14

Pacific Rim: tutti i clichè, gli stereotipi e i luoghi comuni su mostri e robottoni da 60 anni a oggi...

Pacific Rim è uscito da diversi giorni e praticamente hanno già detto tutto e il contrario di tutto.
È bello.
È brutto.
È emozionante.
È una noia mortale.
È realistico.
È irrealistico.
È il più bel film in assoluto.
È il più brutto film in assoluto.
Meglio di così non si poteva fare.
Si poteva e doveva dare meglio.

Mi sembra inutile, perciò, aggiungere un articolo “opinionistico” che non direbbe nulla di più di quanto non abbiano detto, per esempio, questi bei signori qua, e nel bene, e nel male.

Book and Negative
Il giorno degli zombie
Mondi Immaginari
Midian
Helldoom’s Reign
Dellimellow
Plutonia Experiment
Prima di Svanire
Ucronia.it

E allora di che parliamo?
Di tutti i clichè, gli stereotipi e i luoghi comuni presenti in Pacific Rim.
Che sono i clichè, gli stereotipi e i luoghi comuni sui robottoni da 60 anni ad oggi.

Occhio, che non vi spoilero nulla, ma vi spoilero tutto...

Sì, perché Pacific Rim è la summa massima di quanto si sia visto dal ’54 ad oggi.
Ovvero da quando Godzilla è stato inventato e portato millemila volte sugli schermi dei cinema orientali (e non solo). Per non parlare da quando, negli anni ’70, Go Nagai ha dato il via al filone robotico di manga e anime.

Insomma, prendete tutti gli elementi straconosciuti del genere mostrorientaleggiante-robomazzingaro, spruzzateci un po’ di Lovecraft e fantascienza spicciola tipica dei disaster movie degli ultimi anni (chi ha urlato “Soprattutto Indipendence Day”?), combinatela con la mente di un nerdaccio che sa bene come si gira un film, e avrete Pacific Rim.

Il nerd in questione

Non ci credete?
Scopriamolo insieme, allora.

Come il buon Godzilla, i mostri di Pacific Rim sono evoluzioni di dinosauri che emergono dall’Oceano Pacifico. Avete presente tutti i film del cucciolone nipponico, con tutte quelle inquadrature e carrellate dei mostri che camminano tra i palazzi delle città, schiacciando automobili, demolendo palazzi, sciogliendo cemento armato con esalazioni velenose e/o mefitiche e dando codate a destra e manca?


'Na roba così, per dire...

Ecco, ci sono tutte.
Dalla prima all’ultima.
Non ne manca una.

E che dire dei personaggi?
L’ammeregano buono traumatizzato duro&puro che fa tanto da predestinato che pare un mix tra Koji Kabuto/Tetsuya/Actarus e figliocci vari?
C’è.

Gli australiani esaltati/capatosta con fisico da surfisti?
Ci sono.

I cinesi tutti uguali?
Ci stanno.

Il comandante autoritario che controlla tutta la baracca stile Professor Shiba / Gendo Ikari ma col cuore d’oro pieno d’ammore?
Presente.


La giapponese “formalissima” iperpotentissima dedita a onore e rispetto ma con il drammone rinchiuso nel suo passato e la voglia di rivalsa (in sostanza, Rei Ayanami)?
Eccola!


Il laboratorio segreto ipertecnologico?
Ci sta.

Il cane nel laboratorio segreto ipertecnologico?
Impossibile non inserirlo.

Lo/gli scienziato/scienziati scemi, bislacchi ma geniali?
Sono presenti.


E ancora.

La tuta interconnessa con il robottone da guidare, che quando il mostro lo colpisce urla anche il pilota?
C’è.


La sala comandi presente all’interno della testa del robottone, che si avvia solo quando la testa viene agganciata dopo aver percorso il classico “corridoio”?


Se non c’era, ammazzavamo Del Toro.

Il robottone col reattore nucleare?
Base.

I robottoni che eseguono tutte le mosse di karate possibili e immaginabili?
Essenziali.

I robottoni che nonostante siano l’apice della tecnologia umana, puntualmente si inceppano quando devono lanciare il missile finale/totale/tombale?


