11

Un party tipicamente inglese

Tra un colloquio di lavoro e l’altro la scorsa settimana ho partecipato all’allestimento di una celebrazione.
Assieme ad un nugolo di omaccioni prestanti e sudaticci che trasportavano quintali di roba ho fatto servizio catering, preparando una hall immensa e agghindandola per l’evento.
Dalla sistemazione delle bevande all’apparecchiamento delle tavole con colori sgargianti, passando per la collocazione dei fiori, della sala bar, fino all’allestimento di un palco per il dj, con tanto di maxischermi e luci stile “discoteca”.
Mentre preparavamo questo popò di roba, e vedendo l’aria gioiosa e festosa di questa hall gigantesca (che fa parte dell’ala nord di un’immensa biblioteca), ho domandato a uno dei mandatari: “Scusa, di chi è il compleanno?”
“Non è un compleanno”, mi risponde lui con aria molto contrita – e pure un po’ imbarazzata -: “E’ un funerale…”

Ora…
Dalle “nostre” parti sapete più o meno come si svolge un funerale: veglia al defunto, celebrazione in chiesa, puntatina al cimitero. E visita di cortesia a casa dei parenti del morto.
A Napoli, ad esempio, c’è l’usanza barbara di portare in dono zucchero e caffè quando si effettua una visita funebre.


Zucchero&Caffè: a Napoli, quando muori, casa tua non ha più bisogno

Certe cose, invece, le avevo viste solo nei film.
Fino a giovedì.
Alle ore 15 si è riversata all’interno della hall una fiumana di gente per omaggiare questa signora. Musica a palla, luci psichedeliche da discoteca, maxischermi che mandavano a rotazione le foto della defunta da quand’era nata fino a pochi giorni prima del decesso.

Atmosfera della sala: stile matrimonio.
Persone tutte vestite a festa, che ridevano, scherzavano, bevevano e mangiavano (all’apertura del buffet si sono messi ordinatamente in fila).
Ho visto personaggi vestiti in modo allucinante: c’era questo negrone potentissimo, alto 2 metri, con in testa un cappello stile gangster, occhialoni da sole, giacca, pantaloni e scarpe nere, camicia rosso fuoco opportunamente sbottonata sul torace e catenone d’oro massiccio con uno scorpionazzo (anch’esso d’oro) che gli arrivava all’altezza dello stomaco.
Roba che nemmeno la comunione del figlio di un camorrista (per dire).


Gente così. Ovunque.

Ho visto vecchie di 90 anni che ballavano come ragazzine, gente abbuffarsi come se non ci fosse un domani, gentlemen bere una birra al minuto e capannelli di signore che si sfidavano a colpi di barzellette.

A metà giornata è calato il silenzio ed è cominciata la celebrazione in ricordo della signora.
A turno, parenti stretti e amici si sono dati la parola per rendere omaggio a questa persona.

L’atmosfera è cambiata.
C’era chi era triste, chi piangeva, chi urlava.
Qualcuno ha intonato un lamento funebre, e tutti hanno cantato.

Poi, di colpo, è ritornata la musica, e come se niente fosse tutti sono ritornati a bere, a magna’, a cantare, a danzare e a raccontarsi barzellette.
Fino a tarda notte.

Ammetto che, personalmente, pur trovando questa celebrazione molto lontana da me "culturalmente parlando", forse è molto più "normale" del solo piangere e disperarsi tipicamente nostrano.

PS: del negozio di bare dorate, rosate ed ecocompatibili ve ne parlo un'alta volta...

11 commenti:

  1. E non ti chiedo cosa ci facessi lì... o è naturale anche invitare gente ai funerali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avendo allestito e preparato la sala...beh, siamo rimasti anche nel momento mangereccio. Quindi abbiamo assistito a questo "spettacolo".

      Elimina
    2. Che comunque è diverso rispetto, che so, a quello che si vede in film come Il Sesto Senso, se hai presente, no? ^^

      Elimina
    3. Molto diverso. Nei film americani si vedono i parenti del defunto fare ricevimenti e commemorazioni, con tanto di cibarie. Non una vera e propria festa. Ribadisco: sembrava un matrimonio, non un funerale...

      Elimina
  2. Beh, i funerali campani con le megere del paese che si radunano come un nugulo di cornacchie non hanno eguali...

    RispondiElimina
  3. Ho avuto un lutto relativamente recente (mio nonno, un anno e mezzo fa) e ricordo abbastanza bene come mi sentivo; di certo la voglia di fare una festona tamarra non era elevatissima, se mi è permesso l'eufemismo. o.o
    Boh, sarò strano io... =/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia un fattore sostanzialmente culturale, tra i manovali presenti c'erano alcuni cechi che mi hanno raccontato che dalle loro parti è uguale.

      E poi ho il leggerissimo sospetto che la signora abbia lasciato una cospicua eredità...

      Elimina
  4. Bizzarro che questi "riti" non siano stati celebrati e immortalati dal cinema... per dire, nel (delizioso) Quattro Matrimoni E Un Funerale, la cerimonia funebre è sì venata da una botta di umorismo finale, ma nel complesso composta.
    Ciò che descrivi mi giunge abbastanza nuovo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. Ho pensato la stessa identica cosa.

      Elimina
  5. Io ho molti parenti negli stati uniti e mi è capitato da andarci molte volte e purtroppo anche di assistere a un funerale, li è già diverso, i miei parenti saranno Italo-americani, ma hanno fatto un cerimonia simile alla tua ma senza musica o balli solo un banchetto ( provvisto di molti alcolici differenti e catering)commemorativo e la cerimonia, sinceramente il clima è stato giustamente sempre molto serio sia durante la cerimonia che durante il banchetto, non so se sia così solo per gli italo-americani ma suppongo di no.

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro