52

Il CineRdForum di sommobuta: Ritorno al Futuro

Ed eccoci arrivati al momento tanto atteso!
Il CineRdForum di sommobuta ha preso ufficialmente vita ed è pronto ad iniziare!
Di cosa parliamo oggi? Ma di Ritorno al Futuro, è ovvio!
Il potentissimo professor Guidobaldo Maria Riccardelli, così come al termine di ogni baretto dei Top Shonen, direbbe: “Apriamo il nostro solito dibattito”.
E tenendo conto che essendo voi parte del cineRdForum il film l’avete visto, non c’è bisogno di alcuna sinossi.
Perciò…




Impossibile non iniziare con uno dei temi più conosciuti della storia del cinema, scritto e “diretto” da uno dei geni delle colonne sonore, Alan Silvestri. Non so voi, ma quando parte il main theme di Back to the Future mi esalto sempre tantissimo.

Inutile stare a discutere sulla “trama”, che tanto il film lo conoscete a memoria probabilmente meglio di Bob Gale e Robert Zemeckis, che pure hanno passato anni interi a sceneggiare e controsceneggiare e rimaneggiare lo script di base. Ricordo che nei contenuti speciali del dvd (sì, a casa a Napoli ho la mia bella edizione superipermegaultraMadaFAKKA di Ritorno al Futuro) Zemeckis parla di un lavoro di scrittura durato oltre cinque anni, per un totale di diverse decine di sceneggiature diverse.

Che stizza doverlo vedere in streaming, con il dvd a casa a Napoli!

Fatto sta che questo capolavoro della fantascienza di tutti i tempi è arcistranoto per essere diventato IL film per antonomasia sui viaggi nel tempo. Non mentitemi, lo so per certo: se chiudete gli occhi e pensate ai viaggi nel tempo, al 99% voi nerdoni pensate a Marty McFlay, Doc Brown e alla DeLorean.
Per me, almeno, è così.

Ricordo che sono sempre stato un Ritornoalfuturino sin da bambino. Uno dei temi che ho fatto alle elementari – sarò stato in seconda, massimo in terza – era proprio su Ritorno al Futuro. Ma all’epoca mi sfuggivano ancora i particolari. Perché se sapevo bene che per alimentare la DeLorean e permettere al flusso canalizzatore di funzionare serviva una potenza di 1,21 gigowatt non capivo come mai alla fine il “presente” di Marty fosse cambiato. Pensavo che fosse stato Doc, in un qualche modo, ad alterarlo e migliorarlo.
Ovviamente no, non è così.

Grande Giove!

Ritorno al Futuro è interamente basato su una delle due grandi teorie sui viaggi nel tempo. Ovvero quella dell’effetto farfalla. Quest’espressione è stata coniata negli anni ’50, dopo che Ray Bradbury, uno dei più grandi autori di fantascienza, pubblicò un breve racconto, intitolato “Rombo di tuono”.
La trama è semplicissima.
Gli esseri umani hanno inventato il viaggio nel tempo, che è strettamente regolamentato e utilizzato solo a scopo turistico. Il protagonista della storia decide di fare un viaggio nella preistoria, che però, per una serie di motivi, va male. Quando ritorna al presente (o al futuro – eheheh), molte cose sono cambiate. Il presidente eletto è diverso, il tipo di scrittura adottata è differente, e anche la lingua ha subito delle varianti “strane”. Il motivo? Il protagonista, come si accorgerà alla fine del racconto, ha sfortunatamente calpestato e ucciso una farfalla preistorica, innescando una serie di cambiamenti catastrofici che hanno scombussolato il continuum tempo-spazio.
E poi c’è uno dei più grandi corollari (o meglio, paradossi) della teoria spazio-temporale: il paradosso del nonno. Celeberrimo.
Cosa succede se torni indietro nel tempo e uccidi tuo nonno? Le risposte sono molteplici, ma le più famose sono:
a)- Smetti di esistere nel momento esatto in cui tuo nonno schiatta, il che però genera il paradosso perché:
b)- Se tuo nonno schiatta, e quindi tu non nasci, come hai fatto a tornare indietro nel tempo a ucciderlo?
Splendido.

Turista temporale fai da te? No Bradbury style? Ahiahiahiahiahi! (semicit.)

Ritorno al Futuro è un monumento, anzi una cattedrale, a questi punti “fissi” della fantascienza.
Qualsiasi minima variazione nel passato provoca ripercussioni nel futuro.
Gli esempi più concreti?
- Le azioni di Marty influenzano pesantemente gli eventi come nel racconto di Bradbury, tanto da rischiare di compromettere la sua stessa esistenza (proprio nel pieno rispetto del paradosso del nonno);
- George McFly, sempre sottomesso al tiranno Biff, con un pugno ben assestato vede la vita cambiare in maniera radicale. Diventa più sicuro di sé, e da impiegato di quart’ordine trova il coraggio di pubblicare i suoi romanzi di fantascienza, diventando uno scrittore di discreto successo;
- Chuck Berry ascolta il suo “futuro successo”, Johnny be good, al telefono (mi fa sempre ribaltare dalle risate);
- Goldie Wilson diventerà sindaco grazie all’imbeccata di Marty;
- Doc non viene ucciso dai libici grazie alla lettera di Marty (il che però mi ha sempre fatto pensare una cosa: il “nuovo” Doc, quello posteriore all’incontro con Marty negli anni ’50, è diventato amico di Marty negli anni ’80 ben consapevole di chi fosse il ragazzo; la stessa cosa non succede anche agli stessi genitori di Marty? Se ne saranno mai accorti?).
E via discorrendo…



E poi ci sono quei sub-trivia fantastici che scopri solo rivedendo il film una seconda o una terza volta (giusto per agganciarci con l’articolo dell’altro giorno):
Tipo che il Twin Pines Mall, dopo che Marty ha distrutto uno dei pini del proprietario del terreno originario negli anni ’50, è diventato il Lone Pine Mall.


Oppure che Emmett Brown, nel primo Ritorno al Futuro, non dice mai “Grande Giove!” (ci avete mai fatto caso?). Il celeberrimo “Great Scott” nel primo film della saga è adattato con “Bontà divina!”, ma per avere la locuzione italica più mitologica dello scienziato pazzo più amato dai nerd tocca aspettare il secondo film.

Io adoro Ritorno al Futuro, e quindi sono anche dannatamente di parte.
Non so voi, ma per quanto mi riguarda la scena del fulmine che colpisce la torre, con tanto di Doc alle prese con i cavi elettrici, è una delle più belle in assoluto della storia del cinema.



E poi c’è il resto del film. Perché potremmo sicuramente stare a parlare per ore di quanto sia bello, figo e spettacolare un film sui viaggi nel tempo, ma quello che a mio modo di vedere lo rende davvero un capolavoro è l’assunto di base: cosa succederebbe se un sedicenne incontrasse e frequentasse i propri genitori quando questi avevano la sua stessa età?
Non c’è che dire: oltre al viaggio nel tempo, è questa la vera bomba del film.
Marty, che ha un’idea ben precisa di come sono i suoi genitori…in realtà scopre che sono completamente diversi da come se li immaginava, e anzi: sono più simili a lui di quanto avesse mai sospettato.

Lorraine “ci prova” con (quello che non sa essere) suo figlio è da applasi, così come particolarmente riusciti sono i rimandi tra George e Marty, che a distanza di 30 anni dicono le “stesse cose”, sentendosi “ugualmente frustrati” riguardo i loro sogni e le loro ambizioni.

Mi ribalto ogni volta dal ridere

Un film magistrale, che riguardo veramente con piacere senza stancarmi mai.
E non è nemmeno il mio preferito della trilogia…

Voi che mi raccontate, invece?
Anche a voi stanotte ha fatto visita Darth Vader proveniente dal pianeta Vulcano?

Sfido chiunque di voi a non cagarsi sotto se vi succedesse sul serio...

52 commenti:

  1. Eccoci qui! Come sempre mi riduci all' ultimo minuto, e anche questa volta stavo guardando proprio stanotte il film, ed essendo forse l' unico a non averlo mai visto prima di qualche ora fa sono quello con la prima visione più fresca! Perché la premessa? Perché mi è piaciuto. Parecchio. E non me l' aspettavo! Di solito la Fantascienza che non sia dannatamente Action (Star Wars, Transformer e poco altro) proprio non mi piace, invece a sto giro mi ha entusiasmato! Ora, proprio per la mia ignoranza in materia non voglio mettermi a discutere dei viaggi nel tempo (ignoranza perché appunto non guardo o leggo molta fantascienza, potremmo stare a discutere ore sul perché stando alle curve spazio-temporali sarebbe impossibile viaggiare nel tempo senza sfondare la barriera della velocità della luce (ricordate ds=+o-c*dt), cose però impossibile stando ad einstein, ma non è importante) ma voglio discutere del film dal punto di viata cinematografico!

    L' opera è eccellente! Se pensiamo anche solo agli effetti speciali di ottima fattura anche e soprattutto paragonati a quelli ottimi di 8 anni prima (del sopracitato Star Wars); la recitazione è di altissimo livello a mio modo di vedere (anche se sarebbe meglio averlo visto in Inglese) e alludo a mimica facciale, gestualità etc... anche se onestamente ho trovato molto ma molto suleriore a tutto il cast la performance di Michael J. Fox! Molto divertente l' alluppatissima madre di Marty, niente da dire mi stendeva ogni scena.

    Infine due piccole questioni che mi hanno fatto sorridere, gioire ed allo stesso tempo pentire di non averpo visto prima: innanzitutto sono stato davvero felice che il film non abbia preso quella orrenda filosofia spicciola dei giorni nostri dell' "accettarsi indistintamente per quello che si è" che badate, è una cosa positiva, ma oggi si eccede, no! In ritorno al futuro aono tutti felici e contenti del cambiamneto radicale (economico, sociale e di carattere) che ha avuto la famiglia di Marty grazie alle sue azioni del passato! Good!
    L' altra questione che mi ha colpito in maniera incredibile è stato realizzare pian piano che si avanzava quanto già io conoscessi il film senza averlo mai visto: questa pellicola ha posto le basi di quelli che ad oggi sono tutti i Cliché dei viaggi mel tempo (ottima cosa) e pian piano rivedevo tutti i riferimenti (ovviamente mai colti) visto nella mia vita; vi basti pensare che, chi più chi meno, 2 episodi (uno di Futurama (paro paro), uno dei Griffin) riassumono perfettamente la trama! Incredibile!

    Mi rimarrà nel cuore, grazie Buta-sensei!

    PS: perdonate l' italiano, è stato hno stream of concoiusness, non mi va di star qui a costruire periodi increddibbili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheheh...benvenuto nel club! Ammetto che faccio fatica a pensare che ci sia qualcuno che non ha mai visto ritorni al futuro, anche perché è uno di quei pochi film che ancora viene passato in tv almeno un paio di volte l'anno.
      Quindi contento tu l'abbia recuperato, con i prossimi ritorno al futuro pure ti divertirsi non poco! ;)

      Elimina
  2. avendolo visto tante volte, mi sono accorto di tutte le citazioni ma soprattutto alle cose che inizialmente vengono dette e poi vengono mostrate... come hai detto tu il vecchio peabody che gli venne la brillante idea di piantare alberi di pino! e poi lo si vede! buffissimo :D

    rivedere la tua stessa città 30 anni prima, è una sensazione fantastica, ho visto un sacco di foto della mia città, e mi sarebbe piaciuto vederla anche in tempi più antichi, per ammirare ciò che adesso i miei occhi non possono vedere per colpa delle troppe case.

    Hai anche accennato alle frustrazioni da giovane dei 2 mcfly! stupende, fanno anche gli stessi gesti stupendo :P
    poi biff che scassa le palle a tutte le generazioni è qualcosa di veramente divertente!
    Se visto una volta sola non si può apprezzare a pieno il film, perchè difficilmente si è attenti ad ogni dettaglio mostrato, come il programma che danno in tv nel 1985 che è lo stesso che si vede nel 1955 a casa dei genitori..

    stupendo stupendo stupendo, sono queste le cose che fanno impazzire i fan, le mille concatenazioni :D
    ed ancora non abbiamo parlato del 2 e del 3! (quest'ultimo appena scaricato in HD :P )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si quando arriviamo agli altri ci divertiamo... :D
      E si, vedere i vari rimandi a città, cose e situazioni del 1955/85 è la cosa più figa in assoluto

      Elimina
  3. Lone Pine Mall mi era sfuggito 0_0

    RispondiElimina
  4. No beh...ritorno al futuro è sicuramente il film della mia infanzia. Ricordo che il 3° riuscii a vederlo al cinema, una figata pazzesca (anche se dei tre l'ultimo il terzo è sicuramente quello più debole). Beh devo dire che la tua analisi è molto completa. Un'altra cosa che ho notato riguardando il film in lingua originale (magari ero l'unico a non saperla) che differisce dal doppiaggio originale è che lui viene chiamato da sua mamma Calvin Klein e non Levi Strauss. Probabilmente da noi il marchio di boxer più famoso del pianeta era ancora semisconosciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ci sono varie differenze in fase di adattamento. Anzi, ce ne sono parecchie, ma toccherebbe scriverxi un articolo a parte solo per quelle

      Elimina
  5. Quando da piccolo vidi "Ritorno al Futuro" ricordo che c'erano alcune scene che mi mettevano un'ansia addosso da cardiopalma.
    Mi riferisco alle scene di:
    - Biff vs Geroge (e a come esultavo quando arrivava il cazzotto)
    - Marty che mentre suona comincia a sparire
    - e per ultima (scontatissima) l'intera scena della torre dell'orologio (dalla macchina che non ne vuole sapere di partire, a Doc appeso sulla torre).
    Avrò visto il film un centinaio di volte (diciamocela tutta, tutti i film che ho guardato da piccolo li ho visti almeno un centinaio di volte) e tutte le volte avevo paura che i protagonisti non ce la facessero.
    "Cosa stupida" direte voi! "L'hai detto tu stesso che il film l'hai visto fino alla nausea, sai già come finirà!

    Sarà la colonna sonora che metteva tensione, le inquadrature che davano il totale senso di impotenza e disperazione, non lo so! Ma davvero avevo sempre la tensione addosso, come se fosse la prima volta che vedevo il film. E ancora oggi provo sempre quella piacevole sensazione di tensione.

    La cosa triste è che i film di oggi non mi danno più la stessa tensione.
    Sarà che sono cresciuto (ora un film me lo rivedo 3 volte al massimo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il montaggio della scena del fulmine alla torre dell orologio è un qualcosa di splendido

      Elimina
    2. Per quanto mi riguarda credo sia proprio una questione di maestria del regista, perchè quando una scena è costruita bene trasmette quello che deve trasmettere, anche se si sa già come va a finire.

      Elimina
    3. Esatto! Vedi i film di Hitchock o come si Scrive! XD

      Elimina
    4. Il fatto del tempo di rivedere crescendo è un "problema" per tutti o quasi. Riguardo le sensazioni, non non è soggettivo, la qualità media negli ultimi anni si è abbassata effettivamente XD.

      Elimina
  6. Ogni volta che lo si guarda si scoprono cose nuove, oltre a quelle già citate da te e che conoscevo già, stamattina riguardando il film ne ho notato altre due:
    1 - Il proprietario del terreno si chiama Peabody come il protagonista di un film che ho visto qualche mese fa "Mr. Peabody e Sherman", ispirato a un cartone degli anni 60, un cane che viaggia nel tempo.
    2 - Einstein torna dal primo viaggio nel tempo alle 1.21 come i gigowatt che servono per viaggiare nel tempo.
    Il resto lo hai scritto tu, non c'è nient'altro da aggiungere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, il fatto di Peabody non lo sapevo (o se l'avevo letto/sentito l'avevo rimosso). Sfizioso anche il fatto che Emmet se pronunciato al contrario è Time. ;)

      Elimina
    2. Neanche io conoscevo questa citazione, ma cercando ho letto che la citazione non si limita a Mr Peabody, ma c'è anche Sherman: "Il nome del figlio del vecchio Peabody è Sherman. Sherman era il nome del bambino viaggiatore del tempo in uno spezzone dello show di cartoni di Jay Ward, "Lo show di Bullwinkle" (1961). Il cane che possedeva la sua macchina del tempo si chiamava Signor Peabody."

      Elimina
  7. Sommo Buta,

    considero Ritorno al futuro una delle trilogie più belle che abbia mai visto e sono un felice possessore del cofanetto in allumino Platinum Edition (4 DVD).

    Proprio ieri parlavo della trilogia insiema ad alcuni miei colleghi geek (purtroppo se ne parlo con gente non-geek, gli atteggiamenti di sufficienza e di compatimento si sprecano, ma loro non possono capire e mai capiranno).

    Grazie per l'articolo, mi ha messo voglia di rivederlo per l'ennesima volta.

    Vado a fare i pop-corn. ;-)

    RispondiElimina
  8. E' la mia saga preferita. Penso che abbia veramente tutto. E' divertente, ti "ingrippa" il cervello, ti cattura con la trama, una colonna sonora indimenticabile. Puoi vederlo mille volte, ma sarà sempre come la prima. Ogni volta scopri una citazione, un riferimento a qualcosa. Un vero e proprio capolavoro. Non scherzo se dico che la mia vita non sarebbe stata la stessa se non avessi visto Ritorno al Futuro!! Quando ascolto di qualcuno che non lo conosce, mi viene voglia di dargli una pacca sulla spalla e dirgli :"Sì, la tua vita non è un granchè" .
    Ora ho voglia di rivederlo!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante poi è farglielo recuperare. :D

      Elimina
    2. Si infatti..."Ora ti siede a vederlo" é la frase che viene dopo la pacca sulla spalla :v haha :)

      Elimina
  9. Sono cresciuto con Ritorno al Futuro, quando avevo 6-7 anni lo trasmisero in tv e i miei lo registrarono su VHS. Sfortunatamente si ruppe la prima, avevo solo il 2 e il 3. Ma non mi importava, lo guardavo quasi tutti i giorni, al posto dei noiosi cartoni, perchè quelle musiche, quel fulmine, quel pathos mi prendeva, mi assorbiva completamente. Non ci capivo quasi nulla, solo in un secondo momento, quando poi ho visto anche il primo (ero già adolescente) ho connesso tutto.

    Ora è diventato una sorta di rito di iniziazione. Quando stringo molto con una persona, non diventa un vero amico fino a quando non vediamo insieme Ritorno al Futuro 1,2,3. Ovviamente anche io ho i 4 dvd della Platinum Edition.

    Lo farei anche con One Piece ma abbiamo una vita sola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti i giorni proprio no, ma ammetto che dai 6 ai 9 anni tutte le domeniche mi vedevo sempre Ritorno al Futuro 1, 2 e poi Hook. :D

      Elimina
  10. Credo sia una delle pochissime saghe ad aver mantenuto una qualità altissima, senza mai un cedimento o un capitolo meno interessante e divertente degli altri. Quando Zemeckis era ancora un regista... che oggi ci manca tantissimo e non si sa perché si sia irrimediabilmente rincretinito.
    Rivederlo è sempre emozionante. Se esiste il film "perfetto", quello è Ritorno al Futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro è uno di quei film che non risente del passare degli anni. Rimane di una freschezza e di un brio assoluto.

      Elimina
    2. Flight di Zemeckis a me è piaciuto molto.

      Elimina
  11. Film FANTASTICO che mischia insieme umorismo, fantascienza, romanticismo. ed 'ha l'80 % di battute e situazioni passate alla Storia. Lo rivedrei sempre e npn mi stancherei mai.

    RispondiElimina
  12. Chiedo venia per il piccolo OT: voglio un post celebrativo su "The Blues Brothers", il film con il più alto numero di macchine della polizia scassate in una sola pellicola e il monologo "Non è stata colpa mia", la serie di scuse più divertente della storia del cinema :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è in programma nel cineRdForum e sarò sincerissimo: in tutta onestà, è uno di quei "cult" che non m'ha mai detto nulla.

      Elimina
    2. Ok.
      Come tutte le cose, in fondo, non può piacere a tutti. :-)

      Elimina
    3. "è uno di quei "cult" che non m'ha mai detto nulla."

      Sommo, ti prendi le tue (grosse) responsabilità! XD Scherzo. XD Io almeno vado sul facile con "Dirty dancing". XD Ce l' hai in programma? XD Scherzo ovviamente. XD

      Elimina
  13. Mi dispiace ma questi giorni non ho fatto in tempo a rivederlo, comunque l'avevo visto già moltissime volte.
    ho poco da aggiungere sommo, è un film che amo, in pratica hai detto tutto te :)
    aggiungo solo che, una delle scene che mi gasa di più è quella con marti che, in casa di doc, spacca tutto con la chitarra elettrica, è una figata.

    momento cazzata:
    riguardo a quello che hai detto prima sui genitori di Marti (se dopo averlo conosciuto negli anni 50 si siano accorti di qualcosa eccecc) c'è una scenetta dei Griffin che fa al caso nostro XDD se riesco te la linko.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://m.youtube.com/watch?v=C7H1n592vUY

      la scenetta è questa, io l'ho vista in Tv in italiano ma com'era prevedibile l'ho trovata solo in inglese, tanto non credo avrai problemi a capirla visto che vivi in london XD

      Elimina
  14. Io ho sempre visto la trilogia di Ritorno al futuro in tv sulla mediaset e sebbene la davano sempre alle 19, mi perdevo sempre la prima mezz'ora, solo del primo film però. Una cosa che non mi spiego... Oggi ho visto quel segmento per la prima volta e ho notato un piccolo 'errore' proprio quando Marty torna nel '55: sono circa le 1:35 del mattino e da quando si schianta nel fienile di Peabody a quando si dirige in città passeranno si è no 5 minuti ma il sole è già bello che sorto e Hill Valley è piena di gente. So che non è un errore in quanto la scena è soggetta alle tempistiche di un film ma mi ha fatto sorridere il fatto che proprio questo capolavoro sui viaggi nel tempo abbia commesso questa piccola gaffe in particolare.
    Molto crude poi ho trovato le scene di Lorraine e Biff dove quest'ultimo tenta sempre di abusarne sessualmente e a mio parere forse eccessive per un film di queste atmosfere.

    PS Adoro la faccia di Doc quando Lorraine invita Marty al ballo e lui 'spia' la conversazione da dietro la DeLorean xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono quelle cose in fase di montaggio che secondo me sfuggono...

      Elimina
    2. Non l' ho mai visto come un abusare onestamente.

      Elimina
  15. Qualche tempo fa con il mio gruppo di "nerdfriend" si doveva fare la serata Ritorno al futuro ma complice anche l'invecchiamento ci siam limitati al secondo capitolo. Il primo comunque lo riguardo periodicamente e fa parte di quella lista di film di cui vado in astinenza dopo un certo periodo. Che dire...è sicuramente uno dei miei preferiti, visto anche la tematica dei viaggi del tempo è una delle mie preferite, soprattutto ho sempre adorato l'idea del time traveller semi-onniscente. Anche per me non è il preferito della saga(il 3 da bambino per un certo periodo l'ho guardato in loop, da malato)ma è quello che ha contribuito ad alimentare in me l'amore per la fantascienza, le scoperte e la scienza in generale. Se mai avrò dei figli, questo film sarà parte della loro Bibbia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un cult da far vedere e rivedere soprattutto ai futuri mininoi. :3

      Elimina
  16. C'è poco da dire, questo capolavoro va portato nelle scuole.

    RispondiElimina
  17. Angelo, l'hai visto il film tratto da "rombo di tuono"?
    Era una produzione partita in pompa magna, con Ben Kingsley nel cast, ma poi affossata per mancanza di fondi.
    Eppure il film è uscito, e pur coi suoi limiti, è godibile. Se non lo trovi, fai un fischio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, no! Non sapevo del film! Lo cerco, se non lo trovo, fischio sicuro! ;)

      Elimina
  18. Cosa rimane da dire, dopo un papiello del genere e tutti 'sti commenti? o.o

    Mi limito a condividere al 100% l'entusiamo per il film, e ad aggiungere qualcosa (che probabilmente già sai, ma visto che non l'hai detto ne approfitto XD), riferito a quanto hai detto sui genitori di Marty che non l'hanno riconosciuto: un finale alternativo, o scena tagliata, vedeva George sfogliare l'album scolastico del 1955, osservare una foto di Marty sul palco, e fare il collegamento... =)

    Ah, la scena del fulmine è talmente epica che, se noti, è presente in tutti e tre i film (climax del primo, finale del secondo e inizio del terzo)! :D

    p.s. tra l'altro, questa sera va in onda su Italia1 alle 19... che tempismo! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, vero! Lo dicevano anche nei contenuti speciali del film, ma l'avevo completamente rimosso!

      Elimina
  19. La scoperta di The Lone Pine Mall fu sconvolgente... andai appositamente a vedere il film quando me l'hanno segnalato.

    Che altro dire: da bambino mi faceva sognare e oggi mi fa altrettanto stare bene!
    L'unica replica che sono felice di rivedere su Italia 1 (che la fanno quasi ogni 6 mesi!!!)

    RispondiElimina
  20. Film VERY VERY G-R-E-A-T!
    Lo rivedo anche io almeno una volta all'anno e, proprio ieri, lo hanno trasmesso su italia 1: dì la verità: sei l'eminenza grigia di alcune programmazioni di silvio xD.
    L'importante, comunque, è non essere suo amico "intimo" che non sai che fine fai (vedi Mubarak o peggio Gheddafi, e "temo" per Putin xD).
    Risolta la parentesi socio-pazziello-politica, posso solo dire anche io che sono bellissimi i particolari cambiamenti e non ad Hill Valley (ad esempio il barbone che c'è nell'85 è colui che vuole essere ri-eletto sindaco: Red Thomas, o il pino abbattuto ed il sindaco Golden Wilson già citati).
    E poi la Delorean è una figata PAZZESCA!!! E Doc è il miglior scienziato che abbia mai visto, un vero e proprio MITO!!!
    Ciao Sommo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato un caso, giuro! XD

      Elimina
    2. "ad esempio il barbone che c'è nell'85 è colui che vuole essere ri-eletto sindaco: Red Thomas"

      Ah, però!
      Comunque "The power of love"! XD All' epoca anche film non tostissimi avevano certe colonne sonore... XD

      Elimina
  21. Adoro le storie basate sui viaggi nel tempo (a patto che siano un minimo strutturate) ma hanno sempre un grave difetto di fondo: o si accodano alla teoria del multiverso (ossia ogni anche minima modifica del continuum crea un diverso universo in cui le cose vanno a finire diversamente) o, se legate all'effetto farfalla/paradosso del nonno, hanno sempre fisiologicamente dei paradossi intrinsechi (perché il tempo è lineare, non si può riavvolgere e non si può tornare indietro, non c'è nulla da fare. Non c'è modo di giustificare logicamente fino in fondo la possibilità di un viaggio nel tempo in cui una persona torni nel passato o viaggi nel futuro, ne modifichi qualcosa e poi torni al tempo t0 di partenza trovando un universo modificato ma compatibile. Questo perché quelle modifiche darebbero il via a dei cambiamenti inprevedibili).
    Personalmente trovo che la teoria del multiverso sia una scappatoia facile facile (e anche più gestibile perché non c'è il dramma dei paradossi), mentre la mia preferita è l'altra (forse amo farmi del male?) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che a me piace molto la seconda visione dei viaggi nel tempo (che è quello di cui parleremo più avanti). Ovvero che il tempo è un punto fisso, immutabile. Quindi se un viaggiatore del tempo torna indietro nel tempo in realtà non muta nulla, perchè pure se è nel passato sta vivendo il suo "presente".
      Sempre adorate quelle situazioni in cui i protagonisti partono per correggere un evento e poi si rendono conto di essere loro la causa scatenante dell'evento stesso. :3

      Elimina
  22. Arrivato un po' con il ritardo... che dire del film? E' spettacolare!!! Come hai giustamente sottolineato IL film sui viaggi nel tempo, e questa è la mia trilogia preferita in assoluto!!!

    Figurarsi che in questi tre anni li hanno proiettati al cinema uno all'anno e sono stato sempre presente (l'ultimo giusto giusto ieri sera)!

    Certamente quando si parla di viaggi nel tempo è sempre un po' un casino perché c'è sempre qualcosa che non torna, e se ci mettiamo a spulciare si può sicuramente trovare cose che non tornano... ma in fondo che ci frega? Adoro questo film alla follia!!!

    P.S. Forse mi è sfuggito qualcosa, ma dai commenti arguisco che il film per la settimana prossima è Ritorno al futuro II, giusto?

    RispondiElimina
  23. Mitico! Punto e basta! XD
    L' anno scorso al Romix ho visto la delorean o come si scrive! ^^
    Quella degli alberi mi mancava! Invece riguardo GG se non erro me n' ero accorto! Così come la storia del fifone. Uno spettatore la citò a Teo Belia che non la sapeva perché viene detta nel 2° doppiato, come il terzo, non da lui! XD
    Altra osservazione. Nell' universo dei genitori tosti c' è finito il Martin che veniva da quello con la situazione non ottimale. Quell' altro che vediamo partire alla fine, dov' è andato? XD
    Ah, vidi prima 3, poi il 2 e infine il 1. Infatti quando visionai la pellicola dell' 89, nella seconda parte ebbi molta confusione riguardo i due Marty! XD

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro