44

A cosa serve un blog nel 2017?

Ciao!
Mi chiamo Angelo. A ottobre raggiungerò gli anni di Cristo (e quindi, a rigor di logica, potrei essere considerato a tutti gli effetti nel pieno dell’età della ragione, oltre che della maturità).
Forse vi ricordate di me perché, fino a qualche tempo fa, venivate tutti i giorni su questo spazietto digitale sperduto ai confini della blogosfera per leggere le mie idiozie.

Abitudine che avete perso, per il semplice motivo che lo spazietto digitale ai confini della blogosfera ha iniziato a non essere più aggiornato, sino a rimanere fermo del tutto.
Magari avete pensato: “Che peccato! Anni e anni di attività e dedizione #totaletombale, e adesso il nulla più assoluto! Sommobuta, ma perché hai lasciato stare tutto?”

Poi magari un giorno di gennaio arrivo io e vi dico: “Sapete perché non ho aggiornato più il blog? Perché sono stato 4 (QUATTRO) mesi senza internet a casa*!”
Bella storia, vero?


Magari lo è per voi.
Per me è stato un vero incubo. Al netto di molti progetti rimasti in stand by a cui sono stato oggettivamente impossibilitato a lavorare, non vi dico il CASINO per portare a termine alcuni progetti.
Per dire: lo avete visto il video su Ad Astra?
Come sarebbe a dire "NO“?
Questo qui:



Se è stato “facile” scriverlo, per reperire immagini, musiche e quant’altro è stata una sofferenza pura.
Un circolo della morte in piena regola.
Salva sul cellulare – Trasferisci tutto da cellulare a computer – Lavora al computer verificando fonti e altre cose via cellulare – Salva altre cose sul cellulare e portale di nuovo sul computer – Salva tutto – Trasferisci tutto da computer a cellulare – Carica su Interner (sperando che la connessione del cellulare non vada a 2 all’ora).

Ad ogni modo, eccoci.
E ne approfitto per anticipare qualche domanda che sicuramente mi farete.


“Tornerai a scrivere tutti i giorni?”
Non nell’immediato.
Per il momento manteniamoci però sul “palinsesto” Lunedì – Mercoledì – Venerdì.

“Tornerà il baretto dei Top Shonen?”
Non nell’immediato, ma appena mi metto in pari con My Hero Academia, un trittico One Piece – The Promised Neverland – My Hero Academia (più vari ed eventuali altri manga estemporanei) ci uscirà sicuramente.


Non sai cos'è The Promised Neverland? Guarda il video!

Questi mesi completamente “senza blog” mi hanno fatto pensare.
A cosa serve un blog nel 2017, quando ormai tutto passa dai Social Network, quandi 7 italiani su 10 non capiscono quello che leggono, quando “i ccciovani” preferiscono 50 ore di video su YouTube a 3 minuti di lettura di un post, quando l’articolazione di un pensiero complesso è ridotta a un meme condita da una frase precompilata di massimo 5 parole?
Diciamoci la verità: non serve più a nulla.
O quasi.

La piattaforma blogging, al netto di quegli spazi decennali che hanno un pubblico vastissimo, credo sia oggettivamente in declino. Aprire un blog oggi, con la molteplicità di social media esistente (e il livellamento culturale è un suicidio.
Oltre che una perdita di tempo.


Aforismi a casaccio

Però io l’ho sempre detto: il blog è la mia casa, la mia anima, il mio cuore, il mio cervello. È il posto “internettiano” che preferisco. E se momentaneamente ho preso una (lunga) vacanza – anche per cause di forza maggiore -, prima o poi sapevo che sarebbe giunto il momento di rientrare.
Nonostante sia un suicidio.
E nonostante sia, senza ombra di dubbio, una perdita di tempo.

In questi mesi ho pensato tantissimo anche al “mio approccio” sul web.
Noi che stiamo sul web (e questo l’ho scritto tantissime volte, potete andare a controllare qui sul blog facendo una rapida ricerca) ci stiamo perché, in un certo qual modo, dobbiamo soddisfare il proprio ego. Sotto sotto siamo tutti dei narcisisti.
Chi più, chi meno.
Quelli che vi dicono che scrivono (o che fanno video – o fanno “altro”) per “loro stessi” vi stanno dicendo una bugia enorme quanto una cattedrale.
Vogliono essere visti.
Vogliono essere notati.
Vogliono essere apprezzati.


Sarei un bugiardo e un ipocrita se dicessi che io sono diverso.
Mi fa piacere essere visto, letto, notato e apprezzato.
Ma sono sincero: non ho mai cercato “big likes” o “approvazione #totaletombale” a prescindere.
D’altronde oggi cosa ci vuole a diventare “famosi”?

Basta una critica a tizio, una parolaccia a caio, una finta argomentazione nei confronti di sempronio, ed è fatta. La forma è diventata il nuovo contenuto, la rissa sul web è il nuovo “panem et circenses” perché tutti possono essere protagonisti.

Io faccio parte di una minoranza – e me ne rendo conto.
Non ho mai giocato sporco.
Non ho mai utilizzato trucchetti.
Non sono mai ricorso a clickbait (e anche i contenuti con i titoli più trolloni rispecchiavano esattamente il titolo proposto).
Ho sempre cercato di essere il più trasparente e sincero possibile su ogni aspetto della mia attività online.


Il trittico blog – social network – youtube per me è sempre stato intercambiabile, ma in questi mesi di totale assenza dal blog ho capito una cosa che mi ha aperto gli occhi.
Un sacco di persone, là fuori, che mi vuole bene.
Ma soprattutto, ci sono un sacco di persone che sono interessate a quello che dico e al “come” lo dico.
Al famigerato “contenuto”.
Se “di qualità” o meno, lo decidono (e lo decideranno) loro.

I numeri sono mostri che ingannano la mente, e nonostante i numeri da queste parti siano sempre stati piccoli, ho sempre dato peso e credito alla qualità delle persone che hanno deciso (loro malgrado) di leggermi, vedermi, seguirmi.
E criticarmi nel merito.

Per alcuni rimarrò sempre, fino alla fine dei tempi, quello che parla di One Piece**.
Per altri sono quello che aveva un blog che è stato abbandonato.
Per altri ancora sono quello che ha una fanpage facebook, nella quale c’è gente educata che discute del più e del meno.
Per qualcuno sono un tipo che di tanto in tanto carica video su YouTube.
E poi c’è una minoranza che mi conosce quasi esclusivamente perché scrivo libri a tema fumetti.

Va beh dai, permettetemi lo spam! XD

Diciamo che in queste cinque figure “sommobutiche” mi ci rispecchio in pieno.
E nell’immediato futuro continuerò a fare quello che ho sempre fatto nel modo in cui ho sempre fatto.
Divertendomi in primis, e cercando al contempo di far divertire anche voi.

Poi se ogni tanto scrivo (o faccio un video) che dice qualcosa di interessante, fatemi un fischio.
Così almeno sappiamo tutti che non abbiamo perso tempo.

:D

Vabbè il pippone è finito.
Da mercoledì ritorna tutto normale con le solite stronzate su fumetti, libri, serie tv.
- e magari qualche pippone sui tempi in cui viviamo, tipo che stiamo vivendo in un mondo fascista 2.0 a tutti gli effetti e nessuno pare essersene accorto -
Promesso, eh.

-----------------

*Al che qualcuno potrebbe dire: “Perché non sei andato in biblioteca? Che diamine, sei a Londra!” E io gli risponderei: “Ci sono andato, in biblioteca. Non appena ci mettevo piede, scomparivano tutte le connessioni nel raggio di 3 km!”. Sarà che porto sfiga?

**Anche se è più di un anno che non faccio un video – ed è interessante notare come ogni tanto salta fuori qualcuno che mi linka il video di tizio o caio dicendo: “Lui fa video migliori dei tuoi”. E grazie: io non ne faccio più…

44 commenti:

  1. Il canale telegram inziava a non bastarmi più, "EVVIVAAAAAHHH!".
    Mi rattrista sempre un po' realizzare che un video di un'ora sia spesso preferito ad un articolo di venti righe...mi chiedo se il passaggio a un medium più fruibile sia una forma di progresso o meno. O se sia semplicemente qualcosa di diverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io rimango perplesso nel vedere video che parlano "del nulla" raggiungere numeri da capogiro, e parallelamente vedere video interessanti con i fantomatici "contenuti" non essere cagati nemmeno di striscio. Posso anche capire che la gente va sul tubo per rilassarsi, ma perdere 10 minuti del proprio tempo appresso al nulla cosmico è davvero "perdere tempo".

      Poi sono dell'opinione che ogni contenuto vada adattato al medium. Per dire, un contenuto come quello su Ad Astra non sarebbe stato mai possibile portarlo sul blog (e un saggio a tema sarebbe stato "inutile", dato che ci sono saggi specialistici sulla seconda guerra punica e specificamente su Canne).

      Però su YT non esistono nè video nè recensioni sul fumetto, quindi un contenuto del genere ben si adattava a quella piattaforma.

      Ma naturalmente è come "la penso io" al riguardo.

      Elimina
  2. Angelone, welcome back.
    Speriamo regolarmente xD

    Io avrei comunque messo un bel "Sarà Tommasi Zinne" o un "Jennifer Lawrence nuda", giusto per quei 5/10 click in più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non volevo essere troppo clickbait. XD

      Elimina
  3. non vedevo l'ora. anche in questo periodo di stanca mi sono ritrovato spesso a passare di qui: ogni tanto leggevo un libro, un fumetto, vedevo un film (magari tratto da un libro), e mi dicevo: ma di questo aveva parlato Sommobuta - di questo mi piaceva l'articolo che aveva fatto - di questo mi piaceva l'opinione che aveva espresso: e giù di letture e riletture.

    ho capito che oltre al "cosa" mi piace parecchio anche il "come": il modo di scrivere e di impostare.

    quindi, sì, non vedevo l'ora di poter leggere di nuovo le opinioni del Sommobuta su quello che leggo, che vedo (o che non ho ancora letto o visto) e tutte le altre amenità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore. Lo apprezzo davvero. :)

      Elimina
  4. Ammetto di aver scoperto il blog tardi, ma l'ho sempre seguito con piacere, pur non essendo "fan assoluto" di One Piece. E ci son rimasto male quando ho visto che non veniva pubblicato più nulla.
    Riguardo al post, sono d'accordo su tutto. Ho anche io un blog, e l'ho fatto nascere anche recentemente, quindi un mi sono buttato da un balcone mentre mi sparavo al cervello. Ma mi piace, probabilmente per gli stessi motivi tuoi. Indi, felicissimo del tuo ritorno!

    (Ah, intanto mentre tu non c'eri la recensione dei primi 10 capitoli di The Promised Neverland l'ho fatta io. Che poi l'avevo scoperto proprio grazie a te.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se clicco sul tuo nome vengo reindirizzato al tuo profilo G+, non al tuo blog.
      Linkamelo, me lo spulcio con piacere. ;)

      Elimina
    2. Mille sinceri grazie, davvero!
      http://ilblogdidelux.blogspot.it/
      (Il post è di un po' di tempo fa, quindi dovrai spulciare abbastanza)

      Elimina
  5. Per me - e probabilmente solo per me :D - rimani anche quello del Buta's Bookmark, che poi hai abbandonato, ma che per il suo breve tempo ho trovato molto interessante.

    Ma in fondo seguo con piacere anche la pagina Facebook e il Viagra, dai cui consigli ho iniziato a leggere un bel po' di fumetti come Ad Astra, One Punch Man, The Promised Neverland. Che altro dire? Bentornato ^_^ .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, c'è in ballo un progetto editoriale che se parte...beh, ti piacerà senz'altro.

      Ma non dico nulla per il momento. :)

      Elimina
  6. Guarda, tu vai avanti senza guardare in faccia a nessuno e vedrai che tutto andrà bene. XD

    RispondiElimina
  7. io volevo chiederti un parere su un opera che conoscono quasi tutti, anche a causa del cartone animato, ovvero Le Rose di Versailles. Io ero indeciso se iniziare a leggerlo(ho visto qualche episodio dell' anime da piccolo) anche perchè ho sentito persone definirlo una pietra miliare. Tu me lo consigli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po' OT ma in parte sotto consiglio del sommo ho letto il sequel Eroica, molto bello e interessante. Quindi dovrebbe esserlo anche Versailles...

      Elimina
    2. grazie mille, allora lo inzierò

      Elimina
    3. Eroica è meraviglioso. Ma le Rose di Versailles l'ho trovato illegibile. A parte che è a tutti gli effetti uno shojo con tutti i difetti degli shojo. Ma ha una costruzione della tavola inguardabile e dei disegni...brrr...

      Puoi provare a leggere i primi volumi via scan, se ti convince recupera il cartaceo. :)

      Elimina
    4. Confermo l'illeggibilità di Le Rose di Versailles, e mi fa male dirlo in quanto appassionata all'ultimo stadio del Lady Oscar televisivo. Piuttosto recupera tutti gli episodi di quello e, se ti piace il genere o le atmosfere da Rivoluzione Francese, aggiungi il manga Innocent perché è spettacolare :)

      Elimina
    5. confermo che i disegni sono abbastanza brutti come anche l' impaginazione. Detto ciò, vi ringrazio dell'aiuto e mi leggerò Eroica e mi informerò su Innocent

      Elimina
  8. Approvo il baretto con My Hero Academia e The Promised Neverland.

    RispondiElimina
  9. Bentornato in "full-internet mode" dunque!
    Di solito faccio il lurker leggendo qua e là senza scrivere nulla, seguendo il vecchio adagio "se uno non ha niente di intelligente da dire meglio se sta zitto", adagio che rispetto gran poco essendo logorroico XD ma almeno per il bentornato ci stava. E per ringraziare per le piacevoli letture, nel mio caso soprattutto per i saggi di cui ho avuto il piacere di fare parecchie copertine.
    Attendo con piacere l'uscita dei futuri saggi fumettosi butici (sì, ok, detto da uno dei copertinisti suona decisamente di parte ohohoh).
    Ero convinto già col video di Ad Astra ci fosse stata una semi-resurrezione di internet e invece è nato tra vicissitudini tormentate.
    Sulla questione di fare cose per sé stessi sicuramente come dici tu c'è la soddisfazione mettendo in rete, pubblicando, appendendo per strada, proiettando in cielo, di vedere che quello che si fa piace (o fa schifo, vabbe' succede anche quello T_T), viene condiviso e se ne parla. D'altronde come dici tu stesso uno si diverte anche, quando fa determinate cose, e a fine lavoro c'è sempre -almeno per me- il momento "urca che bello che è venuto" che dà le sue soddisfazioni prima di averne altre -o meno- dai giudizi altrui. O anni dopo il momento "davvero ho fatto io questo? Allora non sono così male" XD che sfata un po’ il mito che un creativo non sia mai contento dei suoi lavori (cosa che comunque ha la sua dose di verità).

    Quindi penso che la cosa oscilli tra i due estremi del piacere personale e del piacere di ricevere complimenti. Beh, sempre piacere è, quindi suppongo sempre narcisismo sia. Mi è comunque capitato di incappare in qualche raro caso di persone incentrate sul fare per sé e basta, ma sono appunto rari casi, e se da un lato li invidio non credo riuscirei mai come loro a far ruotare la mia vita così tanto attorno a una cosa sola.
    Il blog come piattaforma mi ha sempre ispirato personalmente, per cui per me i blog sono sempre stati e sempre saranno sensati, per quanto il tempo passi e il modo di vivere internet si modifichi.
    Alla fine ho bazzicato e bazzico vari blog, principalmente di vignette -dato che mi catturano più di altri temi per interesse personale- e se ho voluto aprire un tumblr per i miei lavori al posto di pubblicarli solo su Facebook lo devo appunto ai vari blog, tra cui il tuo, che ho potuto conoscere negli anni.

    Il fatto poi che siano piattaforme più versatili di Facebook e altri “luogi” della rete non guasta. Quei malvagi di Facebook non mi lasciano nemmeno cambiare una vignetta se mi sono accorto solo dopo di un errore a meno di non cancellarla, mentre su Tumblr posso modificare a piacimento un post quando mi pare. Anche se un blog che seguo possiede una pagina Facebook, come Figures in Action per esempio, preferisco comunque guardarmi sempre “l’originale” sul blog. Sarà anche derivato dalla fissa mia di voler dare un occhio al formato originale da cui qualcosa che mi piace è nato, che sia stato in origine un fumetto, un cartone, un romanzo ecc…
    Perdinci ma quanto parlo D: starò mai zitto? Vabbe’ visto che commento una volta all’anno dopo questo pistolotto ci saranno mesi di pace dei sensi XD

    In poche parole bentornato appunto, grazie per le belle letture, ci si risente qua e là per il web, ciao ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuro che più spazi ce li avevo messi prima di pubblicarlo D:

      Se non faccio sempre casini...

      Elimina
    2. Ciao Carletto, che piacere leggerti qui! Ti pensavo proprio oggi perchè sì, beh, a giorni ti rompo le palle proprio per chiederti qualcosa a riguardo di una copertina.
      Le sinergie... XD

      Su quello che dici, concordo. L'importante è trovare il giusto equilibrio che ci soddisfi. Io spesso rileggo cose mie vecchie e penso: "Però è scritto bene. Se lo dovessi riscrivere oggi scriverei peggio." Se non proprio: "Oggi non saprei cosa scrivere a riguardo."

      Viceversa, sui video, quando li rivedo, penso sempre che fanno schifo. Sul momento mi convincono, poi quando li riguardo mi accorgo che sì: fanno schifo. XD

      Elimina
    3. I poteri telepatici! XD

      Beh anche non essere soddisfatti ha i suoi lati positivi, c'è lo sprone per migliorarsi ^ ^

      Poi ci sono quei giorni che per quanto ti ci metti disegni sempre cose deformi ahahah, suppongo sia lo stesso con scrittura e video, poi magari il giorno dopo o cose così tutto si incastra perfettamente e si riesce a risolvere in poco una cosa che non veniva seppur dopo ore di tentativi.

      A volte basta solo anche solo cambiare approccio.

      Vabbè ho scritto fin troppo, torno a fare il lurker *faccina da ninja*

      Elimina
  10. Bentornato sommo paesano :)
    A me piace leggere il tuo blog e hai un bel modo di esprimerti. Apprezzo anche i video sul tuotubo, anche se non riesco a vederli sempre: as esempio ho cominciato a seguire Ad Astra da quando ne parlasti la prima volta qui sul blog, ma il video ancora non ho avuto il tempo di vederlo.
    Comunque commettavo solo per farti i complimenti e per esprimere la giuia nel vedere il blog di nuovo aggiornato
    ^___^

    RispondiElimina
  11. Bentornato caro Sommobuta :)
    Capisco benissimo le tue peripezie con internet... Io non ho avuto la connessione per 4 giorni e stavo impazzendo! Immagino te come stavi per tutto questo tempo...
    Sai a volte mi chiedo perchè scriviamo ancora sui blog dopo tutto questo tempo. La mia risposta è sempre una: per la pura voglia di farlo... Ma non ti nego che ultimamente sto confuso su quel piano.
    In ogni caso, bentrovato caro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, "la voglia" (e la testardaggine, aggiungerei) è il carburante essenziale per tutto.
      Poi comunque sì, questi 4 mesi sono stati un dramma. XD

      Elimina
    2. Credimi Angelo... Non te lo dico per "lecchinaggio", ma sono davvero felice del tuo ritorno :D

      Elimina
  12. Vabbuoh sta faccina del maiale è ormai ingranata tra i preferiti di Chrome da secoli, come si può togliere il giretto a vuoto in mezzo ai momenti morti a casa/lavoro?

    MA COS.... 2 Post? Il ritorno del Buta "critico sociale mi piango addosso perchè il mondo è cattivo ignorante ma amo scrivere e vi amo tutti ma son anche un po narcisista oddio che casino flusso di pensieri random ma presto tornano i contenuti ragionati un po'nerd un po' casaccio" ?

    OH MIO DIO! BUTA IS BACK MUDDAFACCA! CHE LA FESTA ABBIA INIZIO! CHE L'ICONA RIPRENDA IL SUO MERITATO POSTO TRA I PRIMI PREFERITI NON LAVORATIVI/SOCIAL NETWORKIANI!

    Buta manca solo che convinci anche 88Ferro a tornare e praticamente diventerai ufficialmente il dio dei vecchietti nerd old school.

    Caverna da solo si è ammansito, appiattito, ora serve il vostro ritorno per ricordare a Moccia chi comandava il settore secoli internettiani fa. (10 anni al massimo lo so..)

    Va beh basta cagata, si torna a lavorare.

    PS. Se passi a Brighton fammi un fischio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "critico sociale mi piango addosso perchè il mondo è cattivo ignorante ma amo scrivere e vi amo tutti ma son anche un po narcisista oddio che casino flusso di pensieri random ma presto tornano i contenuti ragionati un po'nerd un po' casaccio"

      E' il riassunto più bello che abbia mai letto. :D

      Elimina
  13. Bentornato Angelo!
    Sono davvero contento dell'annuncio. Ti ho sempre seguito con interesse perché sei uno dei pochissimi che parla di fumetti cercando di aggiungere qualcosa all'argomento o di portare la discussione oltre al discorso puerile del: "bello, informazioni del volume, fine." (C'é Google per quello).

    Buona scrittura, spero darai più spazio ai fumetti che al resto. Saluti da un lettore molto silenzioso, ma che legge tutto con piacere, Andrea.

    RispondiElimina

 
Copyright 2009 Il Viagra della Mente Template creato da Angelo "sommobuta" Cavallaro