Classico dei classici della fantascienza (e non solo)

Abbiamo finito?
Nemmeno per sogno.

Passiamo alle armi…

La spada?
C’è.

Il pugno perforante?
C’è.

La lama rotante?
C’è.

Il raggio gamma?
C’è anche questo. Più o meno…

I missili centrali?
 Ci sono.

Le bombe elettromagnetico/energetiche?
Ci stanno.

Ci mancava solamente l’alabarda spaziale, poi Del Toro aveva fatto l’en plein.

Io ci credevo...

Se state pensando che questi sono difetti, sappiate che non lo sono.
Anzi: sono esattamente le cose che – almeno io – speravo di vedere in questo film.

Film che può essere visto in due modi totalmente opposti: con occhio critico e spirito oggettivo, oppure in completa rilassatezza e totale coinvolgimento emotivo come quand'eravate frugoletti.

Se scegliete di vedere Pacific Rim nel primo modo, è probabile che non vi piacerà. Vedrete tutte le brutture, e penserete che il film ha una trama insulsa e scialba, è piuttosto mediocre, e soffre di una serie di momenti WTF? impressionanti* che sembrano una presa per il culo allo spettatore.
Ed è esattamente così, a voler essere oggettivi e imparziali.

Per lui, Pacific Rim è "No".

Ma…

Sono sicuro, che quando guardavate Mazinga, Jeeg, Gundam, Evangelion, e tutti i seimilasettecento cartoni animati sui robottoni non pensavate ai contenuti, ma rimanevate azzeccati alla tv per vedere il vostro giocattolone preferito estrare la spada, caricarla d’energia e friggere il nemico di turno (un robottone a sua volta, o un alieno enorme).
Perciò siete andati a vedere Pacific Rim sperando di vedere esattamente questo: ovvero robottoni contri mostri giganti.
E ditelo pure, che siete stati accontentati dal primo all’ultimo minuto.

Ecco perché il film vi è piaciuto così tanto.

-----

*Per dire: l’umanità costruisce un muro che nemmeno ne “L’attacco dei giganti” e non ci mette nemmeno un fucilino-ino-ino sopra? E ci sono voluti 15 anni per provare ad azzardare la connessione neuronale con i Kaiju e tentare di buttare un’atomica nella breccia?
Ma chi le coordinava le tattiche? Pippo?

14 commenti:

  1. devo... vederlo!
    Solo per le tute e la gnocca ayanami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai, vai al cinemO. Poi mi fai sapere! :D

      Elimina
  2. Andato a vedere ieri sera. Devo ammettere che ero gasato ancora prima di comprare i biglietti, e dopo aver visto la prima scena di combattimento avevo le stelline negli occhi come Usopp e Chopper quando vedono il Franky Shogun. Secondo me è un film fantastico, puro, non va visto con l'occhio oggettivo e critico ma ricercando l'intrattenimento puro, il film non manca di alcune pecche che mi hanno fatto stropicciare il naso, pochissime si intende, adoro il fatto che si sia ispirato ai mostri Lovecraftiani!!!Ho veramente voglia di rivederlo e lo consiglio a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completamente d'accordo su tutto. E quando è uscito il Kaiju di livello 5, vedendo per prima cosa tentacoli e affini, sono sicuro che anche tu hai pensato: "Adesso esce Chtulu". ;)

      Elimina
  3. Una correzione, il tentativo di inserire una bomba atomica nella breccia era già stato fatto, e come ricorda il nostro protagonista era fallito

    RispondiElimina
  4. Io invece sono arrivato al parcheggio delusissimo...

    Non c'avevo il mio Jaeger ad attendermi...

    sigh... sob...

    (Boia deh... c'ho ancora l'adrenalina in circolo da Venerdì sera.)

    Questo è un film che va vissuto.
    Questo film sa di merende fatte con gli amici guardandosi la puntata quotidiana di Goldrake/Mazinga...
    Si i compagni delle elementari con cui ci si trovava a fare i compiti insieme ed inevitabilmente si finiva a guardare Robottoni contro Mostroni...

    Questo è il film che parla della nostra vita, delle emozioni che abbiamo provato da piccoli, ed adesso ce le fa riprovare tutte quante...

    E' quantomeno inutile fare la disamina critica tecnica di questo film, oggettivamente ha alcune pecche...
    la trama eccessivamente semplice...
    Eccerto, poi ci voleva un film di dieci ore... (non mi sarebbe dispiaciuto affatto ma...)
    Un po' piu' di introspezione psicologica...
    (ragazzi non state attenti c'è il Drift, i due piloti sono interconnessi, non c'è bisogno di parole... e poi saranno cazzi loro no?)

    I trailer ci promettevano Robottoni e Mostroni che se le davano di santa ragione...

    E le botte sono state di qualità sopraffina...


    S
    P
    O
    I
    L
    E
    R


    E quando il kaiju ha preso il volo, e quando Gipsy Danger ha tirato fuori la spada...

    Nerdgasmo puro...

    L'atterraggio "morbido" sul campo di calcio di Holly e Benjy (purtroppo ci sono rimasti secchi, non sono riusciti ad evacuare in tempo, si erano persi in un flashback)

    Il peso di questi robottoni si fa sentire, le giunture scricchiolano, l'asfalto cede...

    Sono solidi come montagne, come cattedrali gotiche...

    Ed i Kaiju... cosi' vivi... cosi' reali...


    Ok...
    ho sbrodolato fin troppo sulla tastiera :P


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare, qui puoi sbrodolare come, dove e quanto ti pare.
      Sul resto hai detto tutto tu, e concordo.
      Penso che quello sia il modo più "giusto" di vedere Pacific Rim.

      Elimina
  5. Sono andato a vederlo ieri, senza nessuna aspettativa e con la voglia di passare poco più di un'oretta in completa spensieratezza ma ciò non toglie che un film, o una storia in generale, per quanto leggero possa essere, debba mancare della più totale coerenza. Lo pensavo anche da bambino.
    Non mi sono scandalizzato per l'enciclopedia dei clichè- hai dimenticato di citare i russi alla Zangieff- ma per rendere un racconto avvincente deve essere avvincente il deus ex machina. Ora questi cristi di robottoni sono fighissimi, hanno anche le armi al plasma lentissime da ricaricare e ci sta, ma non puoi a metà del secondo tempo fare uscire queste spade, evoluzione diretta dei miracolblade, che tagliano quei cristi di mostri meglio del burro, non dopo che hai usato una nave come bastone come neanche i mastiffs allo stadio. Per non parlare della capacita strategica dell'Ikari di turno.
    Almeno, però, hanno evitato di mettere il chilchè dei clichè, il bacio tra i protagonisti alla fine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno il bacio finale ce l'hanno risparmiato, sì.
      Sui momenti WTF e deus ex machina, hai ragione al 100%. Per dire, quando il protagonista dice che può andare in azione perchè il suo robottone è analogico, un po' ti scende il latte alle ginocchia no?
      E non solo.

      Elimina
    2. Si, il robot del protagonista andava a nafta... ma poi si era detto che potevano guidarlo solo due persone molto affiatate, allora io ho pensato ai fratelli, ai genitori e i figli, magari una coppia ben collaudata e il biondino che fa, lo può guidare con la prima giapponese che incontra per strada, per non parlare degli altri due.

      Elimina
  6. Vero ci son dei buchi di sceneggiatura piú grandi della breccia da cui escono i kaiju...ma...ma...CI SONO DEI MECHA GIGANTI CHE MENANO A CINQUINE DEI MOSTRI GIGANTI! Basta questo e il regazzino che passava le giornate ad aspettare le battaglie dei vari robot made in Go Nagai é appagato. Quando poi é uscita la storia del: il mio jager va a energia atomica; mi é tornato in mente Giant Robo :)

    RispondiElimina
  7. Sei il numero 1 in assoluto. (Punto) e basta. Ciao da
    Antonio

    Ps pacific rim un orgasmo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo vedevi in inglesO aveva un livello di cafonaggine superiore alla media solita cafona ammeregana. XD

      Elimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro