). Poi, se le due cose "si fondono", tanto di guadagnato.

Ovviamente il discorso vale anche per i fumetti.

Non me la sento più di "criticare" chi legge "Emoglobina assassina" perchè ha letto "Twilight" e compari. Se il tizio (o la tizia) s'è divertito/a leggendo questa roba, e si è sentito appagato/a, chi sono io per dirgli/le: "Stai leggendo una schifezza immonda e ti stai perdendo i veri capolavori!"
Magari posso limitarmi a un suggerimento del tipo: "Vedi di recuperare roba come Dracula o il sempreverde Frankenstein, e sono sicuro che ti si aprirà un mondo".
Ma più di quello, non posso fare.
D'altronde, come dice un simpaticone che conosco, "Liberi di leggere!"

Continua a farti del male...
8

Il template del tuo blog è come una bella donna... (ovvero come inserire il tasto di Replica ai commenti su Blogger/Blogspot)

...peccato che la mia "donna" è una vera e propria cacacazza.
Questo perchè me la sono scelta "fisicamente", ma poi, da bravo "chirurgo", ho smanettato talmente tanto che della donna "originale" è rimasto solo l'involucro, mentre scheletro, ossa, organi interni, sangue e terminazioni nervose sono tutta farina del mio sacco.

Continua a farti del male...
 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro