29

I migliori film del 2014

Leggerissimamente in ritardo (anche se poi non è tutto questo ritardo) eccoci con il sempiterno listone #totaletombale dei migliori film secondo sommobuta (quindi secondo me) passati al cinematografò nel corso del 2014. Anche quest’anno ho visto parecchi film, molte buone pellicole, una manciata “eccellenti”, diverse ciofeche (penso che la cosa più brutta sia stato il documentario su Berlinguer di Veltroni, assolutamente ingnobile sotto ogni punto di vista), e non sono mancati le sorprese.
Quindi eccovi i 10 migliori film del 2014.
Secondo me.
Perché come sempre questi classificoni sono soggettivi e rispecchiano unicamente i miei gusti personali.
Pronti?

10° posizione: Boyhood
Non ho ancora visto il già acclamato urbi et orbi Birdman, ma se l’Oscar per il miglior film quest’anno dovessero assegnarlo alla pellicola di Linklater non sarebbe scandaloso. Il film infatti varrebbe la statuetta anche solo per l’idea di fondo, ovvero il racconto dell’infanzia e dell’adolescenza di Mason, che viene ripreso anno dopo anno nel corso della sua crescita. Gli attori crescono e invecchiano assieme al protagonista, e sebbene il film non abbia una trama vera e propria, ci regala uno spaccato di vita molto, molto interessante.
Forse se il regista avesse tagliato una ventina di minuti di pellicola sarebbe stata molto più gradevole. Ciò non toglie che il suo esperimento cinematografico è perfettamente riuscito.
Chapeau.

9° posizione: Fury
Che da voi in Italia ancora non è uscito, mentre qui in UK ce lo siamo gustato a fine dicembre. Che dire di questo Fury, se non che è il film di guerra più “divertente” degli ultimi 15 anni? La trama è semplicissima: alla fine della Seconda Guerra Mondiale, la Germania è sotto assedio. E per questo è più pericolosa che mai. Il gruppo del sergente Collier, che guida il leggendario carrarmato “Fury” ha il compito di sorvegliare un crocevia strategicamente importante, e far fuori eventuali avversari nazisti.
Ma qualcosa, durante la missione, va storto…
Se questo film fosse brutto (e non lo è: anzi, è esattamente l’opposto) varrebbe anche solo per una scena: un duello tra carri armati al cardiopalma, che sono sicuro entrerà di diritto nei vostri piccoli cuori guerrafondai.
Appena esce al cinema, fiondatevi a vederlo: non ve ne pentirete!

8° Posizione: Oculus
Il film horror più ricercato che abbia visto quest’anno, nonchè uno dei più interessanti che abbia visto in assoluto, merito soprattutto di un montaggio sopraffino capace di mischiare, fondere e addirittura sovrapporre due timeline distinte e separate.
La storia è semplicissima: due fratelli vogliono scoprire il mistero che si cela dietro uno specchio antico che oltre ad essere la causa della follia di loro padre, in passato ha portato alla pazzia tutti i suoi precedenti proprietari.
Anche in questo film ci sono alcune scene che da sole meritano la visione dell’intero film: c’è una mela rossa che non dimenticherete facilmente…

7° Posizione: La trattativa
Non stupisce che il film di Sabina Guzzanti, già autrice di quel piccolo gioiello documentaristico che era Draquila, abbia subito una distribuzione pessima con la scusa che “Il film non lo va a vedere nessuno”. Quando porti sul grande schermo e in maniera semplicissima e funzionale una delle pagine più oscure e inquietanti della storia italiana (ovvero tra trattativa tra Stato e Mafia che fece cessare le stragi mafiose tra 92 e 93) c’è da qualsiasi parte un ostruzionismo palese. Avevo già visto “E’ Stato la Mafia” di Travaglio, che racconta in maniera più approfondita la stessa storia, ma la Guzzanti riesce nella non facile impresa di rendere il tutto godibile e largamente (passatemi il termine) “mainstream”.
Ricordarsi che Forza Italia e Silviuccio erano il partito dei mafiosi fa sempre bene, dopotutto…

6° Posizione: American Sniper
Passati gli 80 anni il Clintone internazionale ci regala uno dei migliori film sulla guerra “contemporanea”, proiettandoci in Iraq e raccontandoci la storia di quello che è stato il miglior cecchino delle forze armate statunitensi. Se è scontato parlare della bravura di Eastwood dietro la macchina da presa (e a proposito: scandaloso il fatto che non sia stato nominato all’Oscar), non era scontato tirar fuori una bellissima pellicola da un libro che, tutto sommato, letterariamente parlando, è anche piuttosto bruttino. La biografia di Kyle infatti, eccezion fatta per le parti specificamente tecniche in cui disquisisce di armamenti e tipologie di attrezzature in dotazione a uno sniper, è abbastanza noiosa. Il film invece, prendendo anche un po’ le distanze dall’eccessivo machismo del Kyle originale, e imbastendo un (ovvio) confronto tra cecchini nemici, riesce a tenere in tensione lo spettatore per tutte le due ore e più della pellicola.
Da vedere.

5° Posizione: Lego Movie
L’universo Lego è in pericolo! Il malvagio lord Business è entrato in possesso del Kragle, l’arma definitiva che gli consentirà di dominare e distruggere il mondo! L’unico modo per fermarlo è trovare il Pezzo Forte, ma la profezia a riguardo è precisa: solo “quello Speciale” sarà in grado di maneggiarlo.
E se “quello Speciale” fosse il più banale e normalissimo “cittadino medio”?
Un film d’animazione strepitoso, con una trama semplice ma allo stesso tempo accattivante e “profonda”. Citazioni a vagonate e…la miglior entrata in scena di Batman in assoluto.
Tant’è vero che non vedo l’ora esca il film Lego a lui dedicato.
Anche questo film è stato snobbato dall’Academy. Vai a capire perché…

4° Posizione: Smetto quando voglio
Ovvero “la risposta italiana a Breaking Bad”. Cosa succede se le più menti accademiche più brillanti dell’italico stivale, costretti dalla crisi a una vita di stenti e precariato, decidono di creare la più potente droga sintetica (e legale) e piazzarla sul mercato?
Semplice: diventano i numeri uno spazzando via in poco tempo la concorrenza.
Il guaio però è che nessuno della banda degli accademici è mai stato ricco in vita sua: e così diventa molto facile perdere la testa.
La sorpresa dell’anno. Senza dubbio. Smetto quando voglio è una bella ventata d’aria fresca nell’asfittico panorama cinematografico italiano. Sydney Sibilia dimostra di aver studiato a fondo il cinema di genere ammeregano, non disdegna strizzatine d’occhio al pulp tarantiniano e all’action stars&stripes, ma riesce addrittura nell’impresa di confezionare una vera e propria commedia all’italiana “old style”, inserendo all’interno della pellicola, senza risultare noioso, pedante o invasivo, tematiche attualissime e tragicissime come la crisi, la disoccupazione, il precariato.
Un film geniale e divertentissimo.
In attesa del secondo lavoro di Sibilia…

3° Posizione: Dragon Trainer 2
Se dovessi stilare una classifica oggettiva dei migliori film d’animazione Dreamworks, il primo Dragon Trainer sarebbe sicuramente al vertice. Seguito a ruota da Kung Fu Panda. A cui farebbe seguito questo secondo capitolo draghesco. Animazioni splendide, storia interessantissima (e a tratti commovente, con una scena che ti fa rimanere davvero – permettetemelo – dimmerda per quel che succede).
Raramente i seguiti di un film animato sono buoni (lo stesso Kung Fu Panda 2 l’ho sempre trovato molto brutto), e finalmente, per una volta, abbiamo un secondo capitolo assolutamente all’altezza del suo predecessore. Sdentato poi è davvero un drago che garantisce divertimento assicurato! :D

2° Posizione: The Wolf of Wall Street
Per Martin Scorsese vale la regola del Clintone: questi più invecchiano, più fanno film eccellenti. Cosa si può dire di The Wolf of Wall Street, se non che è uno dei migliori film dell’anno passato? Straordinario sotto tutti i punti di vista, una storia eccellente, una regia magnifica, attori strepitosi.
Come al solito, quando escono film del genere, parte l’accusa al regista di aver voluto mitizzare figure negative (d’altronde Jordan Belfort è stato uno dei più grossi speculatori finanziari a cavallo tra gli anni 80 e 90, ha mandato sul lastrico migliaia di persone e rovinato la vita a tantissima brava gente), ma la domanda è: raccontare “il male”, anche nelle sue forme più estreme, affascinanti e/o parodistiche, significa davvero mitizzarlo?

1° Posizione: Still Life
E ancora una volta, come negli ultimi anni, nonostante tutto la prima posizione se la becca un film italiano. Still Life di Uberto Pasolini, al pari di Smetto quando voglio è la sorpresa cinematografica assoluta del 2014. È un film magnifico sotto ogni punto di vista, posato, misurato, “lento”, eppure fantastico, fantasioso, leggero e poetico. La storia è quasi banale: un impiegato addetto sta per essere licenziato. Prima però vuole portare a termine il suo ultimo incarico. Un incarico che gli rivoluziona completamente l’esistenza.
Finale potentissimo.
E, almeno per me, inaspettato.
La dimostrazione lampante che anche noi italiani, quando vogliamo, al di là dei grandi nomi e del cinema “d’autore”, i bei film li sappiamo fare.
Da non perdere!

Un paio di paroline poi per alcuni film che mi sono piaciuti tantissimo ma che non rientrano nella Top 10. Edge of Tomorror e Snowpiercer sono probabilmente i due migliori blockbusteroni dell’anno passato. Addirittura, per quanto mi riguarda, sono superiori alle loro opere di provenienza. E se Snowpiercer ancora se la gioca con il fumetto originale, Edge of Tomorrow è nettamente più bello e interessante della light novel e del manga da cui è tratto.
Mi è piaciuto tantissimo poi Justin e i cavalieri valorosi (che sì, ok, è del 2013, ma io l’ho visto solo nel 2014), film d’animazione di produzione spagnola che credo abbiamo visto in 4, tanto che non ha nemmeno una pagina wiki dedicata. È un film lineare, senza grossi colpi di scena: ma funziona alla grande e mantiene un ritmo alto per tutta la durata del film.
Due righe due poi su Gone Girl, sicuramente il thriller che più m’è piaciuto l’anno passato, nonostante il libro l’abbia appeso a pagina 60 (dato che lo stile dell’autrice proprio non mi andava a genio). Anche qui, mi riesce difficile credere che sia stato totalmente snobbato dalla giuria degli Oscar. E che, a parte la Pike, il film non abbia ricevuto mezza nomination nemmeno per il montaggio.
Scandalosissimo…

Voi invece che mi dite? Quali sono i film che più vi sono piaciuti nel 2014? :D

Extra: Edge of Tomorrow, Snowpiercer, Gone Girl, Justin e i cavalieri valorosi

29 commenti:

  1. meh...di questi ne ho visti solo 4 xD però mi son tutti piaciuti, soprattutto lego movie, gli altri sono dragon trainer 2, american sniper e the moneygrabber of wall street...poi sicuramente ho visto altra roba bella, l'anno scorso sono usciti dei bei cinecomics, x-men, guardiani, cap...e non mi viene in mente null'altro, mannaggia

    RispondiElimina
  2. Ho visto solo American sniper e the wolf.Incredibile come Scorsese e di caprio riescano a tenere in piedi magistralmente un fil del genere fatto fondamentalmente da singoli situazioni ba se stanti.Un film del genere,data la lunghezza dovrebbe annoiare,invece il tempo vola.Anche American sniper molto molto bello,sembra semplice come film ma secondo me ha molte sfaccietature

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è da dire che anche il romanzo/autobiografia era davvero un ottimo punto di partenza, da un libro stratosferico uno come Scorsese non poteva non tirare fuori un film altrettanto stratosferico.

      Elimina
  3. Fury compare anche tra i miei film dell'anno. Una bomba, che rivedrò al cinema appena uscirà qui da noi (il 29 gennaio, come se fossi già lì in primissima fila).
    Still Life è un gran film, ma secondo me soffre un po' troppo di una certa staticità che non ho gradito del tutto. Ed è assolutamente elevato al di sopra della media dal protagonista, attore, tanto per cambiare, non italiano.
    In realtà, non riesco neanche a vederlo come un film italiano.
    Sono curiosa (e non so se lo hai visto) di cosa ne pensi del film dei Dardenne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì l'ho vista la tua classifica il mese scorso. Secondo me uno dei punti forti del film di Pasolini è proprio la staticità, che mano a mano si inizia a muovere...e quando muove, beh, succede il patatrack. Ma ci sta, come sentore.
      Non ho ancora visto Due giorni una notte, devo recuperarlo

      Elimina
  4. OK, Boyhood è un gran film anche solo per l' idea di Linklater: un esperimento che si fa una e una sola volta (non avrebbe senso ripeterlo) ma che porta con se un ottimo pirito di novità.
    Stasera vado a vedere American Sniper, poi ti dirò.
    Lego Movie è una figata. Punto.
    The Wolf of Wall Street è un capolavoro senza mezzi termini, magari ancora un gradino sotto a Gangs of New York o a The Departed (parlando della filmografia recente Martin) ma mannaggià come è fatto bene: Jonah Hill monumentale, anche più di Leo (Comunque non era del 2013, o ricordo male?). Aspettando Silence, quello nuovo, chissà.
    Smetto quando voglio è stato il film che ha avviato la rivalutazione del cinema e, SOPRATTUTTO, degli attori Italiani, rivalutazione grazie alla quale ho deciso di guardarmi Gomorra e Romanzo Criminale, e per cui voglio recuperare la roba di qualità del nostro bel paese in ambito cinematografico... qualcosina c' è.

    Onestamente grande assente Interstellar: può non essere piaciuta la trama (non ci sono Plot holes come molti millantano, ci sono delle spiegazioni a tutto), o il significato ma anhe solo il livello dei VFX e el suono varrebbero per stare nella top ten di chiunque imho.

    Fury appena esce, se non vado al cinema sicuro in streaming me lo guardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La faccenda è semplice: quando faccio queste classifiche debbo fare una scelta. E le posizioni sono 10. E' ovvio che ci sono film indubbiamente più belli di alcuni (per dire, è ovvio che Interstellar si magna sotto molti punti uno still life o uno smetto quando voglio), ma scelgo sempre in base a quello che per un motivo o l'altro mi ha colpito più di tutti.
      E allora Boyhood mi ha colpito per l'idea, Fury per la botta d'adrenalina, Oculus per il montaggio, eccetera eccetera. ;)

      Gangs of New York devo rivedermelo. Visto una sola volta all'epoca quando uscì non mi piacque per nulla. Ma ero ccccciovane e non capivo una mazza. :P

      Elimina
    2. Essì missà che eri ccccciovane xD

      Capisco l' esclusione, comunque. Come per qualsiasi scelta dei "preferiti" in un gruppo, qualcosa di qualità rimane sempre fuori.

      Elimina
  5. Oculus come horror è piaciuto tanto anche a me (Sommo, leggendo ho visto che probabilmente t'è scappato un "doppiaggio" al posto di "montaggio") e per i tuoi stessi motivi, idem per Smetto quando voglio che effettivamente merita le più alte posizioni, anche più di altri filmoni blasonati :)

    Boyhood è un progettone enorme e innovativo per la sua realizzazione quindi sono convinta anch'io che un Oscar come miglior film non sarebbe scandaloso affatto; dispiace moltissimo però che Gone Girl sia stato praticamente snobbato perché per quel che riguarda la regia Linklater viene tranquillamente surclassato da Fincher, Eastwood e mille altri.

    Still Life invece devo ancora vederlo ma se nella tua classifica ha addirittura scalzato Scorsese, che dalle mie parti ha vinto incontrastato, mi toccherà guardarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, è scappato un doppiaggio al posto del montaggio. Grazie, corretto subito! :D

      Sulla faccenda degli Oscar: mah. Nel senso che alcune candidature erano doverose, alcune assenze sollevano davvero un botto di perplessità.

      Su Still Life mi ha proprio colpito emozionalmente, quindi ovviamente non sta ai livelli di Scorsese, ma è uno di quei gioielli che davvero mi porterò sempre dentro.

      Elimina
  6. Lego movie, stupendo(e non solo da fan dei mattoncini colorati). Soprattutto per quella velata ironia che si cela dietro quella più immediata. Un film che fa riflettere sul tempo e sulla società, capace di far sorridere.
    Poi La buca, con Castellitto e Papaleo. Malinconico e verace. Un film dipinto di grigi, di un Italia non contemporanea( nel film) ma strettamente attuale: verità e menzogna si fondono e occupano la superficie della stessa medaglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho visto ancora La Buca, rimedierò quanto prima.

      Elimina
  7. Dei top 10 ne ho visti 3, dei fuori quota, li ho visti 3/4 (pensa quindi qual è il 4°) . Condivido le tue scelte e molto probabilmente metterei quei 7 anche io in classifica, aggiungerei l'ultimo dello Hobbit, nonostante a molti non sia piaciuto e la Storia di una Ladra di Libri, ma sicuramente I Guardiani della Galassia che non comprendo non sia stato nemmeno menzionato =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carino "Storia di una ladra di libri", chissà com'è il romanzo.
      Sui Guardiani, la risposta alla tua domanda è qui: http://www.sommobuta.com/2014/11/guardiani-della-galassia-tartarughe.html

      Elimina
  8. Sommo l'hai visto Big Hero 6?

    Nella classifica mi incuriosisce Still Life, che non ho mai sentito nominare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne abbiamo parlato diverse volte qui di Still Life. :P

      VIsto Big Hero 6, mi ha detto poco.

      Elimina
    2. E controllando ora, dove ne abbiamo parlato hai pure commentato. BUHAHAHAHAH XD

      Elimina
    3. Sto schizzato Sommo.
      Mea Culpa :)

      Elimina
    4. Siamo in due, tranquillo XD

      Elimina
  9. Io ho fatto la calssifichetta nel blog, quindi ti rispondo linkandola http://cervellobacato.blogspot.it/2015/01/top-10-i-film-del-2014.html

    Snowpiercer non mi è piaciuto molto, non so. Avrebbe preso punti buoni in più (per i miei gusti) se il finale fosse stato diverso, e non dettato dalla rabbia del protagonista. Edge of Tomorrow merita solo perché Tommaso Missile muore tante ma tante ma tante volte. Magnifico!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si l'avevo letta (you know, sono un lurkone). Apes Revolution altro filmone, ma se devo dire due blockbuster dico quelli indicati, questo lo piazzerei subido dopo quei due. :P

      Elimina
  10. Totalmente d'accordo con la posizione riservata a The Wolf of Wall Street, ho amato il film e mi è molto dispiaciuto non vederlo vincere nemmeno un Oscar, soprattutto per il povero DiCaprio xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va detto però che McCoso se lo meritava più di DiCaprio, in Dallas Buyers Club è impressionante

      Elimina
  11. D'accordo con te sommo su The Wolf, American sniper e dragon trainer... Ma al primo posto avrei messo un certo Interstellar, che sì avra buchi scientifici (che, secondo il mio modestissimo parere, in quanto basati su pure teorie, non potrebbe confutarli neanche Sthephen Hawking completamente) e momenti lenti e noiosi (l'ormai famigerato monologo sull'amore, che, sempre secondo una mia modesta opinione, è sì smielato e forse troppo fuori contesto, ma dice una verità assoluta, che solo chi fà arte può comprendere appieno), ma per me rimane un capolavoro assoluto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come detto anche negli altri commenti, scelgo quei film che in un modo o nell'altro (e per una cosa o l'altra) più mi hanno colpito. :)

      Elimina
  12. Ho stoppato "Lego Movie" al minuto 10. Troppo stupido per i miei gusti. Insomma sommo. Io dico che "Big hero 6" è bello e tu dici che fa schifo. Io penso che "Lego Movie" faccia schifo e tu dici che è bello. Dillo che vai contro di me XD hahahaha
    Comunque ho visto solo pochi film di questa classifica quindi ti posso dire che concordo in pieno con il tuo pensiero su "Dragon Trainer 2" e ti dico che ho trovato "The Wolf of Wall Street" troppo esagerato. Mamma mia quanto si drogavano... e che è? Un overdose ogni 5 minuti gli sarebbe dovuta venire XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BUhahahahhahahahahah! E che ti devo dire? XD
      Se ti leggi il libro di Belfort è pure peggio del film, tra orge e overdose e festini ed esagerazioni. XD

      Elimina
  13. Ciao Sommo, finora ti ho seguito "nell'ombra" (mhauahuah) ma ho appena creato il mio account quindi eccomi qui! Alcuni di questi titoli li ho sul mio desktop sotto la voce "da vedere", altri li ho aggiunti dopo averti letto..quindi mi devo dar da fare nel recuperare tutti questi arretrati!
    "Smetto quando voglio" è stato l'ultimo film visto (in ritardo ma meglio tardi che mai) e l'ho apprezzato molto. Al di là di tutto ciò che si può dire di buono su questa pellicola mi è piaciuto tanto il personaggio del chimico Alberto Petrelli..le risate che mi ha fatto fare! :D

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro