45

Top 15 #totaletombale: Shonen Manga (3 di 3)

E siamo infine giunti all’ultima parte di questa Top Shonen #totaletombale. Una piccola calvacata doverosa, leggera e molto user friendly, alla scoperta di quelli che per me sono i quindici shonen che preferisco di più. E non ho detto “migliori” o “oggettivamente più belli”, ma proprio “i miei preferiti”, e che per una ragione o un’altra mi hanno colpito di più nel corso degli anni.
Oggi concludiamo questo simpatico appuntamento shonenico con la Top 3.
Siamo sul podio, in compagnia dei tre manga shonen che più ho nel cuore (fatta eccezione per Dragon Ball, che come sapete ho escluso dalla classifica perché sarebbe stato scontato trovare al primo posto).
Se non avete letto i due precedenti appuntamenti, potete farlo CLICCANDO QUI e QUI.
Ci siamo? Anzi: ci siete?

3° Posizione: Slam Dunk
Perché Holly e Benji sarà anche lo spokon mitico e mitologico per eccellenza, perché sarà pure uno dei miei cartoni animati preferiti in assoluto, ma dal punto di vista dello spokon fumettistico, se devo dire qual è quello che mi piace di più, non ho dubbi: Slam Dunk domina sovrano.
Takehiko Inoue ha emulato l’idea di Yoichi Takahashi agli inizi degli anni ’80 (ovvero quella di proporre ai suoi editor un fumetto sul calcio, pressochè sconosciuto in Giappone fino a quel momento), portando nel panorama fumettistico giapponese uno spokon atipico incentrato su di uno sport non proprio popolarissimo. Ad eccezione di alcuni titoli molto di nicchia e del già citato Dash Kappei (che però aveva un intento comico), non esistevano, prima di Slam Dunk, fumetti degni di nota sul basket.


Takehiko Inoue non ha fatto altro che sfruttare la moda dell’NBA, che in quel momento stava iniziando a dilagare a livello mondiale, per affermare il suo fumetto. Non è un caso che le squadre del suo manga siano ricalcate sulla stessa base delle squadre più famose dell’NBA (lo Shohoku è chiaramente ispirato ai Chicago Bulls, il Kainan ai LA Lakers, eccetera eccetera), e non è un caso che il suo manga abbia avuto un successo strepitoso proprio negli anni in cui i Bulls di Michael Jordan innalzavano il basket a sport planetario.
Nonostante siano passati vent’anni dal suo epilogo, ancora oggi Slam Dunk rimane non solo un fumetto che non è invecchiato di una virgola, ma un manga freschissimo e divertentissimo. Le partite sono davvero serratissime, e i protagonisti (e le loro gag) sono indimenticabili.


Hanamichi Sakuragi è probabilmente uno dei personaggi (e dei protagonisti) meglio caratterizzati e più riusciti sotto tutti i punti di vista. È facile empatizzare con lui, tifare per lui, esaltarsi con lui e arrabbiarsi per le sue sconfitte.
Quel finale, per me, rimane l’unico finale possibile, soprattutto perché, in linea con l’andamento di tutto il fumetto, è assolutamente realistico e plausibile.
E poi bisogna dire una cosa: Slam Dunk ha anche il merito di avere una delle più belle serie animate, con un doppiaggio e un adattamento strepitoso anche in italiano.
Must read!

2° Posizione: Kenshin – Samurai Vagabondo
Poteva mancare un manga storico in questo classificone? Ma assolutamente no! Ed ecco quindi che al secondo posto troviamo un manga bellissimo, che ci siamo davvero cagati in pochissimi, ma che ricopre un’importanza fondamentale nel panorama fumettistico nipponico, perché è assolutamente evidente come il lavoro di molti mangaka sia stato influenzato da quello di Nobuhiro Watsuki.
Senza Kenshin samurai vagabondo Oda non sarebbe diventato Oda (molti artifici grafici presenti in One Piece sono figli dell’apprendistato dell’Eiichiro-sensei presso il Nobuhiro Nazionale), così come molti altri compari del papà uanpisoso non avrebbero lo stesso modo di intendere “la pagina” se non avessero mai approcciato Kenshin in vita loro.


Per esempio: basta guardare i combattimenti in Naruto. L’impostazione data da Kishimoto-sensei è copiata para para da quella di Nobuhiro Watsuki.
Watsuki è stato in grado di innovare il battle shonen, pur rimanendo fedele ai temi tanto amati dai nostri amici con gli occhi a mandorla. Si parla di samurai, assassini, ninja, vendette sanguinarie, combattenti leggendari e altre faccende “tipiche” del panorama narrativo giapponese, ma lo si fa in una maniera più “occidentale”. Lo stile di Watsuki, nonché l’impostazione delle sue pagine, sono molto più simili a quelle di un comic book piuttosto che a quelle dei manga cui siamo (o eravamo – o i giapponesi erano) abituati.


La storia, nella sua semplicità, è probabilmente uno dei prototipi del “nuovo” modo di fare shonen che tanto va di moda oggi, con una trama sì lineare, ma allo stesso tempo attenta ad alcuni intrecci e all’approfondimento psicologico dei vari personaggi.
Il timido ed effemminato Kenshin in realtà è il leggendario samurai Battosai, che con le sue tecniche invincibili ha permesso la Restaurazione Meiji, e adesso gironzola per il Giappone in cerca di un luogo dove cercare un po’ di pace.
Watsuki è stato bravissimo nel proporre un manga con personaggi spesso sopra le righe, calati però in un contesto storico molto rigoroso.


Anche a distanza di anni Kenshin Samurai Vagabondo non perde un colpo, e si staglia come una pietra miliare che andrebbe letta e riletta sia per puro diletto, sia per studiare come negli anni ’90 sia cambiato radicalmente il modo di intendere un intero genere fumettistico.
Da riscoprire.

1° Posizione: Touch
Sorpresi? Stupiti? Maddai che la top 3 era esattamente identica a quella vecchissima già fatta qui sul blog quando a leggere Il Viagra della Mente eravamo solo io e lo spider di Google!
Sono sempre stato un convinto sostenitore del fatto che Mitsuru Adachi sia uno dei più grandi mangaka. In assoluto. Sicuramente è il mio mangaka preferito, e mi rendo conto che è uno di quegli artisti i cui fumetti o piacciono o fanno schifo.
Con Adachi non ci sono vie di mezzo.
Per quanto mi riguarda l’adoro (anche se devo ammettere che le ultime opere le ho trovate bruttine e stiracchiate – evidentemente inizia a farsi sentire un po’ di stanchezza creativa, dopo anni e anni passati ad emozionare migliaia di persone). Tutti i fumetti del maestro (o almeno: la maggior parte) hanno sempre saputo catturarmi ed emozionarmi. Il suo segreto, sicuramente, è la semplicità, nonché il rendere “magico” anche il momento all’apparenza più banale.
Per me non esiste un mangaka in grado di gestire i silenzi meglio di Adachi, e quei silenzi sono sempre carichi di emozioni e sentimenti.


In questo Touch non fa eccezione. Lo adoro tantissimo come fumetto, sia perché lo reputo uno dei migliori slice of life in assoluto, sia perché lo reputo anche uno dei migliori spokon in assoluto (la partita Sumi vs Meisei è veramente strepitosa).
Funziona in entrambi i sensi, ed è anche una riuscitissima commedia scolastica. Insomma, c’è un po’ di tutto. Come la vita. E come “nella vita”, c’è anche la morte.
La storia, sono sicuro, la conoscete tutti: i due gemelli Uesugi, Kazuya e Tatsuya, sono innamorati della loro amica d’infanzia Minami. Kazuya è l’idolo della scuola, l’asso della squadra di Baseball ed è un genio in tutte le materie; Tatsuya, invece, è l’esatto opposto del gemello. Pasticcione, perdigiorno e sempre svagato. All’apparenza non c’è confronto, eppure Tatsuya ha la stessa identica stoffa del fratello (e anzi, si dimostrerà essere anche più bravo). Quando infatti Kazuya morirà, Tatsuya deciderà di ereditarne la memoria e i sogni, prendendo sulle spalle il peso della squadra di baseball e portandola per la prima volta nella sua storia al famigerato Koshien.


Il finale, per me, rimane il più bello che abbia mai letto in un manga. È esattamente in linea con tutta l’opera: essenziale, leggero, calibrato…e dalla potenza poetica e narrativa inarrivabile.
Touch è un dannato capolavoro.
E senza Dragon Ball, si merita a pieno titolo di essere al primo posto in questo classificone #totaletombale.

E voi che mi dite?
Quali sono i vostri 3 shonen preferiti?

45 commenti:

  1. Touch sicuramente un gioiellino, condivido.
    Mi ero perso la seconda parte della classifica per via della mia assenza dal web.
    Sul mio podio ci sarebbe City Hunter. Slam Dunk non scherza nemmeno.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Slam dunk per me sta al primo posto assoluto tra gli shonen.
    Capolavoro assoluto,sendoh miglior personaggio di sempre.
    Touch non l'ho mai letto purtroppo.
    HxH non è in classifica perche gli altri shonen non sono degni :v

    RispondiElimina
  3. Non ho letto nessuno dei tre, solo approcciato Slam Dunk perchè amo il Basket, sono Canturino, VIVO di pallacanestro, da sempre. Non riesce a piacermi.

    Avevo detto che avrei buttato giù la mia Top alla fine della tua no? Beh, eccola, anche se è una Top 10, la divido però in due parti perchè ho scritto troppi caratteri (limite a 4096 xD), la metto in risposta a questo commento!

    1) HunterxHunter : non c' è storia, secondo me nulla di ciò che ho letto è paragonabile all' opera "in corso" (si fa per dire) del Togashi-sensei; in tutti i sensi, forse pecca un po' nella qualità del disegno, ma vogliamo parlare di quando vengono rifatte le tavole per i Tankobon? Perfetto imho.

    2) Naruto : forse questo giudizio vive dell' entusiasmo/tristezza per la conclusione, ma resta il fatto che il capolavoro di Masashi-sensei per 3/4 e qualcosa è stato 2 spanne sopra tutti i concorrenti e l' esperienza DI VITA ed emotiva che fù, quand' ero più piccolino, leggere la morte di Jiraya e lo scontro con Pain (e tutta la riflessione del sacrificio del prendere sulle spalle tutto l' odio per fermare la catena) non ha prezzo.

    3) Gundam Wing : lo so, lo so l' opera originale è un' Anime, ma anche la versione manga che prende paro paro (o quasi) dall' anime mi piace tanto quanto l' Anime, e non puoi neanche renderti conto quanto sia questo piacere!

    4) Death Note : te ne ho già parlato forse nel gruppo o qui sotto un articolo, ma a mio modo di vedere il masterpiece del duo Oba-Obata è qualcosa di indimenticabile, l' ho letto qualcosa come 8 volte e ho visto più di qualche volta l' Anime e mi fa impazzire! Mi piace SEMPRE il banalissimo dualismo bene-male, in qualsiasi opera e secondo me è davvero eccelente la maniera con cui viene affrontato nel progressivo impazzire di Light (fino alla degna conclusione) e nella lucidità perenne dei 2 detective (guarda caso Mello, che non riesce a mantenere la calma, perde rovinosamente, MA riottenuta sarà la chiave della vittoria) e vaffanculo a chi dice che la seconda parte non è così bella.

    5) One Piece : non c' è nulla da dire, non è più in alto solo perchè sono più affezionato alle altre 3 e perchè ritengo HunterxHunter superiore.

    CONTINUA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 6) Shaman King : questo è proprio uno di quei Manga (e sono diversi) cui guardavo l' Anime da piccolo e che ho poi recuperato e di cui mi sono innamorato. Detto che non mi è mai dispiaciuto la conclsuione un po' raffazzonata dell' Anime in cui tutti i protagnisti attaccavano Hao a ripetizione, ma la conclusione del Manga è bellissima, unico difetto: secondo me è troppo rapida.

      7) G.T.O. : anche quì poco da dire, anche questo, come sopra, l' ho recuperato anni dopo aver visto l' Anime, e quì ci son rimasto davvero male a rendermi conto delle censure che rendono la storia molto meno cruda e impressionante ma soprattutto trasformano il senso dell' opera da critica "dura"" e sfrontata a critica "comica", svalutandolo secondo me. Poi mi fa comunque ridere un sacco, ma questo è un discorso differente.

      8) Bakuman : una delle opere che da quando ho RIiniziato a frequentare la Community Online dei Mangofili (quand' ero undicenne e per qualche altro anno sono stato in molti dei forum più famosi, ma poi per anni ho abbandonato questa vita digitale) ho visto più criticata ma che allo stesso tempo mi è stata consigliata dalle stesse persone, un WTF esistenziale! Bakuman è a mio modo di vedere una bellissima opera, completa, che riesce perfettamente nel suo intento (che è FORNIRE INFORMAZIONI riguardo alla creazione e allo sviluppo di un Manga) con uno schema che alle volte è ripetitivo ma che non stanca, almeno secondo me; viene così tanto bistrattato probabilmente, sempre stando alla mia opinione, perchè il motore dell' azione è una delle cose più bimbominkiose della storia dell' umanità, ma suvvia,nessuno è perfetto.

      9) Full Metal Alchemist : ne hai già parlato tu a sufficienza e tantissimi altri, è un capolavoro, probabilmente tecincamente superiore a quasi tutti quelli che gli stanno davanti, ma mi ha sempre preso meno di questi molto probabilemtne perchè lo stile grafico della Arakawa non si confà al mio gusto personale. Ah, dimenticavo, la prima versione dell' Anime bisogna smetterla di dire che è brutta, è un eccellente Anime, magari (sicuramente) meno interessante, epica e qualitativa come quella del Manga, ma fa la sua porca figura. (se non si fosse capito anche questo fa parte di quelli che vidi l' anime prima da piccolo)

      10) Shingeki no Kyojin : Mi piace parecchio; bilancia il disastroso livello del disegno di Isayamacon un Pathos che onestamente nessun altro Shonen moderno ha con questa costanza, magari altri hanno dei picchi più alti, ma la lettura di OGNI capitolo ti tiene in tensione, in più sembra (per ora almeno) che l' autore sia riuscito a non dare al protagonista un potere esagerato con tutte le controindicazioni che ha la trasofrmazione e questo, va sempre apprezzato in uno Shonen (non è un caso che HunterxHunter mi piaccia così tanto no?).
      Poi qualcuno mi spiegherà èerchè questo ha un Anime così curato e One Piece deve avere #lammerda... #esticazzi.

      Menzione d' onore per Saiyuki (non ho ancora completato la rilettura) e per Dragonball (ci sono cresciuto, mi piace tantissimo, ma non così tanto da entrare in classifica...e poi lo sai, ritengo le opere moderne molto più complete)!

      Elimina
    2. Naruto al secondo posto? Ma sei serio?

      Elimina
    3. Affetto. Non è una classifica qualitativa anche se come ho scritto, per 3/4 buoni è indiscutibile

      Elimina
    4. GTO non mi ha mai trasmesso nulla, l'ho sempre trovato molto banale. Gundam e derivati li ho sempre odiati. Per carità, ho letto pure la prima serie classica ma...niente, i robottoni e io siamo due entità distinte e separate.

      Elimina
    5. Da lettore non esperto mi permetto di portarti una critica. Il finale di Shaman King. Forse sarò io l'incompetente, anzi molto probabilmente, ma il finale (dalla seconda fase del torneo finale) mi ha fatto veramente pena. Una caduta nel nosense assurda e una conclusione da diabete, con la redenzione di Hao tramite un treno dell'amore, o quello che era. Insomma a mio parere un finale indegno per un'opera bellissima.
      Fammi sapere che ne pensi!

      P.S. un saluto da un altro che con il basket ci vive, gioco nelle giovanili della virtus Roma :)

      Elimina
  4. Nella mia classifica personale il primo posto sarebbe sicuramente occupato da Fullmetal Alchemist!

    Ma parlando di Touch... Qualche settimana fa mi è tornato alla mente un motivetto odioso. Era la sigla di un cartone, con parole tipo "..e volendo riuscirai, si riuscirai..." Una cosa del genere XD e intanto insieme al motivetto il cervello mi mandava immagini di gente che giocava a beseball. Non sono riuscita a ricordare quale fosse il cartone finché non ho letto quest articolo. Perciò grazie mille!! :D
    Il cartone era "Prendi il mondo e vai", versione italiana dell'anime di Touch. La storia mi aveva emozionato tantissimo, anche se all'epoca ero solo una bambina.
    Vado subito a recuperare il manga!

    Grazie ancora, sempre ottimi articoli! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, esatto. "Prendi il mondo e vai" è il cartone col titolo italiano di Touch. :)

      Elimina
    2. A me da piccolo faceva uno strano effetto! M' incuriosiva, ma quelle dinamiche tra serio e faceto su scuola e sport mi lasciavano un po così. Infatti anche "è quasi magia Johnny" che guardavo volentieri, ogni tanto mi lasciava un po così.
      La scomparsa di Kazuya mi lasciò basito! °_O M' ero perso l' evento e mi ritrovai con tutti i personaggi tristi e pensosi e lui non lo vedevo?!? °_O Alla fine capii! Mi fece anche più "brutto" delle morti in Ken. Forse perché quella serie è strutturata in un certo modo ed in un certo smbiente, e benché coinvolgenti, te l' aspetti un po in generale.

      Elimina
  5. Condivido appieno la tua top 3. Gli ho adorati tutti e 3 e sono manga che appena avrò tempo rileggerò.
    Slam Dunk da quando è terminato l'avrò già riletto un paio di volte, ma lo considero un evergreen e l'unico fumetto sul basket veramente degno di nota, sia per la grafica che per la suspense (per intenderci ogni volta che leggevo di Mitsui tirare una tripla rimanevo in trepidante attesa finché non vedevo la palla entrare) ed ovviamente per le gag che ci sono dall'inizio alla fine del fumetto (il duo Sakuragi-Myagi).
    Kenshin, sono d'accordo che è uno di quei manga che ci siamo cagati veramente in pochi, ma è anche il manga che mi ha fatto apprezzare maggiormente la storia giapponese e successivamente altre opere riferite al medesimo periodo tipo Vagabond.
    Touch è un manga che ho iniziato a leggere perché da piccolo guardavo il cartone animato Prendi il mondo e vai e non avendo mai visto il finale ho deciso di prendere i volumetti. Merita di essere al n°1. Per quanto riguarda il finale di Touch devo fare un ripassino... Sono passati un bel po' di anni e l'unica cosa che mi ricordo del finale sono i brividi che avevo lungo la schiena e un senso di nostalgia misto tristezza... Capolavoro.

    PS: Niente Dragonball nella tua top 15?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm.... se poi leggessi anche le intro delle classifiche sarebbe tutto troppo facile (e probabilmente eviterei domande inutili).
      Chiedo umilmente scusa Sommo.

      Elimina
    2. Vienit' a piglia' 'o perdono. (cit.)

      Elimina
    3. Anch' io l' ho recuperato qualche anno fa e m' è piaciuto un sacco! ^^
      Un fumetto misconosciuto da noi di Adachi è "Slow step", una commedia brillante divertentissima e spigliata che sembra degna erede secondo me di quelle delle vecchia hollywood! ^^

      Elimina
  6. Avrei scommesso, nonostante il finale, nella top 3 avrei trovato yu yu hakusho xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che facevo, lo inserivo 2 volte?

      Elimina
    2. Non ricordavo che è stato inserito nella prima parte di classifica, pardon

      Elimina
    3. Vienit' a piglia' 'o perdono. (cit.)

      Elimina
  7. Purtroppo di questi nella top3 non ne ho letto manco uno (ma sto già cercando di rimediare).
    Più che altro mi ha stupito l'assenza di Onepunch-Man nella classifica, considerando quanto lo hai osannato in vari articoli.

    Beh, è comunque una signor classifica, è stato molto bello leggerla (e ora so di qualche manga che dovrei recuperare)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OPM, strano a dirsi, è un seinen. Non uno shonen. ;)

      Elimina
  8. Eh, Adachi. Uno dei miei Mangaka preferiti, anche se tutte le sue opere le ho fruite in versione animata, non in cartaceo. Fatto sta che sia Touch, sia tutte le altre opere mi hanno scaldato il cuore. Bella classifica Sommo, mò mi aspetto la Seinen ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente la seinen sarà la più divertente in assoluto... :D

      Elimina
  9. Non ho letto abbastanza shonen da fare una classifica decente, ma sono sicuro che al 2° posto metterei sicuramente Assassination Classroom, nonostante sia solo al 4 volume in Italia! Lo conosci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto i primi 40 capitoli. Carino all'inizio, poi noioso e sempre uguale il prosieguo

      Elimina
  10. Sono sorpreso del primo posto, perché mi dimentico sempre dell'esistenza di Touch. Nella mia ignoranza, sarà sempre "Prendi il mondo e vai" che da piccolo schifavo e non poco. Angelo, pagherò ammenda
    Il mio numero 1, rimarrà sempre Slam Dunk. Alle volte mi chiedo se Inoue avesse scelto questo finale intenzionalmente o cominciavano a farsi sentire i primi sintomi di negligenza (che tutti conoscete bene). Per quanto mi riguarda, è il miglior finale che abbia mai visto. Improvviso, non scontato, non mieloso e soprattutto "reale". Non come certe storie (a buon intenditor...).
    Pillole di curiosità
    La leggenda narra che l'Nba abbia più volte minacciato di querela Inoue e casa editrice per le divise ispirate palesemente alle loro. Ma (bello grosso) non tutti sanno che, la divisa bianca con i numeri giallo-viola del Kainan, fu adottata dai Lakers solo 9 anni dopo la fine del manga. Venne usata dalla stagione 2005-06 e solo per le partite in casa di domenica. Si può dire che sia stato il buon Takehiko ad "ispirare" loro stavolta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella curiosità! :D
      Sul finale, concordo. Uno dei migliori assolutamente.

      Elimina
  11. Ma dragon ball? XDDDDD
    Che cazzo ci vuole a leggere... DIO brando, lo avrai scritto tipo 30 volte.

    Le ultime 2 posizioni mi mancano, eh si.. aspetta! Non mi lanciare la ciabatta! devo leggerle: sono nella sezione "da leggere" :D

    Se dovessi fare una lista
    esclusi i soliti come DB e OP (non in ordine)

    Jojo
    Slam Dunk
    Eyeshield 21
    Ranma (per le risate e i combattimenti buffi)
    HunterxHunter (interminabile)
    Yu degli spettri
    Naruto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non Touch, Kenshin lo devi assolutamente leggere...

      Elimina
    2. si maestro..
      e gentilmente non mi punisca con il lancio della ciabatta!

      Elimina
  12. Risposte
    1. Sono meno scontato di quanto possa sembrare. :3

      Elimina
  13. Risposte
    1. Sì, spiazza sempre un po' tutti... :D

      Elimina
  14. Sommo mi hai sorpreso. Non conoscevo touch, o meglio lo conoscevo sotto il nome di "prendi il mondo e vai"XD ma dai tuoi commenti mi inviti davvero a leggerlo, specialmente perchè sto leggendo Area no kishi ed in pratica da ciò che hai detto è identico a touch solo che lo sport di riferimento è il calcio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è indubbio che l'autore di Area no Kishi si sia ispirato a Touch per il suo manga.

      Elimina
  15. Bella top 15, ci sono vari titoli che ho conosciuto solo nella forma animata, ma comunque ottimi gusti.

    Una cosa Sommo, forse OT, dimmi che almeno tu, che sei una persona della ricerca e uno storico a tutto tondo, hai letto Yu Gi Oh o almeno visto la serie originale giapponese e non ti sei fatto "fregare" dall'insulsa versione americana giunta in Italia nel 2003 e che ha fatto credere a tutti che sia un titoletto banale e commerciale. No, perché ritengo sia uno shonen meritevole nella sua forma originale... la 4Kids pero lo ha deturpato, anzi castrato. Se hai letto il manga come lo hai trovato? (evidentemente se lo hai letto non e' tra i tuoi preferiti, ma va? XD) Buona serata :)

    RispondiElimina
  16. Ultrastimaover1006 per Touch in prima posizione! Non ci sono mazzate esagerate, non c'è fanservice, non ci sono tamarrate: soltanto una storia narrata in modo equilibrato, delicato, e fortemente espressivo, un vero capolavoro. Di Rough invece che ne pensi?

    RispondiElimina
  17. Bhe sommo grazie per questa top 15 Shonen #totaletombale
    Rimarrà sicuramente tra le pietre miliari del blog.

    RispondiElimina
  18. ma com'è che dragonball , che era primo, non è nemmeno in classifica ora ?

    RispondiElimina
  19. Uno shonen tosto sembra essere "Ushio e Tora"! Ho preso i primi 4 volumi e mi sono davvero piaciuti. Avevo visto gli OAV e mi ha stupito vedere anche un' interessante trama di fondo. Solo che in questi anni per un motivo o per un altro non ho recuperato anche gli altri numerosi volumi! Poi c' è la bella roba che la star prima pubblicò da dove si era interrotta la Granata e poi ristampò i primi numeri! All' inizio pensavo che "Ushio e Tora - le origini" fosse tipo un prequel! XD

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro