24

I delinquenti non stanno negli stadi, stanno in galera

Che oggi volevo scrivere dei fattacci dell’Olimpico, di quello che è successo e di come i media fottono il cervello alla gente per distogliere l’attenzione e mescolare le carte tra causa ed effetto. Perché sì, Genny ‘a Carogna avrà pure dato “l’assenso”, ma tutto il casino è successo perché “Gastone”, ultras romano, probabilmente ubriaco, ha sparato a dei tifosi napoletani.
Dando inizio alla reazione a catena di cui avete certamente letto.

Genny 'a Carogna, e i Media ci sguazzano!

Ma vedete, Gastone, probabilmente, è un “nickname” poco spendibile. Se messo a confronto con Genny ‘a Carogna non c’è partita, la Carogna vince 10 a 0.
Perché la Carogna richiama sentimenti atavici di violenza, sangue e barbarie.
Gastone, tuttalpiù, ricorda il cugino fortunato di Paperino.

Può uno così essere un delinquente? Naaah!

Volevo scrivere qualcosa di più dettagliato, qualche riflessione, qualche pensiero butico “solito”.
Poi ho letto una cosa che mi ha mandato letteralmente fottuto il cervello: “I delinquenti non stanno negli stadi, stanno in galera”.
L’ha detto il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Mi ha mandato in cortocircuito la materia cerebrale perché è la rappresentazione lampante di come sia possibile che uno come Gastone spari a della gente, e uno come ‘a Carogna possa fare quello che è in grado d fare.

I delinquenti non stanno negli stadi, stanno in galera.
Eccetto quando fanno finta di fare i servizi sociali, per ricordarne uno a caso.

Un nome a caso

O quelli che sospendono partite importanti.
O quelli che vengono dichiarati colpevoli di aver sospeso partite, ma il reato cade, va in prescrizione, e arrivederci e tanti saluti.
Eccetto quelli che sono amici dei mafiosi.
O dei camorristi.
O figli e fratelli di camorristi.
Eccetto quelli che fanno apologia di*…
Eccetto quelli che armati di spranghe danneggiano vetture di emittenti televisive parcheggiate nel settore stampa.
Eccetto quelli che hanno contiguità con clan, e ne fanno i portavoce.
Eccetto quelli che da anni dovrebbero legiferare in materia di sicurezza degli stadi, e invece, sornioni, “Ha da passà a nuttata”. E la nuttata non passa mai.

Forse i delinquenti non sono davvero negli stadi.
Forse i delinquenti sono da un’altra parte.

Un altro posto a caso pieno di delinquenti accertati

Presidente Renzi, faccia un favore al paese: guardi sulla sua rubrica telefonica. Probabilmente troverà i nomi di numerosi delinquenti acclarati dalla giustizia italiana che non sono allo stadio, ma nemmeno in galera. Dato che ci beve, ci mangia e ci discute su come fare le riforme, lei è il primo a conoscerne personalmente parecchi **…

Basta una frase, una sola frase, per comprendere il grado di credibilità del Paese Italia.
Non mi stupisce, quindi, che all’Olimpico, uno squilibrato abbia sparato, e un camorrista abbia preso le redini di un qualcosa che, allo Stato, è sfuggito di mano tanto (troppo) tempo fa.

-----

*Ci si scandalizza che ‘A Carogna indossasse una maglietta pro-assassino, non ci si scandalizza quando Dell’Utri inneggia a Mussolini, o Berlusconi dichiara Mangano “eroe”.

**E ora venitemi ad accusare di vilipendio.

24 commenti:

  1. eh sommo, stiamo parlando di Napolitano, uno che dichiara: Non trattiamo coi violenti negli stadi. Peccato che ha trattato spesso e volentieri con la mafia.

    RispondiElimina
  2. Sommo, però noto una vena di populismo nelle tue righe, tutto vero quello che scrivi e questo è indiscutibile, ma il problema, ovvero quello che mi trova in disaccordo con te è il fatto che è per colpa dell'italiano che il politico è corrotto, o usando le parole che hai usato te "criminali", l'italiano è furbetto e il suo rappresentate lo è, è inutile fare retorica, su siamo seri! se allo stadio ci si comporta da animali o al g8 si pestano i no global non è colpa dei politici, siamo un popolo senza la coscienza di cosa sia il "bene comune", e queste cose sono figlie di questa mia affermazione, cioè sempre secondo me, occorre un cambio di rotta dal basso, da noi! È inutile additare il politico, ormai è passata la moda! Dobbiamo essere responsabili! Basta lamentarsi e basta! Basta lasciare i black block manifestare per noi! Basta movimenti ipocriti! Basta populismo! Scusa il fervore ma a un certo punto si esplode!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'articolo è volutamente retorico/populista/luogo comune/mettici quello che vuoi.

      Ma sono sempre sempre stato convinto che il luogo comune nasconde larga parte della verità. ;)

      Elimina
  3. e come direbbe il buon gandalf a tutti noi che ancora viviamo in Italia "fuggite sciocchi"
    https://www.youtube.com/watch?v=grAlbvonoxI

    RispondiElimina
  4. guarda questo video
    https://www.facebook.com/photo.php?v=618976511523633

    RispondiElimina
  5. Chi sa perchè sempre quando c'è il calcio succedono queste cose. Sono degli esaltati di merda nemmeno li guadagnassero loro i soldi se vince la loro squadra del cuore e se perde fanno il lutto ma dai sono ridicoli.
    Si sparano si uccidono per cosa per una partita, ma questi vanno messi in gabbia, con tutti i problemi che ci sono pensano ad una merdosa di partità? Ma andate a cagare il calcio e i tifosi di merda che creano casino, io una soluzione l'avrei e anche drastica, si chiudono gli stadi fino a quando i tifosi non si trasformeranno in docili cuccioli.
    Fanno casino ancora distruzione di tutti gli stadi, fanno casino ancora abolizione del calcio.
    Che tanto il calcio è uno sport inutile non lo sopporto non mi è mai piaciuto un coglione che deve correre appresso ad una palla che li pagano milioni di euro, li pagassero 1000 euro vedi che non ci sono più i barboni per strada e lavorano tutti.

    Ps: I nostri politici sono marci e si sa da tempo immemore per questo non ci sarà mai nessuno che farà le cose giuste perchè chi fa le cose giuste lo seccano perchè la mafia è dentro nel sistema quindi.

    RispondiElimina
  6. Madake Uchiha scusa ma nelle tue parole sento riecheggiare solo banalità e ignoranza... a fiumi proprio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la penso cosi per quanto riguarda il calcio e nella politica be non credo che si salvi qualcuno perchè è il sistema marcio.
      Se tu la pensi diversamente allora di la tua senza farti il figo ecco esponi.

      Elimina
    2. non espongo niente perchè hai detto cose a caso e non saprei come replicare sinceramente. dici che i tifosi sono degli esaltati di merda, si sparano e si uccidono per una partita, mandi a cagare il calcio e i tifosi, chiuderesti gli stadi o aboliresti il calcio. poi il calcio è uno sport inutile ecc ecc.. cosa potrei mai replicarti... potrei solo dire che adoro il calcio e non la penso così perchè... perchè non è come dici tu. il calcio non è quello che dici tu. non ho proprio altro da dire. se ci lavorassi e fossi nell'ambiente capiresti l'emozione che può dare, e il dispiacere che può creare il sentir dire coose di questo tipo. poi se della gente si ammazza fuori da uno stadio, boh spero non sia per il calcio che lo fa, altrimenti queste persone non hanno capito (un pò come te forse) il concetto del calcio.

      Elimina
    3. Invece è il calcio che provoca tutto questo, quindi dici piuttosto che non sei d'accordo con me ma non che sia una banalità quello che ho detto, il calcio c'entra è come su quello che è successo, le persone si ammazzano per una partita renditene conto. Non sarete tutti uguali ma però quelli malati ed esaltati ci sono, non si possono fare queste cose solo per una partita.
      Il concetto del calcio infatti molte persone non l'hanno capito a me del calcio non mi frega quindi non mi interessa capirlo ma se fosse per me saprei come fare intanto inzierei ad adottare il metodo inglese.

      Elimina
    4. ok sul metodo inglese posso essere d'accordo, anche se pure qua ci sarebbe da aprire qualche parentesi, ma il calcio in sè non provoca nulla, le persone che seguono il calcio sono molte più di quelle che seguono qualunque altro sport, e di conseguenza questi tipi di cose accadono più spesso (e anche i media fanno la loro bella parte) quando si parla di calcio piuttosto che di hockey su ghiaccio. il punto è che gli stupidi come saprai sono ovunque e nel calcio ce ne sono probabilmente di più rispetto ad altri sport perchè è semplicemente più seguito di altri (in italia). e ti ripeto che inizialmente ho detto che leggevo banalità nelle tue parole perchè dire che prima chiudi, poi distruggi, poi abolisci il calcio mi è sembrato che stessi dicendo queste cose tanto per dire.

      Elimina
  7. Ma quella frase l'ha detta Renzi, non Napolitano...
    Almeno così mi è parso di capire. XD

    Tanto è uguale, Renzi con un delinquente ci ha fatto le riforme...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamattina sul Fatto era stata dichiarata da Renzi. Poi hanno fatto l'errata corrige. Vabbè, il risultato non cambia.

      Elimina
  8. Io mi stupisco se Napolitano riesce a mettere insieme due parole di fila.

    RispondiElimina
  9. sommo, su questo punto ieri hanno pubblicato un articolo carino e, secondo me, ben fatto su "Il Napolista" a firma, credo, di Vittorio Zambardino e che si lega molto bene alla questione mediatica che poni tu in quest'articolo. non lo linko per delicatezza (c'ho l'ansia da SPAM), ma non avrai difficoltà a trovarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'era problema a linkarlo. ;)
      Cerco e leggo. :D

      Elimina
  10. Sommo, penso tu abbia proprio frainteso la frase di Renzi: "I delinquenti non stanno negli stadi, stanno in galera" era riferita a Speziale, Renzi stava commentando la maglietta di Genny cercando di far capire che i criminali non devono tornare liberi e andare allo stadio (quei pochi veri criminali che vengono puniti), non stava cercando di giustificare gli ultras o altro, o almeno, io l'ho interpretata così. Renzi mi sembra troppo sgamato per lanciarsi in assolutismi del tipo "tutti i criminali vengono puniti", sa benissimo che non gli conviene dire stronzate del genere.

    RispondiElimina
  11. Nono, l'ho capita benissimo. Lo so che era riferita a speziale. Ma è comunque squallido che uno che è andato a pranzo da un pregiudicato eper fare le riforme dica una cosa del genere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, di sicuro non è esattamente un esempio di coerenza né di onestà, ma nell'aver detto quella frase cercando di rassicurare/ schierarsi dalla parte della vedova di Raciti non ci vedo niente di male. Sempre considerando la frase solamente all'interno di quel contesto però, in generale sono d'accordo che sembri quasi uno scherzo detto da lui.

      Elimina
  12. Sommo, hai detto cose giustissime, purtroppo i delinquenti sono dappertutto, ricchi, poveri, colti, ignoranti, belli, brutti ecc ecc
    c'è il bene e il male in ognuno di noi, sta a noi scegliere cosa tirare fuori, e ogni azione porta a delle conseguenze.

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro