27

Rileggere retroattivamente un fumetto

Oggi vi propongo un piccolo “spunto di riflessione” per sapere voi che diavolo fate e come vi comportate.
Insomma, per farla breve, ho iniziato a rileggere Berserk. Sarà la terza volta che lo rileggo daccapo negli ultimi 15 anni. Quindi ci può stare, no?
Perché l’ho ripreso in mano? Mah, sapete come vanno queste cose. Serata “noiosa”, non avevo voglia di continuare a leggere il libro che stavo leggendo (Cazzimma, di Stefano Crupi), non avevo voglia di andare avanti coi John Doe, allora ho aperto la mia app di lettura manga sul nexsus e così, a caso, mi sono ritrovato a rileggere il volume della consacrazione in Berserk.
Dopo poche pagine mi sono autostoppato, e sono tornato al primo volume.
E come ogni volta è stata una riscoperta.
Succede anche a voi?


Quanto li adoro questi 5 simpaticoni della Mano di Dio!

Il sapere “già” come sono andate le cose nel passato di Gatsu fa rileggere il fumetto sotto tutto un altro aspetto. Il bejelit assume una nuova mistica sacra, i comportamenti di Gatsu non sono più enigmatici e misteriosi, ma logicamente coerenti con quanto ha subito negli anni precedenti.
La Mano di Dio non è solo “un nome” che richiama oscurità, ma un’entità che presiede il Male nella sua forma karmika…Eccetera eccetera eccetera.

Ora, non so voi come vi comportate, ma io adoro leggere (o meglio, ri-leggere) retroattivamente un manga. Prendete, per esempio, One Piece. Se iniziaste oggi a leggerlo daccapo vi si schiuderebbe un mondo di citazioni, rimandi e dettagli importanti che magari vi sono sfuggiti.
Per dire.
Da dov’è uscita fuori la miniatura che negli ultimi capitoli di One Piece ha steso Sugar?
Da un disegno di Usop dipinto sul muro reso concreto da Kanjuro.
Che Usop fosse un artista lo sapevamo già. Che fosse un asso a disegnare sui muri…beh, probabilmente l’avevamo completamente cancellato dalla memoria…


La stessa identica cosa accade con libri, film e telefilm.
Quante volte, rileggendo un libro (e quindi conoscendone già la trama) vi siete soffermati su qualche dettaglio che la prima volta vi era sfuggito?
E quante volte, con un telefilm che seguite magari in maniera “diluita”, puntata dopo puntata da tanti anni, avete notato in una seconda visione fatta in maniera “completa” qualcosa di fondamentale importanza della quale non vi eravate mai accorti?

Ecco, oggi sono curioso di sapere che fate e che cosa provate voi quando rileggete un fumetto in maniera retroattiva.
E c’è qualcosa che, durante la rilettura, vi ha lasciato stupiti o sconcertati, perché preannunciava perfettamente come sarebbero andate le cose?
Io, per esempio, ho sempre trovato dannatamente geniale il fatto che, in Death Note, esattamente nelle prime pagine del primo capitolo, Ryuk dica a Light per filo e per segno come si concluderà esattamente il fumetto…


Incredibile, vero?

27 commenti:

  1. Io sto rileggendo a distanza di quasi due anni i volumi di "The league of extraordinary gentlemen", in lingua originale, di Moore: un tripudio di citazioni, allusioni e strizzate d'occhio alla narrativa inglese del diciannovesimo secolo, e, con una maggiore conoscenza di questa, rispetto a due anni fa, me la sto godendo appieno! (non conta come manga ma vabbè oh...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va benissimo uguale! Ottimo spunto! ;)

      Elimina
  2. Sisi , completamente d'accordo. In One Piece accade tantissimo.Ricordo per esempio tutti i piccoli commenti sulla condizione precaria della Merry! E poi sappiamo cos'è successo :)

    RispondiElimina
  3. Mi trovo spesso a pensare a questa cosa, bell'articolo Sommo. Rileggendo qualsiasi opera, che sia fumetto o un libro, si trovano SEMPRE qualche citazione o qualche collegamento che non avevamo colto, è inevitabile. Una domanda, potresti dirmi che app usi sul Nexus 7 per leggere i manga ?
    P.S. speriamo di vedere la fine di Berserk, un gran bel manga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uso pocket manga per la lettura "in streaming", mentre uso Perfect Viewer per la lettura di file scaricati. ;)

      Elimina
  4. Onestamente la cosa che mi stupisce di più nelle riletture è quanto riesco a ricavarci: intendo non tanto nella trama, nelle citazioni nei riferimenti ma più nel leggere quello che l' autore vuole dirci che tante volte proprio per seguire i fatti mi sfuggono... intendo soprattutto che mentre nelle prime letture la prima cosa che mi vien da dire, quando meritano, è "figo" mentee nelle successive riletture è "cazzo, profondo"!

    Spero di essermi spiegato!

    RispondiElimina
  5. Homunculus di Hideo Yamamoto......è incredibile rileggere quell'opera, dopo aver letto tutto il manga ti rendi conto di un sacco di cose che a una prima lettura sfuggono per forza di cose....e non sto parlando tanto del finale(che dice tutto e niente allo stesso tempo) ma di quello che succede nel resto dell'opera

    RispondiElimina
  6. Hai proprio ragione, Buta! In effetti, in Death Note Ryuk dice fin da subito come andrà a finire Light (e in questo manga di genialate ce ne sono parecchie, solo che poi si sa come va a finire, arrivano i ragazzini che lo lodano esageratamente e gli altri finiscono per odiarlo... ma vabbè, siamo off-topic), e su Berserk va detto anche che conoscendo già la storia ti godi ancor meglio quei disegni spettacolari (Miura è un mostro a disegnare). Poi, a me capita, ogni volta che rivedo Evangelion (scusa se parlo di un anime ma in quel caso è l'opera originale) di cogliere nuove riflessioni che a prima vista non avevo capito, e che si incastrano perfettamente nel messaggio finale. Oppure, visto che anche tu lo dicevi, la cosa di Kaguya in Naruto (oltre a spezzare un po' la monotonia dopo i combattimenti con Madara e Obito che erano una noia) mi è piaciuta proprio perché era stata anticipata per bene prima, e l'abbiamo vista poi divenire realtà. O, sempre in Naruto, diciamocelo che tutta la storia del villaggio della foglia che andava ad incastrarsi e svelarsi alla perfezione dettaglio dopo dettaglio, più o meno fino a quando rivelano l'identità di Tobi, è stata una bella figata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Naruto tutto sommato rimane godibile anche nei suoi momenti più WTF?, nel senso: c'è di peggio, in giro.
      Poi sì, è bello rileggere e rivedere le cose col senno di poi. ;)

      Elimina
  7. ti accorgi di molte più cose di quanto si possa pensare... soprattutto ci si accorge di elementi che lo stesso autore ha rivaluto col tempo. Rileggiendo One Piece, molti scontri possono risultare noioso, ma la cosa fondamentale è che one piece dall'inizio ha incolonnato misteri su misteri. Proprio ieri rileggevo il volume su Rogue Town e a differenza di allora, ho notato tante di quelle vignette sul clima cangiante, ho notato tante di quelle volte nami che ripete quello che sta variando, che non può essere una mera descrizione del cambiamento di un clima su un'isola. Potrò sbagliarmi ma sicuro è opera dei rivoluzionari... non dico dragon, perchè potrebbe essere benissimo qualche suo sottoposto, ma è troppo marcata come descrizione per essere solamente fine a se stessa :D Questo è un esempio, ma ogni saga , se riletta, riporta alla luce tante cose. Io provai un tempo a rileggere bleach per cercare qualcosa che lasciasse immaginare che fosse aizen il figlio di buona mamma :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, verissimo. Molti comunque pensano che Dragon abbia il rogia del vento.

      Elimina
    2. Davvero Sommo? Non ci avevo mai pensato. Ipotesi plausibile.

      Elimina
  8. Adoro rileggere, e mi capita più spesso con fumetti e manga, per ovvi motivi.
    Si scoprono sempre, SEMPRE, cose nuove :D
    (Il commento era originariamente più lungo, ma il pc scemo me l'ha cancellato :3 )

    RispondiElimina
  9. Concordo pienamente anche se a me in effetti capita soprattutto con le serie tv e in particolare con Doctor Who (soprattutto con T Davies, un po' meno con Moffat che ritengo un po' confusionario), che riguardo periodicamente nei momenti di magra. Parlando in generale, la "lettura" retroattiva la trovo molto interessante perché in effetti permette di notare connessioni, rimandi e chicche che a una prima esperienza è difficile osservare, ma che rendono l'opera qualcosa di realmente viva. Coi libri e fumetti mi capita meno solo perché con così tanta roba da leggere son sempre su qualcosa di nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moffat non riesce a gestirli gli archi narrativi. Ottimo showrunner sul breve periodo e sulle puntate singole (non a caso Sherlock è bello, così come oggettivamente le singole puntate del dottore sono sempre buone), ma la gestione completa gli sfugge sempre di mano

      Elimina
  10. Rileggendo quasi ogni giorno capitoli a caso di One Piece (sì, si chiama malattia...), sapendo già delle vicende passate dei personaggi, tutto ha molto più senso. Ma mi chiedo sempre: DAVVERO Oda sapeva dall'inizio come si sarebbero evolute le cose? Io non ci credo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che avesse in mente le linee generali, ma non i fatti particolari. Quando si studia e si sceneggia un arco narrativo secondo me cerca di incastrare i fatti con cose che ha solo accennato. In modo da farle combaciare. Per esempio io personalmente ho sempre trovato un po' forzato (e piuttosto pretestuoso) Ace come "fratello", anche quando si è scoperto che fratello non lo era per nulla. Però è riuscito a infilarcelo bene, senza combinare pasticci.

      Elimina
    2. "Io penso che avesse in mente le linee generali, ma non i fatti particolari. Quando si studia e si sceneggia un arco narrativo secondo me cerca di incastrare i fatti con cose che ha solo accennato. In modo da farle combaciare."

      Non posso che quotare!

      Elimina
  11. Io lo faccio regolarmente, anzi amo rileggere le storie da capo quando sono terminate e non ho più l'ansia di "sapere come va a finire". Ci sono poi opere, come il citato One Piece, che si prestano davvero tantissimo (e infatti sarà alla sesta/settima rilettura completa dell'opera di Oda, che praticamente dopo ogni fine saga merita un rewind) ^^

    Purtroppo adesso che lavoro ho poco tempo per leggere bulimicamente come facevo prima e mi manca ç__ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la rilettura #totaletombale dà sempre belle soddisfazioni. Se si trova il tempo, ovviamente...

      Elimina
  12. A me piace rileggere FMA, perchè è il mio manga preferito e ogni volta che lo rileggo trovo qualche frase/particolare che mi era sfuggito la volta precedente e Naruto per vedere quanto è peggiorato (troll mode on xD) . Appena avrò tempo vorrei anche rileggere Monster perchè l'ho letto di fretta e in ogni caso una seconda lettura a mio avviso va data. :)

    RispondiElimina
  13. Hai fatto un ottima riflessione.
    A me capita spesso in One Piece. Anche se su due piedi non mi viene un esempio concreto da fare :)

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro